Iraq nel caos. Rischio golpe, mentre Isis avanza

Pubblicato il 11 agosto 2014 da redazione

BAGHDAD/BEIRUT. – Il caos regna a Baghdad, dove il presidente della Repubblica, Fuad Masum, ha incaricato un esponente sciita, Haidar al Abadi, di formare un nuovo governo che favorisca una riconciliazione con la comunita’ sunnita, ma il premier in carica Nuri al Maliki non da’ segno di volersi dimettere, definendo tale decisione una “violazione della Costituzione” e attaccando gli Stati Uniti, che sarebbero “al fianco” di chi vuole metterlo da parte. Barack Obama, da parte sua, benedice la svolta politica e non esclude nuovi raid contro gli integralisti dell’Isis. L’inviato dell’Onu a Baghdad, Nicolay Mladenov, ha messo in guardia Al Maliki dalla tentazione di un colpo di Stato, invitando le forze di sicurezza ad astenersi da “interferenze” nel processo “politico democratico”, dopo che la notte scorsa il premier ancora in carica aveva mobilitato un ingente schieramento di esercito e polizia intorno alla Zona Verde, il cuore politico di Baghdad. Nel frattempo le forze dello Stato islamico (Isis) hanno conquistato la citta’ di Jalawla, 130 chilometri a nord-est di Baghdad, dopo che ieri avevano perduto quelle di Makhmur e Guwair, dove erano entrati i Peshmerga curdi, appoggiati dai raid aerei americani. Mentre continua il dramma di decine di migliaia di profughi della minoranza Yazidi, fuggiti nei giorni scorsi dalla citta’ di Sinjar conquistata dai jihadisti. Secondo la deputata Vian Dakhil, appartenente a questa comunita’, “50 bambini al giorno” muoiono sulle montagne intorno a Sinjar, dove molti sfollati sono bloccati senza viveri ed acqua. Altre migliaia, invece, affrontano in condizioni difficilissime il viaggio verso la frontiera siriana, distante decine di chilometri, per mettersi in salvo. L’Isis “non vuole fare altro che un genocidio della minoranza curda”, hanno denunciato i rappresentanti di questa comunità. E anche il segretario generale della Lega Araba, Nabil al Arabi, ha condannato come “crimini contro l’umanità” che “vanno puniti” le violenze compiute dall’Isis. Di “minaccia” hanno parlato anche il presidente americano Barack Obama ed il premier italiano Matteo Renzi in un colloquio telefonico, sottolineando l’urgenza “degli sforzi per rispondere” all’Isis e di “assicurare l’assistenza umanitaria ai più vulnerabili e la protezione dei civili sul monte Sinjar”. Obama si è poi detto pronto ad altri raid aerei “qualora l’Isis dovesse minacciare la gente intrappolata”. Proprio gli Stati Uniti hanno detto che stanno fornendo anche direttamente armi ai miliziani curdi. Mentre il ministro degli esteri italiano, Federica Mogherini, ha riferito che si sta valutando insieme ai principali partner europei la possibilita’ di un “sostegno” al governo curdo. Anche il suo omologo francese, Laurent Fabius, ha affermato che “e’ indispensabile che l’Unione Europea si mobiliti per rispondere alla richiesta d’aiuto” dei curdi, che hanno “necessità imperiosa di disporre di armi e munizioni”. Da parte sua, il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond ha detto di non vedere “un ruolo militare al momento” per il suo Paese, che partecipa con gli Usa al lancio di aiuti umanitari per i profughi Yazidi. Sia gli Usa sia la Ue hanno accolto con favore la nomina di un nuovo primo ministro. Obama ha definito l’incarico a Abadi un “passo promettente” per la nascita di un “governo inclusivo” e il vice Joe Biden, in una conversazione telefonica con il presidente Masum, ha parlato di “tappa fondamentale”. Mentre il portavoce dell’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea, Catherine Ashton, ha detto che Bruxelles incoraggia la formazione di un esecutivo che “preservi l’unità nazionale e sia in grado di affrontare l’attuale crisi”. Dopo aver ricevuto l’incarico, Al Abadi, che ha una fama di pragmatico e abile tessitore di alleanze, ha fatto appello a tutti gli iracheni perche’ mostrino “unita’ contro la selvaggia offensiva dello Stato islamico”. Ma un deputato vicino ad Al Maliki, Hanan al Fatlawi, ha affermato che la nomina del nuovo primo ministro “non ha valore legale”. Al Abadi, ha detto Al Fatlawi, “non rappresenta la formazione dello Stato del Diritto”, la coalizione dello stesso Al Maliki, che fa parte della piu’ grande coalizione sciita Alleanza Nazionale. Masum ha dato l’incarico ad Al Abadi su indicazione dell’Alleanza Nazionale. La situazione rimane dunque tesa, dopo che la notte scorsa in un discorso televisivo Al Maliki aveva annunciato di volere avviare un’azione legale contro Masum, accusandolo di avere violato la Costituzione. Il primo ministro ancora in carica, infatti, ritiene che entro ieri il presidente avrebbe dovuto nominare lui stesso primo ministro per la terza volta, considerato che la sua formazione dello Stato del Diritto abbia vinto le elezioni del 30 aprile. Stamane alcuni media governativi avevano detto che la Corte Federale aveva dato ragione ad Al Maliki, ma successivamente l’organo giudiziario ha smentito. Centinaia di sostenitori di Al Maliki sono scesi in piazza in mattinata a Baghdad per chiedere che gli venisse conferito un nuovo incarico. (di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora