Anche truppe Usa in campo per salvare la minoranza Yazidi

Pubblicato il 13 agosto 2014 da redazione

BAGHDAD/BEIRUT. – I raid americani dal cielo e il lancio di aiuti umanitari in Iraq non bastano. I Paesi occidentali, Stati Uniti in testa, stanno mettendo a punto un piano per l’evacuazione di decine di migliaia di profughi, molti appartenenti alla minoranza Yazidi, rimasti intrappolati sulle montagne intorno a Sinjar. E secondo fonti citate dal Wall Street Journal una delle opzioni è un’operazione sul terreno che metterebbe le truppe americane a confronto diretto con i combattenti sunniti dello Stato islamico (Isis), quasi tre anni dopo il ritiro degli ultimi soldati Usa dal Paese. Anche il New York Times afferma che gli Usa potrebbero usare truppe di terra per salvare i rifugiati iracheni. Gli aerei americani hanno lanciato altri sette raid per fornire viveri e medicine agli Yazidi e contro le postazioni dell’Isis, secondo quanto riferito dal consigliere aggiunto alla Sicurezza nazionale, Ben Rhodes. Intanto a Baghdad, dove quattro autobomba hanno ucciso almeno 16 persone e ne hanno ferite 46, il premier ancora in carica Nuri al Maliki ribadisce il rifiuto a dimettersi, nonostante l’incarico conferito ad un altro sciita, Haidar al Abadi, per formare un governo di riconciliazione nazionale con la comunità sunnita. Il segretario alla Difesa, Chuck Hagel, ha sottolineato che i soldati americani “non torneranno in Iraq per missioni di combattimento”, dopo che il Pentagono ha deciso l’invio di 130 nuovi consiglieri militari, oltre ai 300 già presenti. Ma le pressioni crescono, anche da ambienti cattolici, perché i Paesi occidentali si muovano con decisione per salvare le popolazioni civili, in particolare le minoranze cristiane e Yazidi, dalle violenze dei jihadisti. La Conferenza episcopale francese ha chiesto esplicitamente di “usare la forza con pertinenza, giustezza e proporzione”, parlando di “genocidio” in corso. Mentre Papa Francesco, in una lettera al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha sottolineato l’esigenza di “azioni concrete di solidarietà, per proteggere quanti sono colpiti o minacciati dalla violenza”. “Eseguiremo una valutazione rapida e critica perché pensiamo che sia urgente cercare di far uscire questi profughi dalle montagne”, ha detto il segretario di Stato americano John Kerry, riferendosi ai circa 30.000 rifugiati ancora bloccati dall’offensiva jihadista. Il premier britannico David Cameron ha detto che anche Londra, che gia’ partecipa al lancio di aiuti umanitari per i profughi, ”avra’ un ruolo” nella missione internazionale di soccorso, aggiungendo che si stanno mettendo a punto ”piani dettagliati”. Cameron ha tuttavia sottolineato di non credere che sia necessario richiamare in seduta il Parlamento, che dovrebbe dare il via libera nel caso di un intervento militare. L’Iraq, insieme con la Libia e Gaza, sara’ al centro di una riunione straordinaria dei ministri degli Esteri della Ue convocata per il giorno di Ferragosto dall’Alto rappresentante per la politica estera Catherine Ashton. Dalla discussione, ha detto il ministro degli Esteri italiano, Federica Mogherini, “deve uscire non solo una dichiarazione di principio condivisa su tutti e tre gli scenari di crisi, ma una decisione su un’azione comune forte e coordinata”. Intanto il presidente francese Francois Hollande ha già deciso di inviare armi per i Peshmerga curdi in prima linea contro l’avanzata dell’Isis, come già fatto dagli Usa. Il primo ministro Al Maliki, sebbene sempre più isolato sul piano interno e internazionale, resiste nel suo proposito di non dare le dimissioni, affermando che lo farà solo se dovesse dargli torto la Corte Federale, alla quale ha fatto ricorso affermando che la nomina di Al Abadi è “una violazione della Costituzione”. Intanto alcune centinaia di sostenitori di Al Maliki sono tornati a manifestare sulla Piazza Ferdus di Baghdad. Ma anche L’Organizzazione della conferenza islamica (Oci) si è congratulata con Al Abadi per l’incarico ricevuto. Prima era stato l’Iran, finora grande protettore di Al Maliki, ad appoggiare la scelta del nuovo premier, allineandosi praticamente alla posizione degli Usa. Mentre adesso anche la Siria, alleato di ferro di Teheran nella regione, ha accolto con favore la scelta di Al Abadi. (Alberto Zanconato/Ansa)

Ultima ora

23:21Attico Bertone: torna ‘giallo’ doppie fatture

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 SET - Torna il 'giallo' del doppio pagamento per la ristrutturazione dell'appartamento dell'ex Segretario di Stato vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. Nel processo in corso in Vaticano, l'ex presidente della Fondazione Bambino Gesù, Giuseppe Profiti (accusato di peculato) aveva definito 'falsa' questa ipotesi, perché la Fondazione aveva cofinanziato i lavori dell'appartamento mentre il Governatorato aveva pagato i lavori per le parti comuni di Palazzo San Carlo. Oggi, invece, l'ombra del doppio pagamento a vantaggio delle imprese di Gianantonio Bandera, di cui si è parlato nei mesi scorsi, di fatto è rispuntata. Marco Bargellini, alla guida della sezione 'edilizia' della Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato, ha detto che l'ente ha pagato tutto, non sapendo che i lavori erano stati pagati anche dalla Fondazione. Durante un'udienza di sei ore, è anche emerso che nell'appartamento non sono mai stati effettuati i collaudi.

23:12Calcio: Bayern raggiunto dal Wolfsburg sul 2-2

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Non sono bastate due reti di vantaggio al Bayern Monaco per condurre in porto la partita contro il Wolfsburg, conclusasi 2-2. Sul campo della Allianz Arena, nell'anticipo della sesta giornata di Bundesliga, le reti di Lewandowski (33', su rigore che lo stesso attaccante polacco si era procurato) e Robben (42') sembravano aver messo in discesa l'incontro per la formazione allenata da Carlo Ancelotti. Ma nella ripresa la reazione del Wolfsburg ha sorpreso i bavaresi, che hanno incassato all'11' il gol su punizione di Arnold ed a 7' dalla fine quello di Didavi. Il Bayern ha così fallito il momentaneo sorpasso sul Borussia Dortmund capolista, raggiunto a 13 punti, che domani affronta il Moenchengladbach.

22:28Usa: McCain resiste su Obamacare, ‘non voto nuovo testo’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 SET - Il senatore repubblicano John McCain ha annunciato che non voterà per la nuova proposta di legge per la revoca di Obamacare, infliggendo così un altro duro colpo al tentativo dei repubblicani di raggiungere i 50 voti necessari al Senato per mandare avanti l'iter. "Non posso in buona coscienza votare per la proposta Graham-Cassidy. Credo che possiamo fare meglio, lavorando insieme repubblicani e democratici, e non abbiamo ancora davvero provato", ha affermato McCain. Il testo, messo a punto dai senatori Bill Cassidy e Lindsey Graham, è l'ultima possibilità di passare una proposta di legge che smantelli l'Affordable Care Act (detto Obamacare) voluto da Barack Obama, prima della scadenza del 30 settembre. Il voto è previsto infatti per la prossima settimana. La determinazione di McCain, che invoca collaborazione bipartisan dopo averne già interrotto l'iter in luglio, mette così nuovamente a rischio il tentativo dei repubblicani di sostituire l'Obamacare, su cui spinge il presidente Donald Trump.

22:20Maria: cede diga Porto Rico, allagate due cittadine

(ANSA) - SAN JUAN DE PORTORICO (STATI UNITI), 22 SET - La diga di Guajataca, a Porto Rico, ha ceduto e sta provocando alluvioni "estremamente pericolose", in particolare in due cittadine lungo il fiume: lo ha annunciato il servizio meteo Usa (Nws), citato da Bbc, aggiungendo che è in corso l'evacuazione della popolazione di due centri abitati lungo il fiume. Sotto l'azione delle piogge portate dall'uragano Maria, che sta devastando i Caraibi, il cedimento è avvenuto alle 14:10 locale, le 21.10 italiane, allagando subito le cittadine di Isabela e Quebradillas.

21:46Uccisa da veicolo poi in fuga, denunciato camionista

(ANSA) - CASTELFIORENTINO (FIRENZE), 22 SET - È un camionista residente nel Pisano la persona denunciata dai carabinieri perché accusato dell'omicidio stradale di Sara Scimmi, la 19enne investita e uccisa il 9 settembre scorso a Castelfiorentino (Firenze) lungo la strada regionale 429. Secondo gli accertamenti dei carabinieri l'uomo quella sera era alla guida di un tir di proprietà di un'azienda umbra, i cui segni delle gomme sarebbero riconducibili a quelli lasciati sull'asfalto. Il dettaglio chiave è stato un logo sul telone del mezzo pesante, individuato in una ripresa di videosorveglianza visionata dai carabinieri. Il confronto con alcune riprese effettuate a distanza di ore a un casello autostradale, seguendo un ipotetico tracciato, ha permesso di individuare definitivamente mezzo e autista. Il conducente ha negato ogni coinvolgimento e il veicolo, sequestrato, sarà oggetto di approfondimenti da parte dei Ris di Roma.

21:46Calcio: Balotelli a segno, Nizza riacciuffa l’Angers

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Con un gol siglato al 39' su rigore Mario Balotelli ha avviato la rimonta del Nizza che contro l'Angers si era trovato sotto 2-0, in casa, nell'anticipo della settima giornata di Ligue 1. Il doppio vantaggio degli ospiti nasceva dalle reti di Pavlovic al 12' ed Toko Ekambi al 34'. Al 31' della ripresa l'autogol di Ismael Traoré ha fissato il risultato sul 2-2. Il Nizza sale a 10 punti, l'Angers a 8.

21:04Migranti: archiviata inchiesta molestie in Cpa nel Padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 SET - La Procura di Padova ha disposto l'archiviazione dell'inchiesta che vedeva alcuni migranti ospitati nel centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova) accusati di molestie sessuali nei confronti di alcune dipendenti di una cooperativa che si occupa delle pulizie nel centro. La denuncia era stata avanzata nello scorso marzo da un gruppo di lavoratrici che hanno raccontato ai carabinieri di essere state prima vittime di battute oscene da parte dei richiedenti asilo, poi di essere state seguite nei locali della base durante il turno di lavoro. Tra le motivazioni dell'archiviazione da parte della Procura c'è anche l'impossibilità di individuare con certezza i responsabili delle presunte molestie. (ANSA).

Archivio Ultima ora