Anche truppe Usa in campo per salvare la minoranza Yazidi

Pubblicato il 13 agosto 2014 da redazione

BAGHDAD/BEIRUT. – I raid americani dal cielo e il lancio di aiuti umanitari in Iraq non bastano. I Paesi occidentali, Stati Uniti in testa, stanno mettendo a punto un piano per l’evacuazione di decine di migliaia di profughi, molti appartenenti alla minoranza Yazidi, rimasti intrappolati sulle montagne intorno a Sinjar. E secondo fonti citate dal Wall Street Journal una delle opzioni è un’operazione sul terreno che metterebbe le truppe americane a confronto diretto con i combattenti sunniti dello Stato islamico (Isis), quasi tre anni dopo il ritiro degli ultimi soldati Usa dal Paese. Anche il New York Times afferma che gli Usa potrebbero usare truppe di terra per salvare i rifugiati iracheni. Gli aerei americani hanno lanciato altri sette raid per fornire viveri e medicine agli Yazidi e contro le postazioni dell’Isis, secondo quanto riferito dal consigliere aggiunto alla Sicurezza nazionale, Ben Rhodes. Intanto a Baghdad, dove quattro autobomba hanno ucciso almeno 16 persone e ne hanno ferite 46, il premier ancora in carica Nuri al Maliki ribadisce il rifiuto a dimettersi, nonostante l’incarico conferito ad un altro sciita, Haidar al Abadi, per formare un governo di riconciliazione nazionale con la comunità sunnita. Il segretario alla Difesa, Chuck Hagel, ha sottolineato che i soldati americani “non torneranno in Iraq per missioni di combattimento”, dopo che il Pentagono ha deciso l’invio di 130 nuovi consiglieri militari, oltre ai 300 già presenti. Ma le pressioni crescono, anche da ambienti cattolici, perché i Paesi occidentali si muovano con decisione per salvare le popolazioni civili, in particolare le minoranze cristiane e Yazidi, dalle violenze dei jihadisti. La Conferenza episcopale francese ha chiesto esplicitamente di “usare la forza con pertinenza, giustezza e proporzione”, parlando di “genocidio” in corso. Mentre Papa Francesco, in una lettera al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha sottolineato l’esigenza di “azioni concrete di solidarietà, per proteggere quanti sono colpiti o minacciati dalla violenza”. “Eseguiremo una valutazione rapida e critica perché pensiamo che sia urgente cercare di far uscire questi profughi dalle montagne”, ha detto il segretario di Stato americano John Kerry, riferendosi ai circa 30.000 rifugiati ancora bloccati dall’offensiva jihadista. Il premier britannico David Cameron ha detto che anche Londra, che gia’ partecipa al lancio di aiuti umanitari per i profughi, ”avra’ un ruolo” nella missione internazionale di soccorso, aggiungendo che si stanno mettendo a punto ”piani dettagliati”. Cameron ha tuttavia sottolineato di non credere che sia necessario richiamare in seduta il Parlamento, che dovrebbe dare il via libera nel caso di un intervento militare. L’Iraq, insieme con la Libia e Gaza, sara’ al centro di una riunione straordinaria dei ministri degli Esteri della Ue convocata per il giorno di Ferragosto dall’Alto rappresentante per la politica estera Catherine Ashton. Dalla discussione, ha detto il ministro degli Esteri italiano, Federica Mogherini, “deve uscire non solo una dichiarazione di principio condivisa su tutti e tre gli scenari di crisi, ma una decisione su un’azione comune forte e coordinata”. Intanto il presidente francese Francois Hollande ha già deciso di inviare armi per i Peshmerga curdi in prima linea contro l’avanzata dell’Isis, come già fatto dagli Usa. Il primo ministro Al Maliki, sebbene sempre più isolato sul piano interno e internazionale, resiste nel suo proposito di non dare le dimissioni, affermando che lo farà solo se dovesse dargli torto la Corte Federale, alla quale ha fatto ricorso affermando che la nomina di Al Abadi è “una violazione della Costituzione”. Intanto alcune centinaia di sostenitori di Al Maliki sono tornati a manifestare sulla Piazza Ferdus di Baghdad. Ma anche L’Organizzazione della conferenza islamica (Oci) si è congratulata con Al Abadi per l’incarico ricevuto. Prima era stato l’Iran, finora grande protettore di Al Maliki, ad appoggiare la scelta del nuovo premier, allineandosi praticamente alla posizione degli Usa. Mentre adesso anche la Siria, alleato di ferro di Teheran nella regione, ha accolto con favore la scelta di Al Abadi. (Alberto Zanconato/Ansa)

Ultima ora

06:10Trump: ex numero uno wrestling mondiale ministro pmi

(ANSA) - NEW YORK, 8 DIC - Dopo i generali e i milionari, nel governo Trump entra anche l'ex numero uno del wrestling mondiale: si tratta di Linda McMahon, che è stata Ceo della World Wrestling Entertainment. Il presidente eletto, con un passato nel mondo del wrestling, l'ha nominata ministro per le piccole imprese.

01:22Calcio: Dybala, in Champions non dobbiamo temere nessuno

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Sono molto contento di essere rientrato, avevo tanta voglia di tornare in campo. In questi giorni non ho avuto nessun fastidio, non so se sono pronto per giocare 90 minuti, ma per giocare di più rispetto a stasera sì". Paulo Dybala ha espresso così la sua soddisfazione per il ritorno in campo. "Io trequartista dietro due punte? Questo bisogna chiederlo al mister. Ho fatto il trequartista tante volte e non ho nessun problema a giocare lì, ma le scelte poi le fa l'allenatore. In attacco mi trovo bene in tutti i ruoli, trequartista, seconda o prima punta" ha aggiunto. Per gli avversari degli ottavi di Champions l'argentino assicura di non avere preferenze: "Va bene qualsiasi squadra, non dobbiamo avere paura. Con la rosa che abbiamo possiamo battere chiunque, dipenderà solo da noi".

01:19Calcio: Allegri, primo obiettivo raggiunto

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Era importante passare come primi, in più non avevamo mai vinto in casa in Champions. Abbiamo raggiunto il primo obiettivo stagionale". Massimiliano Allegri ha posato la prima pietra ed analizza la vittoria sulla Dinamo Zagabria. Se essere passati come primi sarà un bene "lo deciderà la pallina del sorteggio". Il tridente potrebbe essere una soluzione futura "anche a partita in corso". La gara di Pjanic è piaciuta al tecnico bianconero: "E' uno dei giocatori che ha giocato di più, contro l'Atalanta ha fatto una gara intensa, oggi c'erano meno spazi ma ha fatto delle buone giocate". Allegri non pone limiti alla sua squadra: "Non ci manca assolutamente niente, ho ottimi giocatori che vanno sfruttati per le loro qualità. In questo momento stiamo facendo bene, siamo primi in classifica in campionato e siamo passati agli ottavi di Champions come primi. Più di così non potevo chiedere".

00:33Calcio: Champions, 5-0 al Leicester e Porto agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Il Porto batte il Leicester 5-0 e si qualifica agli ottavi di finale della Champions League come seconda del gruppo G. Reti: 6' e 65' (rig.) André Silva, 26' Corona, 44' Brahimi, 77' Diogo Jota. Il Borussia Dortmund pareggia 2-2 in casa del Real Madrid (28' e 53' Benzema, 61' Aubameyang, 88' Reus) e vince il girone F. Altri risultati: Tottenham-Cska Mosca 3-1 (gruppo E); Bruges-Copenhagen 0-2 (gruppo G); Legia Varsavia-Sporting Lisbona 1-0 (gruppo F); Bayer Leverkusen-Monaco (gruppo E).

00:11Calcio: Champions, Juventus prima nel girone H

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - La Juventus chiude al primo posto il girone H di Champions League grazie al successo di stasera per 2-0 sulla Dinamo Zagabria. Nel primo tempo i bianconeri non danno l'impressione di spingere eccessivamente vista la matematica qualificazione agli ottavi con un turno di anticipo. Ci provano Higuain, Pjanic (su punizione) e Mandzukic ma la difesa croata è sempre attenta. La partita si sblocca al 52' quando Higuain con un destro preciso da dentro l'area di rigore batte il portiere della Dinamo Ivakovic. Il 2-0, dopo un'occasione di Pjanic, arriva al 73' con un colpo di testa di Rugani su azione di calcio d'angolo. Nel finale spazio anche per Dybala, al rientro dopo l'infortunio riportato nella sfida di campionato contro il Milan. La Juve chiude a 14 punti, la Dinamo Zagabria ultima a 0 e con nessun gol all'attivo. Nell'altra partita del girone, il Siviglia pareggia a Lione 0-0 e passa agli ottavi come seconda classificata.

23:49Calcio a 5: l’Italia vince in amichevole

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Seconda amichevole in Slovenia e seconda vittoria per la Nazionale di futsal, che ad Aidussina supera 2-1 i padroni di casa. Dopo il 4-1 di ieri in rimonta, a segnare i gol che valgono il successo agli azzurri di Roberto Menichelli sono Manoel Crema e Gabriel Lima, entrambi nel primo tempo. Inutile la rete di Cujec nella ripresa. Domani tocca alla Nazionale femminile, che farà il suo esordio al Torneo "Quattro Nazioni" organizzato dalla federazione spagnola. Le azzurre, che alle ore 18 se la vedranno contro il Portogallo (diretta streaming sul sito www.ffcm.es), anche oggi hanno effettuato una doppia seduta di allenamento ad Alcázar de San Juan dove si giocheranno tutte le partite del quadrangolare, che per la prima giornata prevede anche la sfida tra Spagna e Russia, avversarie dell'Italia rispettivamente venerdì alle 20.15 e sabato alle 17.

22:57Calcio: Juventus-Dinamo Zagabria, tre i tifosi feriti

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - È tornata la calma nello Juventus stadium, dove i bianconeri stanno affrontando la Dinamo Zagabria in una partita della Champions League. Il bilancio degli scontri avvenuti all'esterno dello stadio è di tre tifosi croati feriti, nessuno dei quali in gravi condizioni. Uno è stato medicato sul posto, gli altri due sono stati trasportati in ospedale. Le forze dell'ordine stanno valutando la posizione di alcuni ultrà croati che si sono resi protagonisti degli incidenti.

Archivio Ultima ora