Anche truppe Usa in campo per salvare la minoranza Yazidi

Pubblicato il 13 agosto 2014 da redazione

BAGHDAD/BEIRUT. – I raid americani dal cielo e il lancio di aiuti umanitari in Iraq non bastano. I Paesi occidentali, Stati Uniti in testa, stanno mettendo a punto un piano per l’evacuazione di decine di migliaia di profughi, molti appartenenti alla minoranza Yazidi, rimasti intrappolati sulle montagne intorno a Sinjar. E secondo fonti citate dal Wall Street Journal una delle opzioni è un’operazione sul terreno che metterebbe le truppe americane a confronto diretto con i combattenti sunniti dello Stato islamico (Isis), quasi tre anni dopo il ritiro degli ultimi soldati Usa dal Paese. Anche il New York Times afferma che gli Usa potrebbero usare truppe di terra per salvare i rifugiati iracheni. Gli aerei americani hanno lanciato altri sette raid per fornire viveri e medicine agli Yazidi e contro le postazioni dell’Isis, secondo quanto riferito dal consigliere aggiunto alla Sicurezza nazionale, Ben Rhodes. Intanto a Baghdad, dove quattro autobomba hanno ucciso almeno 16 persone e ne hanno ferite 46, il premier ancora in carica Nuri al Maliki ribadisce il rifiuto a dimettersi, nonostante l’incarico conferito ad un altro sciita, Haidar al Abadi, per formare un governo di riconciliazione nazionale con la comunità sunnita. Il segretario alla Difesa, Chuck Hagel, ha sottolineato che i soldati americani “non torneranno in Iraq per missioni di combattimento”, dopo che il Pentagono ha deciso l’invio di 130 nuovi consiglieri militari, oltre ai 300 già presenti. Ma le pressioni crescono, anche da ambienti cattolici, perché i Paesi occidentali si muovano con decisione per salvare le popolazioni civili, in particolare le minoranze cristiane e Yazidi, dalle violenze dei jihadisti. La Conferenza episcopale francese ha chiesto esplicitamente di “usare la forza con pertinenza, giustezza e proporzione”, parlando di “genocidio” in corso. Mentre Papa Francesco, in una lettera al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha sottolineato l’esigenza di “azioni concrete di solidarietà, per proteggere quanti sono colpiti o minacciati dalla violenza”. “Eseguiremo una valutazione rapida e critica perché pensiamo che sia urgente cercare di far uscire questi profughi dalle montagne”, ha detto il segretario di Stato americano John Kerry, riferendosi ai circa 30.000 rifugiati ancora bloccati dall’offensiva jihadista. Il premier britannico David Cameron ha detto che anche Londra, che gia’ partecipa al lancio di aiuti umanitari per i profughi, ”avra’ un ruolo” nella missione internazionale di soccorso, aggiungendo che si stanno mettendo a punto ”piani dettagliati”. Cameron ha tuttavia sottolineato di non credere che sia necessario richiamare in seduta il Parlamento, che dovrebbe dare il via libera nel caso di un intervento militare. L’Iraq, insieme con la Libia e Gaza, sara’ al centro di una riunione straordinaria dei ministri degli Esteri della Ue convocata per il giorno di Ferragosto dall’Alto rappresentante per la politica estera Catherine Ashton. Dalla discussione, ha detto il ministro degli Esteri italiano, Federica Mogherini, “deve uscire non solo una dichiarazione di principio condivisa su tutti e tre gli scenari di crisi, ma una decisione su un’azione comune forte e coordinata”. Intanto il presidente francese Francois Hollande ha già deciso di inviare armi per i Peshmerga curdi in prima linea contro l’avanzata dell’Isis, come già fatto dagli Usa. Il primo ministro Al Maliki, sebbene sempre più isolato sul piano interno e internazionale, resiste nel suo proposito di non dare le dimissioni, affermando che lo farà solo se dovesse dargli torto la Corte Federale, alla quale ha fatto ricorso affermando che la nomina di Al Abadi è “una violazione della Costituzione”. Intanto alcune centinaia di sostenitori di Al Maliki sono tornati a manifestare sulla Piazza Ferdus di Baghdad. Ma anche L’Organizzazione della conferenza islamica (Oci) si è congratulata con Al Abadi per l’incarico ricevuto. Prima era stato l’Iran, finora grande protettore di Al Maliki, ad appoggiare la scelta del nuovo premier, allineandosi praticamente alla posizione degli Usa. Mentre adesso anche la Siria, alleato di ferro di Teheran nella regione, ha accolto con favore la scelta di Al Abadi. (Alberto Zanconato/Ansa)

Ultima ora

15:17Incidenti stradali: scontro mezzi pesanti su A1, un morto

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Una persona è morta in un incidente stradale accaduto sull'autostrada A1 Milano-Napoli nel tratto tra Modena Nord e Modena Sud in direzione di Bologna. Intorno alle 12:10 all'altezza del km 169 sono stati coinvolti nell'incidente due mezzi pesanti, con perdita di carico da parte di entrambi - spiega una nota delle Autostrade -, costituito da latte e da fusti con liquido catramoso. Sono intervenuti sul luogo dell'evento, oltre al personale della Direzione 3/o Tronco di Bologna, le pattuglie della Polizia Stradale, i Vigili del fuoco e i soccorsi meccanici e sanitari. Si circola su una sola corsia e si registrano 4 km di coda in direzione di Bologna. Per gli automobilisti che da Milano sono diretti verso Bologna, consigliato di uscire a Modena Nord e rientrare in A1 a Modena Sud, dopo aver percorso la SS9 Via Emilia. (ANSA).

15:16Calcio: Malagò “Ko Juventus riapre campionato”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con la sconfitta della Juventus "il campionato sicuramente è diventato aperto". Ne è sicuro il presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla luce del ko della Juve ieri a Firenze. Una sconfitta che porta la Roma a -1 e il Napoli a -4 dai bianconeri sebbene la squadra di Allegri debba ancora recuperare un match: "Ora al vertice c'è un campionato nel campionato - ha aggiunto il presidente del Coni - Mi dispiace non succeda lo stesso in basso. Tra l'altro molte squadre di vertice stanno facendo un record di punti perché le formazioni che lottano per la retrocessione fanno fatica". Malagò ha poi commentato le 'nozze d'argento' di Totti con la Serie A e la maglia della Roma, festeggiate ieri a Udine: "Totti in Serie A per 25 anni consecutivi è una cosa spaventosa. Lui è uno spot per il calcio in assoluto, un eroe positivo come sono tutti questi ragazzi che stanno emergendo. Ho visto che quando è entrato ieri il pubblico di Udine lo ha applaudito, penso che il nostro calcio ha bisogno di eroi positivi".

15:07Calcio: de Magistris, genio Maradona è bene comune

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Per quanto riguarda il genio calcistico, Diego è un bene comune e quindi ci vuole un grande evento popolare". Lo ha detto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, parlando di Maradona, in città per lo spettacolo di Alessandro Siani, in programma stasera al Teatro San Carlo. "Penso allo stadio San Paolo o a piazza del Plebiscito - ha affermato - Spero a maggio che è il mese migliore considerando i trent'anni dal primo scudetto. Maradona è di fatto un cittadino di Napoli e a breve lo sarà ufficialmente. Ci vuole un grande evento popolare per lui".

15:05Roma: Dezko, 3 punti importanti a Udine, il resto non conta

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - I complimenti ai compagni, una sorta di mea culpa per gli errori commessi davanti alla porta. Così Edin Dzeko, all'indomani del successo della Roma sul campo dell'Udinese, commenta via social la prestazione dei giallorossi alla Dacia Arena. "Buon lavoro da parte della squadra ieri, altri tre punti importanti lontano da casa" scrive l'attaccante bosniaco su Instagram aggiungendo che "tutto il resto non importa", con tanto di scherzosa emoticon a coprirsi gli occhi in riferimento ai suoi numerosi errori, a cominciare da quello in occasione del rigore tirato alto. A completare il post di Dzeko poi, pubblicato con una foto in cui c'è la squadra che si abbraccia, un chiaro messaggio: "Non mollare e crederci sempre. Forza Roma".

15:03Violenza sessuale su allieva 13enne, 7 anni a prof di musica

(ANSA) - CAGLIARI, 16 GEN - Condannato a sette anni di carcere per abusi sessuali con una sua alunna e sospetti di adescamento verso una seconda: una sentenza più pesante di quella chiesta dall'accusa è stata inflitta dal Gup del Tribunale di Cagliari, Roberto Cau, al professore Paolo Sorrentino, 64 anni. Il pm Liliana Ledda aveva sollecitato la condanna a sei anni e otto mesi per il docente difeso dall'avvocato Antonella Piredda. Secondo l'accusa avrebbe avuto rapporti sessuali con una sua allieva di soli 13 anni quando insegnava musica in una scuola del Cagliaritano. Era stato prima indagato e poi arrestato con l'accusa di atti sessuali con minori. Per il sostituto procuratore, il prof avrebbe approfittato della posizione di docente per abusare della ragazzina dopo aver instaurato con lei un forte legame di complicità. I fatti contestati risalgono all'estate 2014. A far scattare le indagini è stata la segnalazione della madre della 13enne. La donna aveva notato comportamenti strani della figlia, sempre più introversa e taciturna, riuscendo alla fine a scoprire la verità. Oltre alla condanna a sette anni il Gup ha disposto per il docente anche un anno di divieto di avvicinamento a luoghi con bambini. Stabilito poi un risarcimento provvisionale di 80 mila euro nei confronti delle parti civili assistite dall'avvocato Gigi Porcella. (ANSA).

15:00Donna morta a Milano: uccisa con 23 coltellate

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo aver ucciso la moglie, Luigi Messina ha trascorso le successive tre ore (prima di chiamare il 118) facendo la spesa, comprando pasticcini e giocando alle slot machine. È stato il suo tentativo di crearsi un alibi. La donna - ha riferito la Squadra Mobile - è stata uccisa con 23 coltellate.

14:54Gentiloni a Berlino mercoledì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - Angela Merkel riceverà il premier italiano Paolo Gentiloni Berlino, mercoledì prossimo alle 12 con gli onori militari. Lo ha annunciato oggi in conferenza stampa il portavoce della cancelliera, Steffen Seibert. Una conferenza stampa sarà tenuta intorno alle 13.15. Subito dopo Merkel e Gentiloni presenzieranno a una vertice economico italo-tedesco in programma nella sede del ministero dell'Economia, dove terranno entrambi un discorso.

Archivio Ultima ora