Renzi, non esiste un caso Italia, anche la Germania è in crisi

Pubblicato il 14 agosto 2014 da redazione

NAPOLI. – “Stamattina vedo che la Germania fa -0,2% del Pil…”. Ha la sua rivincita, Matteo Renzi. I “profeti di sventura” che già additavano l’Italia come il problema dell’Europa, devono fare i conti con i dati che certificano una frenata dell’intera Eurozona, locomotiva tedesca inclusa. E con il fallimento della ricetta rigorista che propone come risposta alla crisi “una manovra per abbassare i salari”. Al contrario, spiega il premier, si deve investire su riforme strutturali che puntino “sul capitale umano e l’innovazione”. Con un’assunzione di responsabilità dell’intera società italiana e un rifiuto netto della “cultura della rassegnazione”. A partire dal Sud, dove il premier trascorre la vigilia di ferragosto: Napoli, Reggio Calabria, Gela e Termini Imerese sono “capitali della crisi” e perciò snodi cruciali della sfida della ripartenza. L’assedio dei dati economici negativi, la recessione, lo spettro della Troika e di un cambio in corsa dell’agenda di governo: Renzi ha passato gli ultimi a smontare gli scenari più foschi. E, all’indomani degli incontri con il presidente della Bce Mario Draghi e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel rispondere a chi gli domanda se ci si debba attendere a settembre misure choc per l’economia, scandisce bene le parole: “L’impegno è quello che ci siamo dati, a partire dal Consiglio dei ministri del 29 agosto. Confermiamo tempistica e metodo” del programma di governo. “Nessun tipo di problema o preoccupazione, con calma e serenità andiamo avanti decisi”. La crisi c’è. Il premier non lo nega: “Essere qui il 14 agosto significa che il governo non manda in ferie paura e preoccupazione”, dice a Termini Imerese. Ma è da respingere, afferma, il “clima di rassegnazione di chi, a iniziare dalle classi dirigenti”, scommette sul fallimento. Anche perché non è vero, non lo è più, che l’Italia è il freno di un’Europa a doppia velocità: “E’ accaduto in passato, ora la situazione è cambiata – sottolinea dalla prefettura di Reggio Calabria – perché l’intera Eurozona vive una stagnazione”. La sensazione che il nostro Paese fosse “il problema” deriva dal fatto che l’Istat ha “presentato i dati in anticipo rispetto agli altri”. Ma i dati arrivati di buon mattino, mentre Renzi era in viaggio per Napoli, dicono che anche la Germania, che è “in condizioni economiche che piacerebbero a tutti”, registra nel secondo trimestre una flessione del Pil dello 0,2%, come l’Italia. E’ la prova che “uno ‘zero virgola’ non fa la differenza”. E allora, sbotta Renzi, la smettano di “dire che l’Italia sarà salvata dall’Europa”. “Ma de che?”, dice il premier in un inedito intercalare romanesco: “L’Italia dà all’Europa molto più di quello che l’Europa dà all’Italia”. Non solo non ha bisogno di essere salvata ma “è nelle condizioni, facendo le riforme che deve, di essere guida in Europa e trascinarla fuori dalla crisi”. Attraverso “l’unica ricetta” valida: “la crescita”. Fuori alla Città della scienza di Napoli, immersa nell’ex area industriale di Bagnoli, così come fuori dalla prefettura di Reggio Calabria e a Gela e Termini Imerese, tappe del secondo ‘tour’ nel Sud di Renzi, ci sono gruppetti di lavoratori che protestano. Il premier invita il ministro del Lavoro Poletti, che lo accompagna insieme a Delrio, Galletti e Lanzetti, a parlare con loro. Ma la ricetta, spiega Renzi, non è vivere nella “cultura della rassegnazione e della delega”, perché “il Sud non è retrogrado”. E neanche puntare sul ‘modello spagnolo’ fatto di “investimenti immobiliari e abbassamento dei salari”. Bensì puntare ancor di più su cultura, scuola, innovazione e sulla “qualità della vita” dei lavoratori. Non giocare alla meno peggio, ma rimboccarsi le maniche e iniziare a spendere tutti i fondi europei assegnati all’Italia (“In tre mesi siamo passati dal 50 al 58% ma non è ancora sufficiente”). E poi sbloccare le infrastrutture (porti, metropolitane, autostrade) con lo Sblocca Italia e fare le altre riforme messe in cantiere dal governo. Sulle singole crisi aziendali come quella di Termini Imerese (“Faremo di tutto per riaprire”), sui problemi di un territorio da bonificare come Bagnoli (“Sblocchiamo l’area”), Renzi si impegna in prima persona. E promette che ripeterà ogni tre mesi, come fatto in questo ferragosto, il suo ‘tour al Sud’. Ma l’invito resta quello di rimboccarsi tutti le maniche. La politica l’ha fatto con le riforme ora, ribadisce, tocca alla classe dirigente. (dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora