Il ritorno di Alitalia in Venezuela: ancora nessuna conferma

CARACAS – Dubbi, perplessitá, ombre. La notizia é stata data ufficialmente dal ministro dei Trasporti, Luis Graterol. Con un tweet, il responsabile del dicastero ha informato che Alitalia ha chiesto e ottenuto, di tornare a operare in Venezuela. Insomma, di poter solcare nuovamente il cielo venezuelano. Ma la compagnia aerea italiana ancora non ha diffuso un suo comunicato. E le agenzie di viaggio ancora non sono autorizzate a realizzare prenotazioni.

Il ministro Graterol, nel suo tweet, ha anche reso noto alcuni dettagli circa il ritorno della compagnia tricolore. Ad esempio, aveva informato gli orari di arrivi e partenze: 14:55 e 19:55.

“Prendiamo atto dell’iniziativa di Alitalia e della sua fiducia nel Venezuela. Riaffermiamo la nostra volontá di sviluppare le attivitá aeronautiche nel Paese” ha scritto il ministro.

Ma le espressioni di fiducia e di ottimismo del responsabile del dicastero dei Trasporti venezuelano non hanno ancora trovato conferma.

Alitalia, come si ricorderá, impegnata in una lunga trattativa con Etihad per superare la crisi che l’ha portata sull’orlo del fallimento e per rilanciare la compagnia a livello mondiale, aveva deciso non di ridurre i voli ma di sospendere momentaneamente ogni attivitá.

La notizia del ritorno della compagnia di bandiera, che con la firma dell’accordo con Etihad dovrebbe vivere una seconda primavera, é stata accolta con soddisfazione dalla nostra Collettivitá. Ora si attende che sia la Compagnia aerea che, con un comunicato ufficiale, confermi quanto affermato dal ministro

Condividi: