Un super Gomez fa Viola il Real Madrid

ROMA. – Con un gol dell’ex di turno, quel Marcos Alonso che in maglia ‘merengue’ ha giocato una sola partita ufficiale, la Fiorentina ha battuto a Varsavia il Real Madrid, con un 2-1 che seppur ottenuto in amichevole rende giustizia ai meriti della squadra di Montella e regala ottimismo in prospettiva futura. In attesa della partenza del campionato, che per la Viola sarà sabato 30 all’Olimpico contro la Roma, il tecnico trae indicazioni positive dalla sfida ai campioni d’Europa, alla fine svuotata di significato dalla ‘girandola’ della sostituzioni ma vinta giocando sempre a viso aperto e ribaltata dopo che il team di Ancelotti era andato in vantaggio dopo appena tre minuti, con un gol del solito Cristiano Ronaldo. Come dire che Borja Valero e soci non hanno accettato il ruolo degli sparring partner e hanno affrontato il match sentendosi alla pari dei rivali. La cosa più bella partita è stata, per la gioia dei tifosi toscani, la rete di Mario Gomez, ottenuta con uno splendido colpo di testa in tuffo su cross di Aquilani, a testimonianza di come il bomber tedesco stia ritrovando se stesso dopo una stagione tribolata e caratterizzata da quei problemi fisici che gli sono costati la convocazione per i Mondiali poi vinti dalla Germania. Dopo una traversa di Aquilani sempre nel primo tempo, la rete del successo viola è arrivata al 23′ della ripresa, con uno slalom di Marcos Alonso che ha saltato Khedira e Arbeloa prima di insaccare. Per il Real, all’ultima amichevole prima del derby con l’Atletico per la Supercoppa nazionale e poi l’inizio della Liga, squilla quindi un campanello d’allarme nonostante la bella prova di Kroos e il recupero di Di Maria, mandato in campo da Ancelotti nonostante continuino le voci di mercato che hanno come protagonista l’argentino, applaudito dal pubblico per alcuni suoi deliziosi doppi passi. A parte questo, è curioso il fatto che in tutti i test della nuova stagione senza punti in palio il Real non abbia mai vinto, mettendo insieme un pareggio e tre sconfitte. Ma in fondo questo è stato solo calcio estivo.

Condividi: