Calcio venezuelano: Saragò, “Felice e onorato di allenare il Caracas”

Pubblicato il 19 agosto 2014 da redazione

CARACAS – Eduardo Saragò ha fatto un gran bel salto di qualità accettando di allenare il Caracas dopo le esperienze con il Deportivo Lara (con cui ha vinto il Campionato) e Deportivo Italia (poi diventato Petare). Per di più, questa stagione, la società della Cota 905 gli ha messo a disposizione una squadra potenziata dagli arrivi degli italo-venezuelani Giacomo Di Giorgi e Miguel Mea Vitali. In questo momento Saragò è davvero felice di dirigere il Caracas, anche perché fino a pochi anni fa ha difeso come giocatore la maglia dei rojos del Ávila. Poi una serie d’infortuni lo avevano costretto ad appendere gli scarpini al chiodo, ma  non hanno fermato la sua voglia di essere vicino ai rettangoli verdi. Lasciata la carriera come giocatore ha intrapreso quella di allenatore dopo aver svolto corsi all’estero. Qui in Venezuela ha allenato le giovanili di Fray Luis de León, San Agustín e Centro Italiano Venezuelano di Caracas (categoría Under 20). Poi il grande salto in Primera Divisón con Zamora, Deportivo Italia (con cui ha vinto un Torneo Apertura nel 2008), Deportivo Petare e Deportivo Lara.

L’allenatore dopo aver concluso il ritiro estivo, parla della preparazione della sua squadra in vista degli impegni futuri.

“Durante il ritiro estivo abbiamo svolto tutto il lavoro che avevamo pianificato prima e sono soddisfatto dai risultati. Forse avremmo dovuto svolgere alcune amichevoli internazionali, per facilitare la preparazione in vista della Coppa Sudamericana, ma tutto quello che avevamo pianificato è andato nel verso giusto, salvo i due infortuni (Edder Farías e Félix Cáceres, ndr) che abbiamo subito durante queste amichevoli” spiega Saragó.

Nel calciomercato estivo, il Caracas non ha fatto aquisti nel reparto offensivo, puntando tutto sui gol di Farías, ma poi c’è stato l’infortunio al braccio che lo costringerà a perdere le prime gare della stagione. Allora, il mister, ha provato con Cáceres ma anche lui é stato messo ko in amichevole, si stimano sei mesi fuori dai campi di gioco.

Per affrontare al meglio gli impegni, sono arrivati alla corte di Saragò giocatori del calibro di Giacomo Di Giorgi (proveniente dal Táchira) e Miguel Mea Vitali (dal Deportivo Lara), entrambi con una vasta esperienza internazionale sia a livello di club che di nazionale.

“Sono felice dei nuovi arrivi, che danno spessore alla squadra. Giacomo ha un lieve infortunio ad una gamba, ma appena riuscirà a smaltirlo, mostrerà le sue doti e farà parlare di sé in senso positivo. Lo stesso vale per Mea Vitali, sono i migliori calciatori in circolazione nel loro reparto. Sono stati tra i migliori nelle gare di preparazione. Per questo motivo sono sicuro che appena saranno al top, la squadra funzionerà alla perfezione”.

Le squadre allenate dall’italo-venezuelano hanno come caratteristica tanto sacrificio e disponibilità da parte dei suoi giocatori, si sà che appena ingrana, la sua squadra diventa una macchina vincente.

“Noi dobbiamo puntare il più alto possibile, se siamo una squadra che ha la possibilità di chiudere terza, dobbiamo puntare al secondo e al primo posto. E cosí via in tutte le competizioni dove saremo impegnati. Il Caracas è una squadra abituata a vivere nelle posizioni di vertice”.

Alla domanda su cosa si aspetta dalla sua carriera come allenatore, Sarago responde. “Io oggi sono felice, perché alleno la migliore del paese, e la città dove sono nato, dove vive la mia famiglia e spero che il Caracas ottenga ottimi risultati sotto la mia gestione. Io mi vedo allenando questa squadra diversi anni, se i risultati me lo permetteranno. Poi a futuro spero di poter allenare un club all’estero o anche in Venezuela. In passato ho avuto questa possibilità, ma per diversi motivi non ho potuto accettare l’incarico. Peró sono sicuro che in un fututo riavrò questa possibilità. Intanto, sono felice di allenare il Caracas e, come ho detto prima, di vincere il maggior numero di titoli possibili”. (Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

20:09Tratta: Antimafia,vale 32mld, criminali la gestiscono

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 'Vale' 32 miliardi e sono oltre 30 mila le vittime della tratta nei 28 stati membri dell'Ue: un fenomeno che risulta essere in preoccupante crescita. Del tema si occupa una Relazione di oltre 60 pagine, approvata oggi all'unanimità, messa a punto dal Comitato "mafie, migranti e tratta di esseri umani, nuove forme di schiavitù" della Commissione parlamentare antimafia, guidato da Fabiana Dadone (M5S). Sono quasi sempre organizzazioni criminali transnazionali a gestire tutte le fasi della trasmigrazione delle persone che soprattutto dall'Africa, dalla Cina, dal sud America e dall'Est Europa partono per l'Italia e per il Nord Europa, e che operano "come vere realtà imprenditoriali volte a definire e gestire ogni aspetto della migrazione". Il viaggio dei migranti è "una vera e propria epopea che si sviluppa per tappe e si protrae per alcuni mesi, in cui i trasportati, sempre più frequentemente, vengono a trovarsi a vivere in condizioni disumane, stoccati come merce, sottoposti a vessazioni e violenze".

Archivio Ultima ora