Convoglio russo entra in Ucraina. E Kiev grida all’invasione

Pubblicato il 22 agosto 2014 da redazione

MOSCA. – Il controverso convoglio umanitario russo entra in Ucraina senza aspettare l’ok del governo di Kiev e della Croce rossa internazionale e fa gridare all’invasione le autorità ucraine. Ma l’iniziativa unilaterale del Cremlino è condannata anche dall’Ue, che ha parlato di “una chiara violazione della frontiera ucraina”, dalla Farnesina, secondo cui si tratta di un fatto “gravissimo”, dalla Nato e dal Pentagono, che ha intimato a Mosca di ritirare “immediatamente” i suoi tir. Mentre in una telefonata con Angela Merkel alla vigilia di un’importante visita a Kiev della cancelliera tedesca, il presidente russo Vladimir Putin giustifica a spada tratta la decisione, affermando che “un ulteriore ritardo” nell’invio degli aiuti “sarebbe stato inammissibile” di fronte all’emergenza umanitaria nelle regioni russofone orientali. I circa 280 camion della colonna russa con a bordo quelli che Mosca dichiara essere aiuti per la popolazione di Lugansk – bastione separatista nell’Ucraina dell’est dilaniata dalla guerra civile – erano rimasti fermi a ridosso del confine per circa una settimana. Ma il ministero degli Esteri di Mosca ha rotto gli indugi annunciando la partenza del convoglio. In un comunicato a lettere di fuoco, ha denunciato che “tutti i pretesti” di Kiev “per ritardare l’invio degli aiuti” si erano ormai “esauriti” e ha accusato il governo ucraino di aver intensificato gli attacchi su Lugansk e Donetsk. Quello di Mosca è considerato da molti osservatori un colpo di mano dopo i precedenti accordi con Kiev e la Croce rossa internazionale, i cui operatori avrebbero dovuto accompagnare il convoglio per poi occuparsi della distribuzione degli aiuti, ma non sono voluti partire perché mancavano “sufficienti garanzie di sicurezza” per il passaggio in una zona di guerra controllata dai separatisti. A scortare i camion bianchi ci sono invece alcuni miliziani filorussi, gli stessi a cui la Russia è accusata di fornire armi. Ma a preoccupare Kiev è soprattutto il fatto che solo alcuni degli autocarri russi sono stati ispezionati dalle sue guardie di frontiera (a cui sarebbe stato impedito di controllare interamente il convoglio) per cui – secondo il ministero degli Esteri- “né la parte ucraina né la Croce rossa sanno cosa si trovi” a bordo. Kiev teme insomma che gli aiuti umanitari russi – già arrivati a Lugansk – siano in realtà una sorta di cavallo di Troia per un intervento militare di Mosca o per fornire armi e mezzi bellici ai separatisti. E il capo dei servizi di sicurezza ucraini, Valentin Nalivaicenko, dopo aver definito l’ingresso del convoglio russo “un’invasione diretta”, ha denunciato che gli autisti dei camion della colonna sarebbero carristi dell’esercito di Mosca. La Russia da parte sua respinge le accuse al mittente e sostiene che si tratta di “una missione puramente umanitaria”, preparata “in un clima di piena trasparenza e in cooperazione con la parte ucraina e il Comitato della Croce Rossa Internazionale” e mette in guardia contro “ogni tentativo di sabotaggio”. Mentre Kiev – pur assicurando che non attaccherà il convoglio per evitare “provocazioni” che potrebbero davvero dare a Mosca il destro per intervenire militarmente – ribatte che la responsabilità per la sicurezza della colonna di aiuti “in un territorio temporaneamente non controllato” dalle sue truppe “ricade interamente sulla Russia”. Critiche al Cremlino sono arrivate anche dal segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, secondo cui l’azione unilaterale russa “può solo aggravare la crisi nella regione”. L’Alleanza atlantica insiste inoltre ad accusare Mosca di rafforzarsi pericolosamente al confine ucraino, mentre irrobustisce a sua volta la propria presenza militare sul fronte orientale. E fonti della Difesa Usa evocano l’immagine di “18.000 uomini” in assetto da combattimento dal lato russo della frontiera. Il clima si fa insomma sempre più incandescente, mentre torna a riunirsi il Consiglio di sicurezza dell’Onu. Continuano intanto i combattimenti nell’est dell’Ucraina tra le forze di Kiev, affiancate da paramilitari nazionalisti, e milizie separatiste. In quattro mesi di scontri hanno già perso la vita più di 2.000 persone e a pagare il prezzo più alto sembra siano, come spesso avviene, i civili. I ribelli – le cui roccaforti, Donetsk e Lugansk, sono circondate dai governativi – sostengono dal canto loro d’aver riconquistato due cittadine, Petrovskoie e Manuilovka, mentre le forze armate ucraine sono state costrette ad ammettere l’abbattimento di un loro elicottero due giorni fa e la morte dei due piloti. (Giuseppe Agliastro/Ansa)

Ultima ora

11:03Calcio: tour rassegna su Paolo Rossi, tappa a Vicenza

(ANSA) - VICENZA, 12 DIC - Vicenza è stata scelta come settima tappa del tour mondiale "Paolo Rossi - Great Italians Emotions", la mostra ufficiale su "Pablito" e sull'Italia campione del mondo '82. La mostra itinerante verrà inaugurata sabato prossimo per poi restare aperta sino all'8 gennaio 2018, con ingresso gratuito al pubblico. Vicenza, città rimasta in modo indelebile nel cuore del grande campione che qui è esploso a livello calcistico e dove ha abitato per molti anni una volta lasciato il calcio, è stata inevitabilmente scelta dall'organizzazione dell'evento tra le 18 tappe mondiali previste nell'ambito del tour in tutto il mondo, che si concluderà nel 2020. Anche nel capoluogo berico i visitatori avranno modo di ammirare una straordinaria raccolta di cimeli unici vinti da "Pablito", dal Pallone d'oro alla Scarpa d'oro, ma anche video installazioni, fotografie, articoli, filmati, oggetti, maglie e ricordi.

10:55Maltempo: esondato Serchio a Borgo Mozzano, chiusa ss 12

(ANSA) - BORGO A MOZZANO (LUCCA), 12 DIC - Nel corso della notte il fiume Serchio è esondato nel territorio di Borgo a Mozzano (Lucca), provocando la chiusura della statale 12 del Brennero. La situazione è poi tornata alla normalità: non c'è più acqua in strada ma la statale è ancora chiusa, per le operazioni di pulizia, tra le località di Ponte Pari e Chifenti. In particolare, come si spiega dalla protezione civile di Lucca che ha monitorato la situazione tutta la notte, con l'innalzamento dei livelli del fiume l'acqua è fuoriuscita dalle bocchette invadendo la sede stradale. Nella zona, si spiega ancora, ha smesso di piovere.Tre famiglie sono state evacuate dalle loro abitazioni che hanno subito danni al tetto per il forte vento a Dicomano, nel Fiorentino. Un'altra persona ha dovuto lasciare la sua casa minacciata da un grosso pino pericolante a Firenzuola, in località Pietramala. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco.

10:53Atletica: Atleticom we run Roma a -20

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - È iniziato il conto alla rovescia per gli amanti del runninig, pronti a esibirsi il 31 dicembre nel consueto appuntamento podistico con l'Atleticom we run Rome, giunta alla 7/a edizione. La corsa su strada competitiva si disputerà sulla distanza dei 10 km, quella non competitiva sui 5. E' la manifestazione fiore all'occhiello dell'Atleticom Asd. L'edizione 2016 ha certificato lo straordinario successo, con oltre 10.000 iscritti. A tagliare per primo il traguardo nella We run Rome 2016 fu l'atleta del Burundi, Olivier Irabaruta, che superò in volata il grande favorito della vigilia, Stanley Biwott, il keniano già trionfatore nella maratona di New York. In campo femminile si registrò un'altra sorpresa: la vittoria della francese Cassandre Beaugrande, classe 1997, davanti all'azzurra Valeria Straneo. Anche quest'anno verranno ripercorsi i luoghi più ricchi di storia e di fascino della Capitale. Le iscrizioni si potranno effettuare fino al 30 dicembre, online sul portale www.werunrome.com.

10:52Droga: Gdf sequestra elicottero che trasportava cocaina

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - C'è anche un elicottero "Alouette", che veniva utilizzato per trasportare la cocaina dal continente alla Sardegna, tra i 500mila euro di beni sequestrati dalla Guardia di finanza di Cagliari a Loris Sabatucci, 41 anni, emiliano. L'uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era coinvolto nel traffico di droga smantellato proprio dalla Finanza nel luglio scorso con il sequestro di 11,5 chili di cocaina e l'arresto di tre persone. Sarebbe stato proprio lui a fornire l'elicottero per trasportare la cocaina in Sardegna. "L'impiego del mezzo aereo doveva servire per evitare i controlli operati dalle Fiamme gialle negli scali portuali ed aeroportuali, ordinarie ed obbligate vie di comunicazione con il continente - spiegano dalla Guardia di finanza - ma le incisive e complesse attività investigative hanno vanificato questa 'nuova frontiera' criminale, individuando l'elicottero adibito all'illecito trasporto, atterrato e decollato, non autorizzato, fuori da sedimi consentiti". Proprio sul 41enne emiliano si sono concentrate le attività investigative condotte dal Gico della Finanza di Cagliari e in particolare una serie di verifiche patrimoniali che oggi hanno portato al sequestro preventivo di beni per 500mila euro, tra i quali, oltre all'elicottero, schermato tramite un trust registrato nello stato americano del New Mexico, tre auto e quote di due società di capitali, peraltro fraudolentemente intestate a prestanome. Il provvedimento d'urgenza è stato emesso perché tre settimane fa il 41enne è stato arrestato in provincia di Pavia in quanto coinvolto nel contrabbando di sigarette. L'uomo, assieme a due moldavi, aveva creato una fabbrica di sigarette di contrabbando. Sono state sequestrate 35 tonnellate di "bionde". (ANSA).

10:49Basket: Nba, vola Houston in testa, inatteso ko per Boston

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Vincono ancora i Rockets, per loro decimo successo di fila, e consolidano il primato nella Western Conference. Nella notte Nba si sono giocate sei partite e la formazione di Houston ha superato con il punteggio di 130.123 i New Orleans Pelicans, con il solito Harden a fare da padrone sotto canestro, con 26 punti e 17 assist. Vittoria anche peri campioni in carica, dei Golden State Warriors che passano contro Portland con il punteggio di 111-104 e inseguono da vicino i battistrada. Ancora una grande serata per Damian Lillard del Portland, che mette a segno ben 39 punti. Fra gli altri risultati della nottata va segnalata la sconfitta inattesa dei Boston Celtics per 108-85 sul campo dei Chicago Bulls. I Clippers, ancora senza Gallinari infortunato, hanno battuto i Raptors di Toronto per 96-91. Infine due sconfitte casalinghe, per Memphis a opera di Miami per 107-82 e per Oklahoma battuto dagli Hornets 116-103. (ANSA).

10:39Maltempo: acqua alta a Venezia, 102 cm sul medio mare

(ANSA) - VENEZIA, 12 DIC - Acqua alta stamane a Venezia, dove la punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 102 cm alle 6.15 secondo le rilevazioni del centro previsioni maree del comune. Con questo livello - marea sostenuta pari a codice 'giallo' - è stato interessata la parte più bassa del suolo cittadino a partire da piazza San Marco. Le prime previsioni della giornata davano una massima di marea a 105 centimetri, poi il vento di scirocco che ha interessato la città per tutta la notte, è calato facendo ridurre l'altezza dell'acqua rispetto al medio mare.

10:36Sci nordico: tutto pronto a Dobbiaco per tappa cdm

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - E' arrivata tanta neve a Dobbiaco (Bolzano) ed ora è davvero tutto pronto in ogni dettaglio per l'appuntamento di Coppa del Mondo di sci nordico di sabato 16 e domenica 17 dicembre. Le piste, ora immacolate, della 'Nordic Arena' ospiteranno una 10 km per le donne e una 15 per gli uomini, da percorrere in skating nella prima giornata con partenze "interval start" e in classico (inseguimento) nella giornata successiva. Una formula che da tempo mancava nel fondo che conta, su una pista rinnovata che propone erte impegnative fino al 18% di pendenza. A Dobbiaco saranno presenti 200 atleti suddivisi in 29 nazioni, con presenze quasi certe delle stelle di Coppa Dyrhaug, Haagen Krogh e Johnsrud Sundby. La nazionale azzurra proporrà Noeckler, De Fabiani, Rastelli, Salvadori, Bertolina, Gardener, Pasini, Rigoni, Fanton e Muller. Tra le donne, Debertolis, Comarella, Ganz, Scardoni, Stürz, De Martin Topranin, Brocard e Pellegrini se la vedranno con campionesse del calibro di Oestberg, Haga e Weng.

Archivio Ultima ora