Colonna di blindati da Russia. Kiev chiede aiuto alla Nato

Pubblicato il 27 agosto 2014 da redazione

MOSCA. – Kiev chiede un “aiuto pratico” e “decisioni cruciali” alla Nato alla vigilia del suo summit del 4-5 settembre in Galles, mentre denuncia ancora una volta l’ennesima incursione russa con una colonna di 100 veicoli militari e subisce la contro offensiva dei ribelli filorussi nel sud-est del Paese, dove si è aperto un terzo fronte di guerra, sul mare di Azov. E’ la conferma di quanto sia stato infruttuoso, almeno per ora, il primo faccia faccia tra Putin e Poroshenko a Minsk. Del resto il leader del Cremlino, pur tendendo apparentemente la mano a Kiev, aveva ammonito che il cessate il fuoco è “un affare interno all’Ucraina”. E aveva pure ridimensionato la cattura di dieci parà russi in territorio ucraino come un errore, ricordando che è capitato spesso anche alla controparte. In realtà quella di Putin sembra ora una cinica sfida, e neppure più tanto dissimulata, come suggeriscono le sempre più frequenti notizie sulla presenza di forze russe dentro il territorio ucraino. E come cominciano a denunciare alcuni media russi liberali, riportando le misteriose morti di alcuni militari e pretendendo la verità sulla partecipazione del Paese al conflitto. “La Russia fa la guerra contro l’Ucraina? E, se sì, per quali ragioni?”, chiede in un editoriale Vedomosti, uno dei principali quotidiani del Paese. “Sicuramente gli uomini politici e i militari russi vogliono agire come in Crimea, dove la partecipazione dei nostri soldati è stata riconosciuta solo in un momento successivo”, prosegue il giornale. “Diverse decine di uomini della 76/ma divisione aerotrasportata non rispondono più ai loro cari, mentre la gerarchia militare assicura che sono tutti sani e salvi”, denuncia Novaia Gazeta, il giornale di Anna Politkovskaia. La tv indipendente Dozhd riferisce che Liudmila Vogatienkova, capo del comitato delle madri dei soldati della regione meridionale di Stavropol, ha compilato una lista con circa 400 tra militari russi morti e feriti recentemente. Novie Izvestia ipotizza addirittura che ai soldati mandati in Ucraina sia stato proposto di lasciare formalmente l’esercito firmando contratti ad hoc, in modo da risultare volontari. Un po’ come successe alla vigilia della prima guerra russo-cecena nel 1994, con il fallito attacco a Grozny. La sfida a Kiev risuona anche nelle parole del ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov: il secondo convoglio umanitario che Mosca intende mandare nei prossimi giorni nell’est dell’Ucraina “non sarà l’ultimo”, avvisa. Il premier ucraino Arseni Iatseniuk non trova di meglio che chiedere aiuto alla Nato di fronte ad una campagna militare che comincia a diventare in salita. Peraltro sullo sfondo dell’inizio della campagna elettorale, con il battesimo del blocco Poroshenko e l’addio al partito della Timoshenko da parte dello stesso Iatseniuk e del presidente del parlamento Oleksandr Turcinov. Sul terreno, dove nelle ultime 24 ore ha perso altri 13 uomini, Kiev denuncia l’avanzata di una colonna di 100 veicoli, “tra cui tank, blindati, lancia missili multipli Grad” venuti dalla Russia in una zona a sud di Donetsk. E l’installazione del “quartier generale di un battaglione tattico delle forze armate russe alla periferia della località Pobeda”, ad una cinquantina di km a sud-est di Donetsk e a una sessantina dalla frontiera russa. E’ questa l’area dove l’esercito governativo sembra perdere posizioni, in seguito all’apertura di un terzo fronte a Novoazovsk, sul mare di Azov: l’Afp non ha constatato la presenza di soldati o posti di blocco delle forze ucraine, ma solo di combattenti filorussi. Nel villaggio di Starobeshevo, ad una trentina di km a sud-est da Donetsk, i ribelli hanno scoperto decine di casse di munizioni e numerosi veicoli militari abbandonati, segno – per l’Afp – di un ritiro precipitoso dell’esercito ucraino. Secondo gli abitanti, questa fuga si sarebbe verificata lunedì dopo i primi bombardamenti da est, in direzione della frontiera russa, ad una trentina di chilometri. A Novoazovsk, nell’area a ovest del villaggio, non c’è più traccia dello sbarramento allestito dall’esercito ucraino. I civili, intanto, continuano a morire: un colpo di artiglieria ha ucciso tre persone a bordo di un’auto, a Donetsk. Intanto si è avuto notizia di una telefonata tra la Angela Merkel e Vladimir Putin nella quale la cancelliera ha chiesto al leader del Cremlino di spiegare la presenza di soldati russi sul territorio ucraino e ha esortato la Russia ad assumersi le sue responsabilità per una de-escalation della crisi. (Claudio Salvalaggio/Ansa)

Ultima ora

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

16:49Renzi a Di Maio, uscita da euro è follia per economia

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l'uscita dall'Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l'economia italiana". Lo scrive su twitter il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando le parole del candidato M5s Luigi Di Maio che voterebbe sì in caso di un referendum come "extrema ratio" per l'uscita dall'euro.

Archivio Ultima ora