Vendite al lumicino, da 80 euro ancora nessuna spinta

Pubblicato il 28 agosto 2014 da redazione

ROMA. – I consumi degli italiani restano al lumicino. I dati dell’Istat sulle vendite al dettaglio parlano chiaro, anche a giugno l’appuntamento con la ripresa è saltato e gli affari nei negozi hanno segnato una crescita ‘zero’ rispetto a maggio e addirittura un calo del 2,6% nel confronto annuo. Eppure a giugno gli italiani potevano contare su un jolly, gli 80 euro di bonus Irpef arrivati a fine maggio nelle buste paga di circa 10 milioni di lavoratori. Per ora l’incentivo non ha scatenato il rilancio della domanda, magari però è servito a impedire una caduta più profonda. Un’ipotesi non assurda vista la gelata sugli stipendi: guardando all’hardware dei salari, ovvero alle retribuzioni contrattuali orarie (bonus escluso), le cose non erano mai andate cosi male. L’aumento delle remunerazioni su base annua non si porta oltre l’1,1%, al minimo storico assoluto (le serie sono partite nel 1982). Ma le brutte notizie non finiscono qui, l’Istat in mattinata ha diffuso una sequela di dati tra cui la fiducia delle imprese ad agosto. Anche in questo caso si torna indietro, bruciando il recupero messo a segno il mese precedente. Va particolarmente male per l’industria, con la manifattura ai livelli di un anno fa. Altro segnale non positivo arriva dall’indicazione sulle eccedenze nei magazzini, come evidenziano glia analisti di Intesa Sanpaolo. Di certo non è una buona stagione per l’ottimismo, che, ha sempre fatto sapere l’Istat giusto ieri, scarseggia pure tra i consumatori. Tanto che oggi Eurostat attribuisce all’Italia la maglia nera: è il Paese che in materia di fiducia ha fatto peggio tra i big dell’Unione monetaria. Ma il resto del Vecchio Continente non può cantare vittoria, a cominciare dalla Germania, alle prese con un aumento della disoccupazione e con un’inflazione ferma, ben al di sotto del target Bce. Tutti dati macro che non hanno fatto sorridere le Borse, con Milano e Francoforte in prima linea nelle perdite. Almeno, però, il Tesoro ha fatto il pieno in un’asta di titoli di Stato a 5 e 10 anni, con tassi sempre più assottigliati. E domani sarà un’altra giornata campale: in Italia l’ora ‘ics’ scatterà alle 11:00 quando l’Istituto di statistica rilascerà le stime sui prezzi ad agosto. Gli analisti sono orientati al segno meno (tra il -0,1% e il -0,2%), che corrisponderebbe alla tanto temuta deflazione. Intanto le cifre di oggi su commercio, retribuzioni e fiducia deludono sia le associazioni dei consumatori che quelle delle imprese. Ma lo stato di agitazione è palpabile anche fuori confine: per il commissario Ue agli affari economici, Jyrki Katainen, l’avanzata del ‘pessimismo’ è “fonte di preoccupazione”. Tornando ai dati già pubblicati, della rilevazione sulle vendite al dettaglio colpisce come non si sia salvato alcun settore, dall’alimentare alla farmaceutica. Gli affari languono per tutti: botteghe (-3,9%), supermercati (-2,5%) e ipermercati (-1,3%). Fanno eccezione solo i discount, ma anche per il low cost il vantaggio si restringe (+0,5%). Ne deriva che i primi 80 euro non sono passati per i negozi: niente shopping. Gli italiani che ne hanno beneficiato con tutta probabilità hanno giocato la carta in maniera diversa, destinando la somma al pagamento di tasse, bollette o mutui. Oppure il bonus è stato semplicemente messo da parte, nel rispetto di una tradizione che ci vuole più formiche che cicale. D’altra parte per il resto la busta paga non ha fatto scintille, stando alla parte tabellare da almeno 32 anni non si scendeva così in basso. Un dato sui cui hanno pesato il blocco della contrattazione nella Pa e anche l’accordo per Alitalia sulla riduzione del costo del lavoro. Dal ministro del Lavoro giungono tuttavia rassicurazioni, Giuliano Poletti conferma come i “risultati ” si vedranno “nel medio periodo”. (di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

21:33Reagisce a rapinatore, ferito gestore pizzeria in Molise

(ANSA) - CAMPOMARINO (CAMPOBASSO), 17 DIC - Reagisce al rapinatore che, con volto coperto, entra in pizzeria e gli punta una pistola scacciacani, chiedendogli l'incasso. Tra i due inizia una colluttazione e il gestore del locale resta ferito al volto dopo il colpo con il calcio dell'arma scagliatogli contro dal malvivente. Nella concitazione del momento, il ladro esplode anche due colpi. Poi la fuga con 500 euro. "Abbiamo ancora la paura addosso - dice la moglie del titolare - non riusciamo a capacitarci dell'accaduto". Sull'episodio sono in corso indagini a 360 gradi dei Carabinieri, intervenuti intorno alle 23 di sabato sera, nel locale di Corso Marconi, nel centro di Campomarino (Campobasso). In base alle testimonianze, il malvivente è alto 1.80, sarebbe italiano e di corporatura robusta. "Il rapinatore mi ha ferito al capo con il calcio della pistola - spiega il titolare della pizzeria contattato telefonicamente - durante il corpo a corpo ha esploso dei colpi dalla scacciacani dentro il locale".Nella fuga - a quanto appreso - sembra che il rapinatore abbia perso un caricatore o un pezzo dell'arma, trovato dai Carabinieri e al vaglio degli inquirenti. Non sono state trovate, invece, telecamere funzionanti nei dintorni del locale. Accertamenti a tappeto da parte dei militari. Per tutto il giorno sono stati ascoltati in caserma i testimoni dell'accaduto compreso il gestore dell'attività che ha ripercorso in dettaglio l'accaduto. (ANSA).

21:32Austria: Gozi, mantenga impegni su quote rifugiati assegnate

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Per noi è fondamentale che l'Europa si attrezzi con politiche per governare immigrazione e asilo. Il minimo sindacale dell'Italia è che ogni Paese rispetti le quote di rifugiati loro assegnati. Ribadiremo questa posizione anche al nuovo governo austriaco". Così il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, su Twitter.

21:28Brexit: Tajani, britannici si stanno rendendo conto errore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se i britannici volessero fare marcia indietro (sulla Brexit) poi tutti gli stati dell'Unione Europea dovrebbero accettare. Certamente più si va avanti più si rendono conto dell'errore commesso": lo ha detto il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. "Fortunatamente - ha aggiunto Tajani - abbiamo risolto la prima parte e siamo riusciti a fare un accordo quadro in difesa dei diritti dei cittadini Ue in Gb, il problema dei confini tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica di Irlanda e l'accordo sul conto" di divorzio. "Adesso inizia la fase difficile della trattativa: trasformare l'accordo generale in un trattato e poi vedere quali saranno le relazioni future tra Gb e Ue. Non sarà facile", ha concluso il presidente dell'Europarlamento.

21:28Cile al voto, incerto ballottaggio ex presidente-ex cronista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Un ricco imprenditore conservatore e liberista ex presidente contro un ex giornalista progressista in Cile si contendono fino all'ultimo voto in un ballottaggio presidenziale che deciderà una continuità di centro-sinistra o una svolta a destra, in quelle che vengono considerate le elezioni più incerte della storia cilena. Il miliardario è il 68enne Sebastian Pinera, grande manager laureato a Harvard e già presidente della Repubblica dal 2010 al 2014, con un basso tasso di popolarità ma sotto il quale l'economia cilena ha conosciuto una crescita del 5%. E che nel primo turno, tenutosi a novembre, è arrivato primo con il 36,6%. L'ex giornalista televisivo è Alejandro Guillier, 64 anni, che ha riscosso l'endorsement della presidente di centro-sinistra uscente, Michelle Bachelet, i cui mandati presidenziali hanno preceduto e seguito quello di Pinera. Al primo turno ha preso il 22,7%, ma nei sondaggi delle ultime settimane è risalito, e ora si trova spalla a spalla con l'avversario.

21:23Tajani, importante che l’Austra non preveda uscita da Ue

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "E' importante che il programma di governo austriaco non preveda l'uscita dall'Ue, un 'Oexit', un referendum. Il neo cancelliere Kurz verrà a parlare con noi la prossima settimana a Bruxelles e ascolteremo il suo programma. L'importante è che si muova nella direzione del sostegno all'Europa". Così il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani al Tg3.

21:14Ultimo volo Boeing 747, tramonta era del jumbo in Usa

(ANSA) - NEW YORK, 17 DIC - Dopo quasi 50 anni va in pensione il Boeing 747. Soprannominato jumbo jet e diventato dal suo debutto un'icona del trasporto civile, il modello sara' utilizzato per l'ultima volta da una compagnia americana martedì prossimo quando la Delta Airlines effettuerà la tratta d'addio Seoul-Detroit. Poi l'aereo, che e' stato anche definito 'Queen of the Skies' (Regina dei cieli), cedera' il posto ad aerei piu' a basso consumo nel trasporto civile. Il 747 resterà nelle flotte di Lufthansa, British Airways e Korean Air Lines. E, cosi' come avviene dal 1990, continuerà a trasportare i presidenti americani nelle vesti dell''Air Force One'. Il 747, a quattro motori, entrò in servizio il 22 gennaio 1970 sulla rotta Pan Am 'New York - Londra'. Fu l'inizio di un'era e mise le ali al trasporto civile facilitando l'accesso alle rotte transoceaniche. Fu soprannominato 'jumbo jet' per le sue dimensioni e per l'enorme gobba che caratterizzava il ponte superiore. Può trasportare fino a 600 passeggeri.

21:13Gerusalemme: Pence non vedrà né i palestinesi né le Chiese

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 DIC - Il vicepresidente Usa Mike Pence è atteso mercoledì in Israele per una visita di due giorni dove vedrà il premier Benyamin Netanyahu ed il presidente Reuven Rivlin. Pence - che giungerà in Israele a due settimane dalla dichiarazione di Trump su Gerusalemme capitale del paese - andrà quasi subito in visita al Muro del Pianto. Il luogo sacro all'ebraismo si trova nella parte della città considerata dalla comunità internazionale occupata da Israele dopo la Guerra dei 6 giorni. La Casa Bianca in una presa di posizione recente ha fatto sapere che la considera parte dello Stato ebraico in qualunque accordo di pace futuro tra israeliani e palestinesi. Il 21 Pence prenderà la parola alla Knesset e prima di partire si recherà il 22 a Yad Veshem, il museo sacrario di Gerusalemme. Per Pence non ci sarà alcun incontro né con i palestinesi - che lo considerano persona non grata dopo l'annuncio di Trump ed hanno annunciato proteste per il suo arrivo - né con le Chiese cristiane a Gerusalemme.

Archivio Ultima ora