Disoccupazione giovanile danno da 162 miliardi per l’Unione Europea

Pubblicato il 29 agosto 2014 da redazione

BRUXELLES. – Nel 2012 i giovani europei che non studiavano, non lavoravano né seguivano corsi di formazione, i cosiddetti “NEET”, erano 14,6 milioni, una quota pari al 15,9% della popolazione nella fascia d’età 15-29 anni. La loro situazione ha provocato una perdita per l’economia europea di 162 miliardi di euro l’anno, con un incremento di quasi 10 miliardi di euro rispetto al 2011. E la situazione più grave si registra in Italia. È quanto emerge da uno studio di Eurofound, la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e lavoro, intitolato “Mappatura del passaggio alla vita adulta in Europa”. Secondo il rapporto, il danno economico è causato da un lato dall’aumento della spesa pubblica legata a questa inattività e dall’altro dal mancato guadagno che deriverebbe dall’impiego di questi giovani. In termini assoluti la perdita più rilevante si è verificata proprio in Italia, con 35,2 miliardi di euro persi (2,6 miliardi in più del 2011). Seguono Francia (23,2 miliardi), Regno Unito (18,7 miliardi) e Spagna (17,3 miliardi). Viceversa la perdita è diminuita in Austria, Irlanda, Lettonia e Lituania, mentre è rimasta sostanzialmente stabile in Germania e Svezia. A livello europeo, gli autori dello studio evidenziano che, anche se il tasso di disoccupazione giovanile ha cominciato a calare in alcuni Stati membri, a gennaio 2014 il 23 % dei giovani in cerca di lavoro tra i 15 e i 24 anni non era ancora riuscito a trovare un impiego. Sempre secondo lo studio, le differenze tra i giovani del sud e del nord europea sono dovute non tanto a preferenze e scelte di vita personali, quanto all’agevolazione o meno del passaggio dalla scuola al mondo del lavoro: nei Paesi nei quali questo passaggio è agevolato da alcune misure, i giovani escono prima di casa. A tal proposito, sono stati individuati sette modelli comuni tra i vari Stati membri. A un’estremità dello spettro, i modelli virtuosi “nordico” e “apprendistato” (Austria e Germania) caratterizzati da un passaggio più rapido dalla scuola al lavoro e quindi alla vita adulta. Sul fronte opposto, i modelli “Europa orientale” e “Mediterraneo”, con un passaggio difficile e problematico dalla scuola al lavoro, associato a una conquista molto lenta e tardiva dell’indipendenza e dell’autonomia. Infine l’analisi individua una serie di fattori chiave che contribuiscono all’efficacia e al miglioramento delle politiche per l’impiego. Prima di tutto, pur condividendo lo stesso scopo, queste politiche dovrebbero adottare approcci diversi ed essere studiate su misura per le esigenze individuali dei giovani; è indispensabile un coordinamento a 360 gradi di tutti i soggetti coinvolti nel passaggio scuola-lavoro; è auspicabile un monitoraggio sistematico dei risultati di simili programmi che permetta di valutarne il successo; attenzione infine ai fattori macroeconomici che hanno un’influenza cruciale sul successo delle stesse politiche per l’impiego, in quanto possono limitare i finanziamenti a favore dei servizi e della creazione di posti di lavoro, oltre a inasprire la concorrenza tra le persone in cerca di lavoro.

Ultima ora

14:58Calcio: Wenger, City? ha idee e petrolio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Le 15 vittorie di fila del Manchester City hanno cancellato uno dei tanti record dell'Arsenal degli 'invincibili' della stagione 2003-2004 e il tecnico di allora, che ancora oggi siede sulla panchina dei Gunners, Arsene Wenger rende merito alla squadra di Guardiola anche se, puntualizza, "Noi a quel tempo avevamo idee, ma non avevamo petrolio e idee, il che li rende ancora più efficienti". In quella stagione 2003-2004, l'Arsenal riuscì a rimanere imbattuta, con 26 vittorie e 12 pareggi, mentre Guardiola ha per il momento 16 vittorie e un pareggio.

14:56Preso Igor, condoglianze premier a Rajoy per agenti uccisi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Fatto le mie condoglianze a Mariano Rajoy per i due agenti e per il cittadino spagnolo uccisi stanotte nel corso dell'arresto del criminale Igor. Il mio pensiero va alle vittime di Budrio e alle loro famiglie". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni dopo l'arresto in Spagna del killer di Budrio.

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

Archivio Ultima ora