Mix pil-deflazione, l’Italia sul filo del rasoio del 3%

Pubblicato il 30 agosto 2014 da redazione

ROMA. – L’impegno e’ chiaro. L’Italia – ha assicurato il premier Matteo Renzi – non supererà la soglia del 3% del deficit. ”Flessibilità all’interno delle regole che già ci sono”, ha ribadito il premier Matteo Renzi. Ma la gragnola di dati che è piovuta ieri dall’Istat certo accende qualche allarme sui conti pubblici. L’Italia, che le ultime previsioni del governo indicano ancora con un Pil 2014 in crescita dello 0,8% e un deficit in discesa al 2,6%, potrebbe nuovamente trovarsi a ballare sul filo del rasoio, proprio sopra la soglia del 3%. Di certo sui conti del 2014 non ci sono manovre all’orizzonte. La correzione – almeno di 0,3 punti di Pil secondo il vecchio Def, 4,5 miliardi in soldoni – dovrà invece arrivare per il 2015. E a questa si dovrà aggiungere anche l’impegno del governo per rifinanziare il bonus di 80 euro. Solo per quest’ultima posta servono circa 10 miliardi di euro. Le risorse – per un ammontare che sfiorerebbe i 15 miliardi – dovrebbero arrivare dalla Spending Review della spesa pubblica, tra cui anche la stretta sulle società partecipate degli enti locali che non è stata inserita nel decreto Sblocca Italia ma che verrà varata con la Legge di Stabilità. Il quadro macro economico di riferimento, sul quale il governo fa le stime, e’ però in grande movimento. Una fotografia che congelerà le previsioni sarà scattata dal governo solo il primo di ottobre, quando saranno rese note le nuove stime sul Pil, quelle contenenti anche il valore di alcune attività criminali che – a detta della Cgia di Mestre – ammonterebbero a 170 miliardi di euro. Al momento, a bocce ferme, l’economia italiana viaggia quest’anno attorno allo zero. La crescita acquisita (quella cioè che si raggiungerebbe se il terzo e il quarto trimestre non registrano cambiamenti) è addirittura di -0,3%. Prevedendo una riduzione di 0,8 punti percentuali di Pil e attestando il Paese su un 2014 di ‘stagnazione’, il deficit potrebbe salire di 0,4 punti e raggiungere il 3%. Difficile però stimare il reale impatto che l’attuale congiuntura avrà sul deficit. Proprio perche’ ci sono due variabili matematiche, che possono pesare sui conti. Che potrebbero compensarsi l’una con l’altra. La prima e’ la revisione del Pil che potrebbe dare uno spazio di manovra, aumentando il valore del prodotto interno lordo. L’altra invece e’ la deflazione, il calo annuale dei prezzi: il Pil che viene preso a riferimento per il calcolo del rapporto con il debito e con il deficit è infatti quello reale, depurato cioè dell’andamento dei prezzi che in questo caso, essendo negativo, tenderà a ridurlo. Alle variabili tecniche vanno comunque aggiunte quelle politiche. Che si giocano in sede europea. Se è vero che l’Italia e’ alla ricerca della sola flessibilità possibile dentro le regole, è anche vero che scomputare gli investimenti produttivi – con una ‘golden rule’ – avrebbe l’effetto di allentare il cappio del pareggio di bilancio, che l’Italia si è impegnata a realizzare nel 2015 e che invece – per la necessità di dare un po’ di slancio ad una ripresa che al momento non si vede – vorrebbe spostare un po’ più avanti.

Ultima ora

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

20:20Gaza: Hamas, ‘niente più cani in spiaggia’

(ANSAmed) - GAZA, 28 MAG - Con un provvedimento che ha colto di sorpresa la popolazione, da questo mese Hamas ha deciso di impedire che i cani siano portati a passeggio sul lungomare di Gaza. Quanti ancora lo fanno sono fermati da agenti che per il momento si limitano ad illustrare la nuova norma, senza fare multe ne' confiscare animali. Fonti locali aggiungono che il passeggio con cani - di tutte le dimensioni - è impedito anche nella centrale via Omar al-Mukhtar, mentre è tollerato nelle strade secondarie e nei quartieri periferici, dove è più raro imbattersi in agenti. Nelle famiglie di Gaza la presenza di cani non è diffusa, anche perché negli ultimi anni mantenere condizioni igieniche nelle abitazioni è divenuto più difficile. Tuttavia nei negozi di animali si afferma che, oltre ad uccellini e gatti, adesso anche i cani vengono richiesti con maggiore frequenza da clienti in cerca di distrazione, dato che la maggior parte del giorno manca loro la corrente elettrica.

20:13Iran: da Khamenei nuove accuse a sauditi

(ANSA) - TEHERAN, 28 MAG - I regnanti dell'Arabia Saudita "stanno dando soldi agli Stati Uniti, così la ricchezza del popolo saudita va ai non credenti e ai nemici dei loro popoli". Lo ha detto la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo che "i governanti sauditi sono troppo duri con i musulmani, ma gentili con i non credenti". Secondo Khamanei, i vertici sauditi "opprimono il proprio popolo", così come "opprimono in modo diverso anche i popoli dello Yemen e del Bahrein. Ma perderanno". La Guida suprema ha definito i governanti sauditi "persone inutili e cattive che dominano una comunità della nazione musulmana", aggiungendo che si stanno facendo "mungere come bestiame" e definendoli "stupidi perché pensano di poter guadagnare l'amicizia dei nemici dell'islam fornendo loro soldi e assistenza", non capendo invece che "non c'è amicizia". Ma, ha aggiunto Khamanei, i regnanti sauditi "sono sul lato sbagliato, così sicuramente periranno".

20:10Calcio: Lega Pro, salvi Carrarese e Catanzaro

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Si sono giocate le gare di ritorno dei play out di Lega Pro che hanno determinato le sei retrocessioni in Serie D. In tre gare sono stati determinanti i piazzamenti nelle classifiche finali di campionato. Questi i risultati, fra parentesi le gare di andata. Girone A: Carrarese-Lupa Roma 1-0 (1-0); Prato-Tuttocuoio 0-0 (2-2). Retrocesse in Serie D: Lupa Roma e Tuttocuoio. A parità di punti e differenza reti con il Tuttocuoio, Prato salvo grazie alla miglior classifica. Girone B: Fano-Forlì 2-0 (1-1); Teramo-Lumezzane 0-0 (1-1). Retrocesse in Serie D: Forlì e Lumezzane. A parità di punti e differenza reti con il Lumezzane, Teramo salvo grazie alla miglior classifica. Girone C: Akragas-Melfi 1-1 (0-0); Vibonese-Catanzaro 1-1 (2-3). Retrocesse in Serie D: Melfi e Vibonese. A parità di punti e differenza reti con il Melfi, Akragas salvo grazie alla migliore classifica.

20:04Moto: domani in Kentucky l’ultimo saluto a Nicky Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAG - Si terranno domani a Owensboro, la sua cittadina in Kentucky negli Stati Uniti, i funerali di Nicky Hayden, il pilota della Superbike morto lunedì scorso all'ospedale 'Bufalini' di Cesena dove era stato ricoverato in seguito a un incidente stradale, avvenuto cinque giorni prima, mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. La funzione, come si legge sul sito della Red Bull Honda World Superbike, il team con cui ha corso nelle ultime stagioni, verrà celebrata domani a mezzogiorno - le 18 in Italia - nella cattedrale di St. Stephen e sarà trasmessa in diretta sulla fan page del pilota su Facebook.

19:52Calcio: addio Totti, in campo al 9′ st di Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Francesco Totti in campo per la sua ultima partita con la Roma. Il n.10 giallorosso e' entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull'1-1, sostituendo Salah. La Curva Sud ha salutato l'ingresso del n.10 esponendo uno striscione con sopra scritto: "Del calcio moderno hai vinto la grande battaglia: 25 anni con la stessa maglia".

19:45Calcio: Pellegri, primo gol di un classe 2001 in Serie A

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Nel giorno in cui Francesco Totti dà l'addio alla Roma come calciatore, un ragazzo nato nell'anno dell'ultimo scudetto dei giallorossi, il 2001, segna il suo primo gol in Serie A: proprio all'indomani del primo gol di un classe 2000, quello dello juventino Moises Kean a Bologna. Oggi è toccato ad un ragazzino ancora più giovane, Pietro Pellegri, che al 3' di Roma-Genoa, alla sua prima presenza da titolare nei rossoblù, ha portato gli ospiti in vantaggio segnando la sua prima rete in Serie A all'età di 16 anni, due mesi e un giorno (è nato il 17 marzo 2001). La sua non è tuttavia un record di precocità, perché ancora meglio fece l'attaccante romanista Amedeo Amadei che, contro la Lucchese nel maggio '37, quando non aveva ancora 16 anni (era nato nel luglio 1921), segnò quello che rimane il gol più "giovane" nella storia della A. Pellegri ha comunque eguagliato Amadei il 22 dicembre scorso quando, subentrando nel match con il Torino, ha esordito in A alla stessa età del romanista, ovvero 15 anni e 280 giorni.

Archivio Ultima ora