Mix pil-deflazione, l’Italia sul filo del rasoio del 3%

Pubblicato il 30 agosto 2014 da redazione

ROMA. – L’impegno e’ chiaro. L’Italia – ha assicurato il premier Matteo Renzi – non supererà la soglia del 3% del deficit. ”Flessibilità all’interno delle regole che già ci sono”, ha ribadito il premier Matteo Renzi. Ma la gragnola di dati che è piovuta ieri dall’Istat certo accende qualche allarme sui conti pubblici. L’Italia, che le ultime previsioni del governo indicano ancora con un Pil 2014 in crescita dello 0,8% e un deficit in discesa al 2,6%, potrebbe nuovamente trovarsi a ballare sul filo del rasoio, proprio sopra la soglia del 3%. Di certo sui conti del 2014 non ci sono manovre all’orizzonte. La correzione – almeno di 0,3 punti di Pil secondo il vecchio Def, 4,5 miliardi in soldoni – dovrà invece arrivare per il 2015. E a questa si dovrà aggiungere anche l’impegno del governo per rifinanziare il bonus di 80 euro. Solo per quest’ultima posta servono circa 10 miliardi di euro. Le risorse – per un ammontare che sfiorerebbe i 15 miliardi – dovrebbero arrivare dalla Spending Review della spesa pubblica, tra cui anche la stretta sulle società partecipate degli enti locali che non è stata inserita nel decreto Sblocca Italia ma che verrà varata con la Legge di Stabilità. Il quadro macro economico di riferimento, sul quale il governo fa le stime, e’ però in grande movimento. Una fotografia che congelerà le previsioni sarà scattata dal governo solo il primo di ottobre, quando saranno rese note le nuove stime sul Pil, quelle contenenti anche il valore di alcune attività criminali che – a detta della Cgia di Mestre – ammonterebbero a 170 miliardi di euro. Al momento, a bocce ferme, l’economia italiana viaggia quest’anno attorno allo zero. La crescita acquisita (quella cioè che si raggiungerebbe se il terzo e il quarto trimestre non registrano cambiamenti) è addirittura di -0,3%. Prevedendo una riduzione di 0,8 punti percentuali di Pil e attestando il Paese su un 2014 di ‘stagnazione’, il deficit potrebbe salire di 0,4 punti e raggiungere il 3%. Difficile però stimare il reale impatto che l’attuale congiuntura avrà sul deficit. Proprio perche’ ci sono due variabili matematiche, che possono pesare sui conti. Che potrebbero compensarsi l’una con l’altra. La prima e’ la revisione del Pil che potrebbe dare uno spazio di manovra, aumentando il valore del prodotto interno lordo. L’altra invece e’ la deflazione, il calo annuale dei prezzi: il Pil che viene preso a riferimento per il calcolo del rapporto con il debito e con il deficit è infatti quello reale, depurato cioè dell’andamento dei prezzi che in questo caso, essendo negativo, tenderà a ridurlo. Alle variabili tecniche vanno comunque aggiunte quelle politiche. Che si giocano in sede europea. Se è vero che l’Italia e’ alla ricerca della sola flessibilità possibile dentro le regole, è anche vero che scomputare gli investimenti produttivi – con una ‘golden rule’ – avrebbe l’effetto di allentare il cappio del pareggio di bilancio, che l’Italia si è impegnata a realizzare nel 2015 e che invece – per la necessità di dare un po’ di slancio ad una ripresa che al momento non si vede – vorrebbe spostare un po’ più avanti.

Ultima ora

19:16Calcio: Benevento, Lucioni era convocato per Crotone

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Il capitano del Benevento Fabio Lucioni, risultato positivo e dunque sospeso in via cautelare dal Tribunale nazionale antidoping, figurava nella lista dei convocati per la trasferta di domenica a Crotone ed è partito per la Calabria nel primo pomeriggio insieme al resto della squadra. La notizia della positività di Lucioni, intanto, ha scosso la tifoseria del Benevento. Riguarda infatti uno dei pilastri della squadra, essendo fra i protagonisti della storica cavalcata dalla Lega Pro fino alla Serie A.

19:13Sport: l’Us Acli fa squadra, al via anno sociale 2017

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Fare squadra". È questo lo slogan che ha accompagnato oggi la prima giornata di Assemblea di Avvio dell'Anno Sociale 2017 dell'Unione Sportiva Acli, andata in scena oggi nella sede delle Acli Nazionali a Roma. 'Fare squadra. Agire con lo spirito di un gruppo', è stato anche il tema al centro del dibattito moderato dal capo della redazione Sport dell'Ansa, Piercarlo Presutti, al quale ha partecipato come ospite d'onore il tecnico dell'Under 21, Luigi Di Biagio, oltre al presidente dell'Us Acli, Damiano Lembo e il presidente delle Acli nazionali, Roberto Rossini. Per Di Biagio "un talento in squadra serve eccome - ha spiegato - ma se non si mette a disposizione della squadra non si va da nessuna parte. Alla fine è il gruppo che rafforza il singolo. Il gruppo che abbiamo costruito all'ultimo Europeo è stata la squadra più forte che abbia mai allenato". All'Assemblea di avvio dell'anno sociale dell'Unione Sportiva Acli hanno preso pare oltre 100 dirigenti sportivi provenienti da 17 regioni e 70 province.

19:09Schulz a Afd, siete nemici, difenderemo democrazia

(ANSA) - BERLINO, 22 SET - "Siete nostri nemici, e noi difenderemo la democrazia". Lo ha detto Martin Schulz a Berlino, al comizio in Gendarmenmarkt a Berlino. Schulz ha definito i populisti di Alternative fuer Deutschland "becchini della democrazia". Schulz ha attaccato la "letargia" dello stile politico di Angela Merkel. "Quando parlo di queste elezioni devo spiegare il programma dell'Spd e quello della Cdu - ha detto a Berlino -. Perché loro non dicono nulla". "Non è colpa mia se Merkel si sottrae al dibattito", ha detto fra l'altro.

19:08Calcio: Tavecchio, molto critico sulle scommesse sulla Var

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Noi su questo siamo molto critici: tutti sanno perfettamente che il sottoscritto, a suo tempo, ha detto che si possono quotare i risultati finali; tutto il resto sono invenzioni e situazioni particolari". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio sulla scelta di Snai di quotare l'uso della Var nel derby di Torino. "Il bilancio sulla Var è positivo - ha aggiunto Tavecchio al termine dell'assemblea straordinaria della Lega di Serie A - Nelle prime due domeniche, su 12 casi, in 7 ha cambiato la decisione dell'arbitro. Il problema della Var non sta nella valutazione arbitrale, che avviene nell'arco di trenta secondi o anche meno, ma nella trasmissione di dati dall'osservatorio al campo. Che molte volte non è arrivata e quindi non si poteva procedere".

19:00Brexit: Barnier, da May passo avanti costruttivo

(ANSA) - BRUXELLES, 22 SET - "Nel suo discorso a Firenze, la premier Theresa May ha espresso uno spirito costruttivo". E' la reazione del capo negoziatore della Commissione Ue, Michel Barnier, al discorso di Firenze di Theresa May. Le dichiarazioni della leader britannica, sostiene, "sono un passo in avanti ma devono ora essere tradotte in una precisa posizione negoziale del governo del Regno Unito". "Aspettiamo che i negoziatori della Gran Bretagna ci spieghino le implicazioni concrete del discorso della premier Theresa May" al via del quarto round negoziale sulla Brexit che comincia lunedì a Bruxelles. "la nostra ambizione - ha proseguito - è trovare un accordo rapido sulle condizioni dell'uscita ordinata della Gran Bretagna, così come su un possibile periodo di transizione". Barnier intanto lunedì, prima di vedere David Davis per l'avvio delle nuove discussioni, ne discuterà con il gruppo sulla Brexit dell'Europarlamento e con i ministri dei 27 al Consiglio affari generali sull'art.50.

18:59M5S: in scaletta interventi palco stasera manca Fico

(ANSA) - RIMINI, 22 SET - Non ci sarà, come sembrava certo nelle scorse ore, Roberto Fico, tra coloro che questa sera parleranno dal palco principale di Italia 5 Stelle. E' quanto si vede nella scaletta degli interventi pubblicata sul blog di Beppe Grillo. Tra i temi affrontati oggi c'è quello "Telecomunicazioni e informazione" che, in teoria, avrebbe dovuto coinvolgere Fico, presidente della Vigilanza Rai. Ma a parlare saranno Mirella Liuzzi e Gianluca Castaldi. Una scelta che conferma il gelo tra i vertici M5S e Fico.

18:58Calcio: Tavecchio, offerte notevoli per i diritti tv esteri

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Siamo in un trend positivo. Abbiamo ricevuto offerte globali, per macro aree e per singoli Paesi. Messe insieme sono notevoli, a dispetto di chi pensava fossimo un Paese non appetibile". Il presidente della Figc e commissario della Lega Serie A Carlo Tavecchio non svela le cifre delle offerte per i diritti tv internazionali, ma chiarisce che sono "numerose e talmente importanti da auspicare trattative private integrative". "Entro il 31 ottobre si chiude", precisa al termine dell'assemblea straordinaria della Lega, spiegando che le trattative saranno condotte a Londra dal dg Marco Brunelli e dal sub-commissario della Lega Paolo Nicoletti. Poi, la replica al presidente del Napoli (che sulla vendita dei diritti tv aveva attaccato anche Infront): "De Laurentiis ha la memoria corta: da anni auspico la riduzione dei campionati, ma sono le loro assemblee a non approvarla. Per pensare di arrivare ai risultati di Spagna e Inghilterra, le più pagate, serve un po' di coraggio visto il punto di partenza della A".

Archivio Ultima ora