L’Ucraina evoca la “grande guerra” contro la Russia

Pubblicato il 01 settembre 2014 da redazione

KIEV. – E’ ormai guerra aperta tra Kiev e Mosca nell’est ucraino, anche se non dichiarata ufficialmente, e addirittura negata dalla Russia, che continua a smentire il suo intervento militare. Ma l’Ucraina denuncia “aspri scontri” con truppe russe a Donetsk e anche a Lugansk, dove l’esercito ha battuto in ritirata come quasi ovunque, ed evoca una “grande guerra mai vista dall’Europa dai tempi della Seconda guerra mondiale”, come ha ammonito il ministro della Difesa, Valeri Gheletei. Anche la cancelliera tedesca Angela Merkel lo ammette, davanti al Bundestag: “E’ ormai chiaro che non siamo di fronte a un conflitto all’interno dell’Ucraina, ma ad uno scontro fra la Russia e l’Ucraina”, ha sostenuto, ricordando la preparazione di “nuove sanzioni sostanziali” da parte della Ue e gli “aumentati timori” di alcuni Paesi Ue, come quelli baltici. Le ha fatto eco il premier polacco Donald Tusk, appena nominato presidente del Consiglio europeo, che commemorando il 75/mo anniversario dello scoppio del secondo conflitto mondiale ha messo in guardia contro i pericoli di una guerra “non solo nell’est ucraino” e del ripetersi dello scenario del settembre 1939, quello dell’invasione nazista della Polonia. Il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, continua a spergiurare che “non ci sarà un intervento militare russo in Ucraina”, rilanciando la necessità di un cessate il fuoco immediato senza condizioni. Ma il gruppo di contatto – Osce, Kiev, Mosca e leader dell’est ucraino – riunitosi a Minsk per circa quattro ore ha deciso solo di proseguire i colloqui nei prossimi giorni per studiare le reciproche proposte. Quelle dei ribelli, tuttavia, appaiono difficilmente accettabili per Kiev: sono pronti a restare nel Paese in cambio di uno status speciale per le loro regioni, che consenta loro di gestire la sicurezza, di nominare i magistrati e di svolgere attività economica con una maggiore integrazione con la Russia e l’Unione doganale. Oltre ad una amnistia generalizzata. Richieste audaci che sembrano prefigurare lo strappo finale, quello che secondo alcuni analisti russi sta perseguendo il Cremlino dopo il rifiuto di Kiev di trattare sul federalismo. In caso di fallimento dei negoziati, sempre secondo gli esperti russi, Mosca potrebbe appoggiare la nascita di uno stato cuscinetto, come ha già fatto in Georgia con l’Ossezia del sud e l’Abkhazia, e in Moldova con la Transnistria. Con l’obiettivo di mettere il bastone tra le ruote all’integrazione europea di Kiev e, soprattutto, alla sua adesione ad una Nato che, alla vigilia del vertice dell’Alleanza il 4-5 settembre nel Galles, promette con il suo segretario generale uscente, Fogh Rasmussen, di essere “più visibile a est”. Lo scenario potrebbe essere reso possibile dal successo della controffensiva dei ribelli con l’aiuto russo, anche se resta da determinare l’estensione della Novorossia. Kiev ha ammesso 7 soldati uccisi nelle ultime 24 ore e ben 680 catturati, l’80% dei quali nel tentativo di rompere l’accerchiamento a Ilovaisk. I militari ucraini si sono ritirati inoltre dall’aeroporto chiave di Lugansk, a causa di tiri d’artiglieria così precisi da non avere dubbi che a sparare fossero reparti russi. Battaglia anche intorno all’aeroporto di Donetsk. A sud, sul mare di Azov, Mariuopol sembra rassegnata ad essere assaltata, mentre due motovedette della guardia di frontiera sono stati colpite al largo da missili guidati: sette i feriti, due gli scomparsi. Anche la presidente del comitato madri dei soldati della Russia, Valentina Melnikova, è convinta che in Ucraina agiscano truppe russe, con 10-15 mila soldati inviati negli ultimi due mesi, e circa 7-8.000 presenti attualmente. “Le perdite si conteranno non nell’ordine di centinaia ma di migliaia e persino di decine di migliaia”, ha avvisato il ministro della Difesa ucraino. “Oggi fronteggiamo le divisioni e i reggimenti, domani possono essere i corpi d’armata”, ha aggiunto evocando una nuova “grande guerra patriottica” contro la Russia. Il presidente ucraino Petro Poroshenko è più cauto e parla di una “aggressione diretta e non dissimulata dello Stato vicino”, confidando nelle nuove sanzioni europee che stanno già colpendo il rublo. Putin cerca di esorcizzarle sperando che “prevalga il buon senso” e che “né la Russia né la Ue pagheranno i costi derivanti da queste punzecchiature”. Intanto ricorda all’Occidente che Mosca sta già guardando ad est, inaugurando con il vicepremier cinese l’inizio della costruzione del gasdotto da 70 miliardi di dollari “La Forza della Siberia”, che con i suoi 3.968 km porterà il metano russo dalla Siberia orientale alla Cina. (Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

18:50Spente fiamme in capannone, trovato corpo carbonizzato

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato trovato, oggi pomeriggio, dai vigili del fuoco, al termine delle operazioni di spegnimento di un incendio divampato in un capannone abbandonato a Baranzate di Bollate, nel Milanese. Al momento non è stato possibile risalire all'identità della vittima, ma i carabinieri, che stanno svolgendo gli accertamenti, ritengono che possa trattarsi di un senzatetto. Il luogo in cui è stato trovato il corpo è un anfratto in cui era stato ricavato un riparo con dei cartoni, una sorta di capanna. Non si esclude nemmeno che le fiamme siano partite proprio da un tentativo maldestro di riscaldarsi accendendo dei materiali infiammabili.

18:43Calcio: Ancelotti in panchina per match solidarietà

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Uefa e Onu hanno annunciato oggi a Ginevra che uniranno le forze per organizzare una partita di solidarietà con il sostegno del Cantone di Ginevra, della città e della Fondazione dello stadio di Ginevra. Il match, che vedrà la partecipazione di due squadre guidate da celebrità del calcio, si giocherà sabato 21 aprile 2018 alle 16. In nome della solidarietà e del riconoscimento dell'importanza dello sport nella società, 'Match for solidarity' è finalizzata a promuovere la pace, i diritti umani e il benessere nel mondo, attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite. Il ricavato di questa partita sarà utilizzato per finanziare progetti umanitari e di sviluppo internazionali. Le due squadre, allenate da Carlo Ancelotti e Didier Deschamps, avranno rispettivamente come capitani Luis Figo e Ronaldinho. Gli allenatori e i capitani selezioneranno le proprie squadre nelle prossime settimane. La partita sarà arbitrata da Pierluigi Collina.

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

Archivio Ultima ora