Obama: “I confini non si cambiano con la pistola”

NEWPORT (GALLES) – Il messaggio di Barack Obama al Cremlino non lascia dubbi:

– I confini non possono essere ridisegnati dalla canna di una pistola.

Il presidente americano lo lancia da Tallin, ad appena 300 chilometri da San Pietroburgo. L’Estonia è paese Nato al confine con la Russia. Con il 30% per cento della popolazione che parla russo. Lì, come in Lettonia, Lituania, Polonia e in tutto l’est, i fantasmi del passato impero sovietico rievocati da Putin sono vivi. Ed è lì che Obama è sbarcato in Europa alla vigilia del vertice Nato che da tra oggi e venerdì in Galles dovrà riscrivere il futuro dell’Alleanza Atlantica.

25 anni dopo la caduta del Muro, torna la Guerra Fredda. Uno dei principali obiettivi del vertice, dove i leader dovranno riflettere anche come combattere l’orrore jihadista in Iraq e come evitare che l’Afghanistan non riesca a diventare un normale paese sovrano dopo la mezzanotte del 31 dicembre quando si concluderà la missione di combattimento Isaf, sarà quello di decidere la “strategia di lungo termine per rendere sicura l’Europa con questa Russia”. Lo spiegano alti funzionari della Nato, che non hanno mezzi termini per definire il rapporto con la Russia:

– Non è più un partner.

Era il partner strategico numero uno, l’unico sempre presente nelle ministeriali. Invece ora “Mosca ci considera un avversario”, è l’amara constatazione. Ed esprimono il dubbio che la strategia del Cremlino sia partita da lontano:

– Guardando indietro nel tempo, ci rendiamo conto che sembra che Putin abbia preparato questa situazione negli anni.

La situazione attuale in Ucraina “è il frutto di un lungo sviluppo” che comprende anche l’invasione della Georgia.

– Ma se Putin aveva paura che l’Ucraina o la Georgia entrassero nella Nato, ha ottenuto l’effetto contrario… – aggiungono.

E la risposta dell’Alleanza sarà il via libera al nuovo piano d’azione (Rap) che comprende la creazione di una forza di intervento immediato con carri armati, aerei, navi e logistica già pronte in cinque basi dell’est. Potrà intervenire in 48 ore. Servirà non solo per l’est europeo, ma anche per il fronte sud, assicurano alla Nato. Ma l’invasione della Crimea ha innescato la macchina del tempo. La Nato ha ritrovato il vecchio avversario.

– Non accetteremo mai un’occupazione da parte della Russia e un’annessione illegale della Crimea o di altre parti dell’Ucraina – scandisce Obama, che aggiunge:

– Gli Stati Uniti difenderanno sempre i loro alleati della Nato. E questo significa ogni alleato.

A Kiev promette anche aiuto per la penuria energetica ma a tutti gli europei garantisce che gli Usa “lavorano per rafforzare la sicurezza dei nostri alleati e per aumentare ulteriormente la presenza militare dell’America in Europa”. Gli alleati tuttavia dovranno mettere mano al portafoglio, perché non è accettabile che tanti spendano così poco. Gli europei dovranno tornare a impegnare il 2% del pil in spese militari. Per molti, a cominciare dall’Italia, un obiettivo difficilissimo da raggiungere. Ma, come diceva il segretario generale Rasmussen lunedì, “il mondo è cambiato.

 

Condividi: