Grillo contro gli immigranti: “Tutti via con voli low costi”

ROMA  – Voli low cost per trasferire i clandestini dall’Italia nei vari Paesi membri dell’Ue, ed il ministro Angelino Alfano raffigurato con la pelle nera. Sono le ultime provocazioni di Beppe Grillo che torna all’attacco sul tema dell’immigrazione con una bocciatura del Frontex Plus, il nuovo programma per il pattugliamento delle frontiere nel Mediterraneo fortemente voluto proprio dal responsabile del Viminale. Secondo il leader del M5S l’accordo, benedetto dalla Germania e dall’Unione Europea, non aiuterebbe l’Italia ma di fatto la costringerebbe ad accogliere ed ospitare un maggior numero di immigrati sul proprio territorio. Perciò l’idea dei voli “da Lampedusa per tutta Europa: la destinazione la sceglie il clandestino, come è giusto che sia”.

Ma l’ex comico genovese ne ha un po’ per tutti e, dopo l’ennesimo ‘segnalazione’ di un giornalista sul blog, rilancia l’allarme tubercolosi. Per Grillo gli immigrati starebbero reintroducendo la malattia in Italia, mettendo a rischio in primis i militari impegnati nelle operazioni di accoglienza e negli sbarchi.

Il ministro della Difesa Roberta Pinotti smentisce contagi tra i militari:

– Non si è registrato nessun caso di tubercolosi tra i militari impegnati nell’operazione Mare Nostrum.

Ed invita a “non montare un caso” anche perché “sulle navi della Marina c’è un’attenzione particolare a questi aspetti”. Sulla tbc, però, il capo dei cinquestelle insiste e tira in ballo anche il sindaco di Roma Ignazio Marino con una lettera che il primo cittadino della Capitale ha inviato ad inizio giugno per denunciare il rischio infezione dovuto alla presenza di “immigrati possibili portatori di tbc, hiv e altre ‘temibili malattie infettive'”.

E Marino – sottolinea Grillo – è un medico.

“Il Pd – è la richiesta dell’ex comico – dovrebbe chiederne le dimissioni immediate e mettere al suo posto Vendola che andrebbe ad abbracciarli a braccia aperte alla faccia nostra”.

Il tema immigrazione ha monopolizzato la comunicazione del M5S in questi giorni o, quantomeno, del blog di Beppe Grillo che gli dedica i quattro articoli di apertura. E’ segno che i cinquestelle ed il loro capo sono convinti di andare incontro alle preferenze dei sostenitori pentastellati. Per il momento, Grillo incassa il “benvenuto” del segretario della Lega Nord Matteo Salvini che lo invita “ufficialmente in piazza sabato 18 ottobre”.

– Noi diremo basta all’invasione, vogliamo portare centomila persone in piazza – dice il segretario del Carroccio – Se Grillo alzerà le chiappe, e non se ne resterà nella sua villa in Sardegna, saremo contenti.

I cinquestelle, intanto, continuano a lavorare per organizzare la manifestazione al Circo Massimo a Roma. Attendono ancora l’autorizzazione dal Comune. Così sul blog di Grillo compare un messaggio rivolto proprio al sindaco capitolino:

“Marino, dacce er Circo Massimo”.