Usa: sciopero degli hamburger, “basta paghe da fame”

Pubblicato il 04 settembre 2014 da redazione

NEW YORK. – I dipendenti dei fast food di 150 città americane sono scesi oggi in piazza per dire basta alle paghe definite da “fame” e chiedere l’aumento del salario minimo a 15 dollari l’ora. Migliaia di persone, fin dalle prime ore di questa mattina, hanno abbandonato temporaneamente patatine fritte e hamburger e si sono dati alla disobbedienza civile per attirare attenzione su ciò che loro definiscono il diritto di avere un salario dignitoso, contro gli attuali 7 dollari e 25 l’ora. “Sappiamo che sarà una dura battaglia”, spiega alla Tv Latoya Caldwell, impiegata Wendy’s di Kansas City in Missouri, costretta a tirare su quattro figli con 7,50 dollari l’ora: “Ma vinceremo”. Da Los Angeles a New York, i dipendenti di McDonald’s, Wendy’s, Burger King, al grido di “Fight for 15” (lotta per i 15 dollari), hanno sfidato le forze dell’ordine e ignorando il fatto che rischiavano l’arresto hanno inscenato sit in in particolare per bloccare la circolazione. E le manette non si sono fatte attendere, in particolar modo a New York, Detroit, Indianapolis e San Diego. Il bilancio è stato di una settantina di persone fermate. Nella Grande Mela, la protesta ha scelto Times Square, la piazza più affollata della città, per far sentire la propria voce. Circa 400 manifestanti si sono radunati lì nell’ora di punta, sollevando cartelli con scritto “Uniamoci per i 15 dollari e per i diritti sindacali”. Gli arresti sono scattati quando alcuni di loro si sono seduti per strada bloccando la circolazione. “Li abbiamo arrestati – ha detto un portavoce della polizia di New York – per schiamazzi”. A New York è arrivato anche un gruppo di persone provenienti da Ferguson, la città del Missouri dove a metà agosto sono scoppiate rivolte in seguito all’uccisione da parte di un agente della polizia di un adolescente di colore disarmato. In piazza anche un dipendente di McDonald’s di 81 anni costretto ancora a lavorare perché non riesce ad andare in pensione a causa del salario troppo basso. La mobilitazione nazionale di oggi dei dipendenti di fast food è stata il culmine di una serie di scioperi iniziati proprio a New York due anni fa. Anche se per ora la categoria non ha raggiunto alcun risultato pratico, a livello nazionale ha sollevato il dibattito sulla necessità di aumentare i salari minimi. L’appello è arrivato anche alle orecchie del presidente Obama, che ha fatto della battaglia per l’innalzamento del salario minimo una delle priorità della sua agenda sociale. Non a caso, lo scorso febbraio, anche per dare un segnale dopo le prime proteste da parte dei dipendenti di fast food, ha aumentato il salario minimo per gli impiegati federali a 10,10 dollari l’ora. (di Gina Di Meo/ANSA)

Ultima ora

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

Archivio Ultima ora