Moda a New York: Lacoste, una passerella ispirata alla nautica

NEW YORK. – Il set e’ una serie di vele con il marchio del coccodrillo: passata nel 2012 nelle mani del gruppo elvetico Maus Freres, Lacoste naviga col vento il poppa con lo stilista Felipe Oliveira Baptista al timone. Portoghese, 36 anni, un passato a Max Mara, Baptista ha scoperto una vocazione nautica nell’archivio della griffe fondata nel 1927 dal tennista francese Rene Lacoste e che ha chiuso il 2013 con un fatturato di un miliardo di euro. In principio e’ la barca a vela – anzi i due yacht realizzati negli anni Ottanta da Lacoste in collaborazione con uno dei più prestigiosi cantieri navali francesi: la L36 e la L42 univano stile, confort e performance, i tre principi alla base dell’iconica polo col coccodrillo. Ed ecco dunque le ragioni del ritorno del brand a un universo marinaro, all’eleganza e la funzionalità di blazer, impermeabili antivento, giacche da pescatore indossate dai primi diportisti nei colori tradizionali della palette Lacoste in cui blu, bianco, rosso e giallo brillante gettano le basi nautiche mentre arancio, lilla, verde menta pallido, grigio e viola portano tocchi vigorosi o sbiaditi come se troppo a lungo esposti al sole o bagnati dal mare. Baptista, che nelle due scorse stagioni aveva riscoperto il Dna del tennis e poi rivisitato l’altro sport di famiglia, il golf, ha tradotto in versione barca l’ormai classicissima borsa Chantaco a fianco della quale ha creato una piccola tracolla che si chiude come un giornale di bordo. Uno zaino da uomo ispirato al mare si può portare come borsa tote. Il look complessivo consiste in strati, sovrapposizioni e volumi modulati che impiegano chiusure per fermare un abito, il retro di un top alla marinara, o stringere una giacca alla vita o sulle spalle. Bretelle, cinture e cinghie regolabili danno versatilità ai capi nautici. Dallo sport al glamour: alle sfilate di New York per la primavera estate 2015 lo showbiz impazza non solo nei parterre ma anche e soprattutto alle feste. Ieri al Plaza, davanti a un pubblico di vip (tra i tanti, Donatella Versace e la figlia Allegra con il nuovo stilista di Versus Anthony Vaccarello, l’artista Jeff Koons, Kate Upton e Alan Cumming), “Sua Maesta’” Lady Gaga ha festeggiato con una speciale performance jazz il lancio del nuovo album Cheek to Cheek con Tony Bennett ma soprattutto le “icone” scelte dalla fashion director Carine Roitfeld e dal fotografo Sebastian Faena per il numero di settembre delle 30 edizioni globali di Harper’s Bazaar: oltre alle tre cover girl dell’edizione americana (Gaga, Linda Evangelista e Pelelope Cruz), sono altre 19 donne dalla bellezza eterna: tra queste Brooke Shields, Cindy Crawford, Eva Herzigova, Lauren Hutton e le italiane Monica Bellucci e Mariacarla Boscono. (di Alessandra Baldini/ANSA)

Condividi: