Azzurri a lezione da Conte, si studia la Norvegia

FIRENZE. – In difesa Ranocchia-Bonucci-Astori davanti a Buffon, in attacco la coppia Zaza-Immobile: a due giorni dal debutto di Antonio Conte in una partita ufficiale – martedì sera a Oslo contro la Norvegia per l qualificazioni agli Europei 2016 – appaiono queste le certezze del neo commissario tecnico azzurro almeno stando a quanto testato durante gli allenamenti di questi giorni seguiti alla vittoriosa e brillante amichevole di giovedì scorso con l’Olanda. Conte non intende farsi distrarre dalle vicende che hanno già movimentato il suo primo raduno a Coverciano ed è concentrato sul lavoro di squadra. Il lavoro e’ intenso, come d’abitudine del tecnico salentino: l’antivigilia della partita di martedì e’ stata dedicata per metà a una lunga seduta video per studiare punti di forza e punti deboli dell’avversario. Più passano le ore più il ct sembra intenzionato a confermare per gran parte gli undici che hanno ben figurato con l’Olanda anche se con il rientro in gruppo da oggi di El Shaarawy, tenuto a riposo giovedì per un fastidio alla caviglia con cui si è presentato al raduno, crescono le alternative per l’attacco. Non a caso il milanista si è alternato con lo stesso Immobile durante le esercitazioni tattiche. A centrocampo De Rossi, che sembra aver smaltito il fastidio al collaterale del ginocchio sinistro accusato giovedì), appare inamovibile, con lui Giaccherini e a sinistra De Sciglio. L’unico ballottaggio si annuncia a destra dove Darmian, titolare a Bari, e Candreva lottano per una maglia mentre salgono le quotazioni di Florenzi per sostituire lo squalificato Marchisio secondo le indicazioni dell’allenamento di stamani contrassegnato anche dalle prove del modulo 4-5-1 oltre al 3-5-2 marchio di fabbrica di Conte. Domani mattina gli azzurri effettueranno ancora un allenamento, sempre a porte chiuse, prima della partenza per Oslo prevista da Firenze intorno alle 15. A Coverciano ci sarà il presidente federale Tavecchio, per un saluto all’incontro arbitrale di serie B, che poi con la squadra volerà sul charter per Oslo (in programma la presenza di Claudio Lotito in Norvegia: mentre il web ironizza sul suo presenzialismo, il presidente Lazio e consigliere Figc sta preparando un giaccone per il clima di Oslo e per non scatenare gli scatti dei fotografi). Compresa la sgambatura sul campo di Oslo, Conte ha dunque ancora due sedute per sciogliere gli ultimi dubbi. Intanto, nel pomeriggio il ct ha rinunciato alle prove sul campo optando per una lunga analisi al video su tattica e studio della Norvegia. Al termine don Massimiliano Gabbricci, cappellano della Nazionale oltrechè della Fiorentina, ha officiato la messa all’interno del Centro federale.