F1: Hamilton brucia Rosberg, amici? Compagni di squadra…

MONZA. – Estromesso a Spa da un pasticcio di Nico Rosberg, Lewis Hamilton a Monza trionfa proprio grazie anche a un doppio errore del compagno di squadra. In casa Mercedes ora tornano i conti, la scuderia tedesca fa doppietta rubando la scena alle Ferrari, e i suoi piloti sono entrambi sorridenti sul podio, anche se si ignorano. Ed è sarcastica la domanda di Jean Alesi durante i festeggiamenti: siete di nuovo amici? “Siamo compagni di squadra, come sempre”, ha risposto sornione l’inglese, che ha rosicchiato 7 punti al compagno leader del Mondiale e conta di proseguire la rimonta lottando, a costo di sorvolare su qualche indicazione, come avvenuto dopo un team radio che lo invitava a non spingere troppo. “Ho un ottimo rapporto con gli ingegneri, vogliono vincere come me e cercano di guidarmi, ma penso che alla fine sono là fuori – ha spiegato Hamilton che con 28 successi supera Jackie Stewart e diventa il settimo per vittorie di ogni epoca -. Congratulazioni alla squadra, volevano una doppietta ed è arrivata. E’ stata una gara dura. Quando prepari una gara devi essere pronto all’imprevisto, per fortuna non mi sono toccato con nessuno, non ho fatto incidenti in corsa”. Ne ha fatti due Rosberg alla prima variante e il team principal Toto Wolff ha escluso che siano stati ‘pilotati’ per dare strada al compagno di scuderia: “No, è che il duello intenso può portare a sbagliare”. “Non ho sbagliato volutamente. Io non devo dargli niente. A caldo sono molto deluso per il secondo posto, ma non è un completo disastro e sono felice per il team” ha detto il leader del Mondiale, che ha ricevuto qualche fischio sul podio. “Sono i tifosi di Lewis, che ne ha tanti – ha commentato il tedesco -. Capisco che siano dispiaciuti per Spa, ma spero che con il tempo dimentichino e perdonino. Mi sono scusato, non posso fare null’altro. Abbiamo tirato una linea e adesso stiamo andando avanti. Lewis ha guidato bene e ha meritato di vincere”. E’ stato invece coperto di applausi l’ex ferrarista Felipe Massa, terzo con la Williams. “Non c’e’ posto più bello per essere sul podio, e sono felice anche perché è la prima volta in questa stagione. Nelle ultime gare lotterò ancora – ha assicurato -. La Ferrari è nel mio cuore ma ora sono altrove, devo lottare contro tutti. E’ un giorno fantastico, siamo sul podio e il messaggio è che ci siamo, siamo competitivi e lottiamo”.

Condividi: