Ecco il piano di Obama, la guerra contro l’Isis durerà almeno 3 anni

Pubblicato il 08 settembre 2014 da redazione

NEW YORK. – Una campagna in tre fasi per “indebolire e infine distruggere” le forze jihadiste in Iraq e in Siria. Un’offensiva militare e politica che durerà almeno tre anni e molto probabilmente destinata a concludersi quando Barack Obama non sarà più presidente. Il piano anti-Isis è pronto. Il Commander in Chief si appresta a presentarlo al Congresso dettagliando per la prima volta la sua strategia, dopo tante settimane di polemiche sulla presunta mancanza di direzione da parte della Casa Bianca. Poi mercoledì, alla vigilia dell’anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001, il discorso alla nazione in diretta Tv. Un discorso difficile, a cui Obama sta lavorando oramai da giorni e col quale dovrà convincere un’opinione pubblica dubbiosa della necessità di agire, anche militarmente, contro l’avanzata dell’estremismo islamico nella regione mediorientale. E per fermare una violenza cieca dei jihadisti che finora – è l’ultima denuncia dell’Onu – ha portato dall’inizio dell’anno all’uccisione o alla mutilazione di almeno 700 bambini, anche nell’ambito di esecuzioni sommarie. Al tempo stesso Obama dovrà rassicurare gli americani che il Paese non verrà trascinato in una nuova guerra in Iraq, come nel 2003. Del resto – come sottolinea il New York Times – si tratta di una campagna senza precedenti. Niente a che vedere con le operazioni antiterrorismo in Yemen o in Pakistan, limitate a colpire con i droni i leader dei gruppi terroristici. Niente a che vedere con la guerra in Afghanistan e con la precedente guerra in Iraq, con il coinvolgimento di truppe sul campo. E la situazione è diversa anche dal conflitto del Kosovo nel 1999, quando il presidente Bill Clinton e la Nato concentrarono la loro offensiva in appena 78 giorni, o dai raid che in Libia portarono alla caduta del regime di Gheddafi, con gli Usa che rimasero defilati. Stavolta gli Stati Uniti giocheranno un ruolo centrale, di leadership nella vasta coalizione che sta nascendo, dagli alleati della Nato ai Paesi della penisola arabica, passando per la Giordania, l’Egitto e – anche se nessuno lo ammette esplicitamente – l’Iran. E i tempi non saranno brevi, almeno 36 mesi, con i raid aerei che serviranno a indebolire le forze del ‘califfo’ e a sostenere le truppe sul campo, che saranno solo irachene, curde e siriane. La prima fase di questa campagna è già iniziata, ed è proprio quella dei bombardamenti dei caccia e dei droni Usa, che già conta 145 operazioni: avviata in Iraq con l’obiettivo dichiarato di prevenire massacri e crisi umanitarie e di difendere il personale Usa, ha già indebolito le forze jihadiste e, nelle ultime ore, è stata estesa a difesa di centri strategici come la diga di Haditha, nell’ovest del Paese. E i raid potrebbero ben presto riguardare la Siria, dove si trovano le principali roccaforti dell’Isis, con la città di Raqqa che è stata dichiarata capitale dello stato islamico. La seconda fase – scrive il Nyt – si aprirà invece con la costituzione del nuovo governo iracheno, probabilmente già questa settimana. Un governo più inclusivo che permetterà agli Usa e ai suoi alleati di concentrarsi sull’addestramento e sull’equipaggiamento delle forze militari irachene, dei combattenti curdi e di alcuni gruppi sunniti. Saranno fornite armi e munizioni ed altre attrezzature militari, che costeranno uno sforzo maggiore in termini finanziari. Con Obama – scrive il Wall Street Journal – che si appresta a chiedere al Congresso di approvare velocemente la proposta da lui presentata la scorsa primavera, quella di uno stanziamento di ulteriori 500 milioni di dollari per addestrate e armare i ribelli siriani pro-occidentali. Infine la terza fase, quella dell’offensiva finale per annientare lo stato fondato dal califfo al Baghdadi. Ci vorranno non meno di tre anni per raggiungere questo risultato, spiegano gli esperti al Nyt. E Obama che doveva chiudere la stagione dei conflitti si ritroverà suo malgrado a lasciare la Casa Bianca con una guerra in corso. Intanto a Baghdad si registrano almeno 18 morti dopo due attentati suicidi organizzati dall’Isis e una serie di scontri che ne sono seguiti ad Al Dhuluya, circa 50 chilometri a nord della capitale. E mentre la Lega araba chiede uno stop alle forniture di armi alle milizie ‘illegittime’ in Libia da parte di Paesi stranieri, uno studio londinese mostra come l’Isis – ironia della sorte – combatta anche con armi americane, quelle sottratte alle forze irachene o ai gruppi anti-Assad in Siria. (Ugo Caltagirone/Ansa)

 

Ultima ora

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

17:40Maltempo: in Toscana prolungata allerta rossa

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - E' stata prolungata fino alle 13 di domani 12 dicembre, l'allerta rossa per l'Alta Toscana per rischio idrogeologico e idraulico. Rimane arancione il livello di allerta per la Versilia e la parte dell'Ombrione pistoiese per rischio idrogeologico, vento e mareggiate. Scende invece al codice giallo la criticità per il resto della regione. Le aree dove il codice è più alto, si spiega dalla protezione civile regionale, sono Lunigiana, Apuane, Garfagnana, valle del Reno, parte inferiore del Serchio fino a Marina di Vecchiano. L'allerta è stata prolungata a seguito dell'ultimo bollettino meteo, in base al quale oggi proseguiranno le precipitazioni persistenti sui rilievi di Lunigiana, Garfagnana, Appennino pistoiese, in parte anche quello pratese e fiorentino. Le piogge, generalmente di moderata intensità, tenderanno ad intensificarsi dal pomeriggio, con possibili rovesci temporaleschi sulla Lunigiana e Garfagnana. In pianura saranno più deboli e intermittenti. Nel corso della notte le precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o localmente di temporale, tenderanno gradualmente a trasferirsi al resto della regione, attenuandosi sul nord-ovest. Dalla sera di oggi, lunedì, ci sarà anche possibilità di temporali sul nord-ovest. Nel corso della notte e la mattinata di domani possibilità di temporali sparsi sul centro-nord, dal pomeriggio su quelle meridionali. Per i venti, oggi raffiche molto forti crinali appenninici e sottovento ad essi, costa centro-meridionale, Colline Metallifere e attorno all'Amiata. Attenuazione dei venti a partire dalle prime ore di domani quando è prevista la rotazione dei venti a libeccio. Oggi ancora mare agitato sulle coste esposte al flusso meridionale e in Arcipelago. Graduale attenuazione del moto ondoso dalle prime ore di domani, martedì.(ANSA).

17:30Roma:domenica ecologia slitta a 25/2, 17/12 pedonalizzazioni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato l'ordinanza per posticipare la domenica ecologica del 17 dicembre 2017 alla nuova data del 25 febbraio 2018. In aggiunta allo spostamento della data si è scelto di valutare la possibilità di pedonalizzare, nella giornata del 17 dicembre, una via in ogni Municipio al fine di creare tante isole pedonali libere dalle auto. Alcune associazioni di commercianti avevano chiesto lo slittamento visto che la domenica ecologica cadeva nel fine settimana di shopping pre-natalizio. Inoltre l'assessorato alla Sostenibilità Ambientale ha deciso di riproporre l'iniziativa di piantumazione di essenze nelle tre "domeniche ecologiche" ancora in programma (21 gennaio; 11 febbraio e 25 febbraio).

17:29Calcio: Spalletti, con Juve Inter non perfetta

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - "Contro la Juventus abbiamo giocato con un'unica anima ma non abbiamo fatto la partita perfetta". L'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti torna così, alla vigilia della Coppa Italia, ad analizzare il pareggio di Torino. Una sfida che a Spalletti non ha dato indicazioni ulteriori: "A me non ha dato niente di nuovo, è stato come riguardare una foto che avevo già sul cellulare. Ha consolidato le certezze e i punti su cui dobbiamo migliorare per crescere ulteriormente. A Torino abbiamo fatto vedere sia le nostre qualità che ciò che è ancora da mettere a posto".

17:27New York: polizia, uomo fermato si chiama Akayed Ullah

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - Il fermato per l'esplosione di New York ha 27 anni e si chiama Akayed Ullah. Lo afferma il capo della polizia di New York, James O'Neill. L'uomo è attualmente in ospedale.

Archivio Ultima ora