Twitter si lancia in e-commerce, ecco il tasto per comprare

NEW YORK. – Un tweet non solo per comunicare al mondo ma anche per lo shopping e per il carrello della spesa.  Twitter si lancia ufficialmente nell’e-commerce: obiettivo attirare piu’ pubblicità e aumentare i ricavi. La società che cinguetta avvia un test per consentire ai ‘follower’ di effettuare acquisti dalla propria piattaforma. LKa prova iniziera’ negli Stati Uniti, con la comparsa del pulsante ‘buy now’ per alcuni utenti. L’iniziativa e’ poi destinata ad ampliarsi. Cosi’ come sono destinati a crescere i partner: al momento, per il test, sono state fatte alleanze vari marchi e cantanti, da Burberry al cantate pop Demi Lovato a Eminem.  ”E’ un passo iniziale per aumentare la funzionalità di Twitter e rendere più semplice lo shopping dai dispositivi mobili più semplice e divertente” afferma Twitter sul proprio blog. Una volta premuto il pulsante ‘Buy’, i ‘follower’ otterranno maggiori informazioni sul prodotto e potranno inserire i loro dati per la consegna e il pagamento. Dati, questi ultimi, che saranno poi mantenuti da Twitter, consentendo agli utenti di effettuare future transazioni senza reinserire nuovamente le proprie informazioni. Twitter sta testando programmi simili da oltre un anno su progetti con Amazon, Starbucks e American Express, per esaminare come l’ecommerce avrebbe potuto funzionare sulla sua piattaforma. ”Quello che vediamo e’ un dialogo che gia’ esiste fra marchi, artisti, organizzazioni di beneficenza e i nostri utenti, con conversazioni frequenti. Ora, quando appropriato, rendiamo queste conversazioni delle transazioni” afferma Nathan Hubbard, responsabile del servizio. Twitter, lanciando il pulsante ‘Buy Now’, sta lavorando con Stripe, la start up per i pagamenti, per consentire agli utenti di pagare con un tweet senza dover digitare ogni volta i dati della loro carta di credito sul cellulare. L’iniziativa di Twitter segue l’introduzione da parte di Facebook del pulsante ‘buy’ all’inizio dell’estate, che consente alle aziende di vendere direttamente i loro prodotti tramite la pubblicita’ acquistata sul Facebook.

Condividi: