Ucraina: Il volo MH17 è stato abbattuto da una pioggia di colpi

Pubblicato il 09 settembre 2014 da redazione

BRUXELLES. – Il volo Mh17 è stato abbattuto da una pioggia di colpi. E’ quanto emerge in sintesi dal primo rapporto redatto dagli esperti del Dutch Safety Board (Ovv), l’ente per la sicurezza nazionale olandese, sulla tragedia del volo 17 della Malaysia Arlines, precipitato lo scorso 17 luglio, sui cieli ucraini. Malgrado il linguaggio tecnico, lo studio conferma quanto era chiaro sin dall’inizio e cioè che ad aver ucciso tutte le 298 persone a bordo è stato un attacco militare. A fine anno sarà redatto il rapporto definitivo, ma difficilmente emergeranno nuovi dettagli eclatanti: il Boeing 777, in volo da Amsterdam a Kuala Lampur si è disintegrato in volo, a circa 50 km dal confine russo-ucraino, perché colpito, si legge nel rapporto, da “un grande numero di oggetti ad alta energia che lo hanno penetrato dall’esterno. Non ci sono indicazioni – proseguono gli esperti olandesi – che il crash sia stato causato da errore tecnico o da azioni dell’equipaggio”.  “E’ verosimile – si legge ancora nel testo – che questo danno sia risultato in una perdita d’integrità strutturale dell’aereo, in una disintegrazione in volo”, e questo “spiega anche la fine improvvisa della registrazione dei dati, la perdita simultanea di contatto con il controllo del traffico aereo e la sparizione dell’aereo dai radar”. Anche dalla registrazione – ottenuta dalle scatole nere – delle voci in cabina di pilotaggio, dei parametri di volo e del controllo aereo non emerge alcun guasto, alcuna chiamata di allarme o di emergenza. “Tutto suggerisce che il volo Mh17 procedesse normalmente sino alle 13 e 20 minuti e 3 secondi, dopo di che tutto è finito improvvisamente”. Un documento molto serio, basti pensare che prima di essere pubblicato è stato sottoposto ai rappresentanti accreditati degli Stati che partecipano all’inchiesta (Malesia, Ucraina, Federazione Russa, Regno Unito, Stati Uniti d’America e Australia) per una revisione e tiene conto dei suggerimenti forniti da tutti gli Stati interessati. Assodato che s’è trattato di un’azione militare, prosegue lo scambio d’accuse su chi abbia potuto compiere un simile massacro, magari involontariamente, contro civili innocenti. Sin dal primo momento, i maggiori sospettati furono secondo Kiev e l’occidente i miliziani filo-russi. Che oggi, come all’epoca, negano tuttavia ogni responsabilità. Uno dei principali leader dei separatisti, subito dopo la diffusione del rapporto, ha ribadito che i ribelli non avevano armi capaci di abbattere il Boeing. “Posso dire solo una cosa: noi semplicemente non abbiamo l’equipaggiamento tecnico in grado di abbattere un Boeing, incluso l’aereo malese”, ha detto Aleksandr Zakharchenko, ‘primo ministro’ dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Intanto, in attesa dell’entrata in vigore delle nuove sanzioni a Mosca, che l’Europa ha ‘congelato’ per qualche giorno suscitando le recriminazione dei Paesi più ‘anti-russi’ (come testimoniato dalle dichiarazioni irritate dei ministri di Lettonia e Lituania, alla riunione di Milano dei titolari degli Esteri e della Difesa dei 28), sul campo di battaglia tutto sommato sembra reggere la tregua sancita venerdì scorso. Mentre in una telefonata il segretario generale dell’Onu, Ban Ki moon, e il presidente Usa, Barack Obama, hanno discusso di un “meccanismo di controllo” internazionale del cessate il fuoco. Nella nottata tra lunedì e martedì, del resto, si sono registrati lanci di colpi di mortaio e di razzi sull’aeroporto di Donetsk, ma senza vittime. E Mosca torna a spingere su una soluzione che tuteli l’autonomia di quelle zone. Intanto il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov si è augurato che i colloqui sullo status speciale delle regioni separatiste dell’Ucraina orientale, previsto dall’accordo della tregua firmato a Minsk, comincino rapidamente.

Ultima ora

10:58Tornano gli Italian sport awards, Immobile fra i premiati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Ritornano gli Italian sport awards, i premi ai calciatori italiani protagonisti della stagione 2016/17. Appuntamento lunedì a Cappacio-Paestum (Sa). L'evento, ideato da Donato Alfani è giunto alla 7/a edizione e si è contraddistinto come uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama nazionale, tanto da ricevere il patrocinio di Coni e Figc. Tanti gli ospiti presenti alla serata di gala: per la Serie A incetta di premi per la Lazio, con Immobile, Parolo e Inzaghi. Premiati anche Cordaz, Nalini, il tecnico Rastelli, il ds Zamagna dell'Atalanta, l'arbitro Rocchi. Grande spazio anche alla Serie B, con i premi ad Amato Ciciretti, Coda, Dionisi, Soddimo, Favilli, oltre agli allenatori Semplici e Bucchi, protagonisti con Spal e Perugia, all'arbitro Manganiello. Tanti anche i premi destinati ai club di Serie C e D. "Siamo alla 7/a edizione e questo è già motivo d'orgoglio - dice Alfani -. Vorrei ringraziare tutti i membri della giuria che hanno supportato questo format".

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

Archivio Ultima ora