Montezemolo addio a Ferrari, inizia l’era Marchionne

Pubblicato il 10 settembre 2014 da redazione

MARANELLO (MODENA). – Luca Cordero di Montezemolo lascia dopo 23 anni la Ferrari, Sergio Marchionne sarà il nuovo presidente. La notizia arriva con un comunicato ufficiale della Fiat dopo le polemiche degli ultimi giorni. Il cambio al vertice, che sarà operativo dal 13 ottobre – lo stesso giorno in cui è prevista la quotazione di Fca a Wall Street – ha subito un’accelerazione. Concordata anche la liquidazione: 27 milioni di euro con l’impegno a non svolgere attività in società concorrenti fino a marzo 2017. Restano al loro posto l’amministratore delegato Amedeo Felisa e i top manager. L’era Marchionne comincia con un’assicurazione: la Ferrari “è nata e morirà italiana”. Manterrà la sua autonomia all’interno del gruppo e non c’è un piano per quotarla. Il clima a Maranello, dove domani è convocato il consiglio di amministrazione sui conti dei sei mesi, è sereno: tutta la conferenza stampa, durata un’ora, va avanti tra battute, spintoni, risate e anche una punta di commozione. E’ evidente lo sforzo di sdrammatizzare, di dare un’impressione di normalità dopo giorni di polemiche e tensioni. “Ci siamo sopportati bene per dieci anni”, ironizza Marchionne. Montezemolo, che ha sentito John Elkann al telefono, parla della “fine di un’epoca”. “La Ferrari – spiega – insieme alla mia famiglia ha rappresentato e rappresenta la cosa più importante della mia vita. Prevedevo di andare via a fine 2015 ma siamo di fronte a una svolta epocale ed è giusto che ci sia un’unica regia. E poi comunque ci sarà meno stress, avrò più tempo per la mia famiglia, andrò a prendere mio figlio a scuola”. Ai giornalisti dice “mi mancheranno le vostre cazzate”. “Ci sono state incomprensioni – dice Marchionne – ma ringrazio Montezemolo di quello che ha fatto per la Ferrari, per la Fiat e per me. Resteremo amici”, afferma l’amministratore delegato del Lingotto che a Cernobbio aveva detto “nessuno è indispensabile” criticando gli insuccessi sportivi della Scuderia negli ultimi sei anni. “Quando sono arrivato io la Ferrari non vinceva da vent’anni, non soltanto da sei”, replica Montezemolo che dà uno scherzoso spintone a Marchionne. Un divorzio consensuale, non dovuto a divergenze sulla strategia per Ferrari: non farà parte del polo del lusso e non c’è allo studio lo scorporo del brand con l’Ipo anche se, come tutte le decisioni strategiche, l’ultima parola spetterà al cda Fiat. La Rossa non sarà americanizzata e la produzione resterà a Maranello, confermato anche il tetto di 7.000 Ferrari all’anno che potrà essere “solo ritoccato”. Nessuna intenzione di produrre un suv del Cavallino. Anche sul fronte sportivo, dopo un 2014 che si prospetta alquanto deludente, “i successi arriveranno”, assicura Marchionne che definisce Alonso e Raikkonen “due campioni del mondo”. “Il nuovo ciclo è una premessa per vincere”, dice Montezemolo che ricorda Schumacher. Dopo la conferenza stampa va a salutare gli operai di Maranello e si commuove. Per lui è sempre più probabile la candidatura al vertice della nuova Alitalia targata Etihad: “E’ una possibilità ma fino a metà di ottobre sono concentratissimo qui. Poi ne parliamo”, dice Montezemolo, che sentirà il numero uno di Etihad, James Hogan, quando verrà in Italia. Dopo il ceo di Atlantia, Giovanni Castellucci, anche Federico Ghizzoni, ad di Unicredit, vede di buon occhio la possibilità: “vista la sua esperienza, potrebbe essere un buon nome”, dice. (dell’inviata Amalia Angotti/ANSA)

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora