Dieci Paesi arabi con Obama. Mosca, raid un’aggressione

Pubblicato il 11 settembre 2014 da redazione

NEW YORK, . – “L’America non cederà alla paura”. Barack Obama ricorda gli attentati dell’11 settembre e, tredici anni dopo, mai si sarebbe immaginato di doversi impegnare in un’altra guerra. Quella che poche ore prima, parlando alla nazione in diretta tv, ha dichiarato ai jihadisti dell’Isis, annunciando una vasta e prolungata campagna di bombardamenti aerei. E l’invio di altri 475 soldati in Iraq, che però non saranno impegnati in missioni di combattimento: “Non sarà un nuovo Afghanistan o un nuovo Iraq”. Anche se la presenza militare Usa a Baghdad salirà a circa 1.600 uomini. Il presidente americano apre così un nuovo corso, un nuovo capitolo, oramai consapevole – sottolineano i media americani – che consegnerà al suo successore una situazione più difficile e complessa di quella che lui ereditò da Bush. Illustra un piano articolato, spiegando come “l’America sarà capace di mobilitare il mondo guidando una grande coalizione per respingere e distruggere la minaccia jihadista”. “Li colpiremo ovunque”, promette, ammettendo per la prima volta esplicitamente che i caccia Usa sono pronti a sferrare un’ondata di raid anche sulla Siria, dove si trovano le principali roccaforti del ‘califfato’, compresa la città di Raqqa, che i militanti di al Baghdadi hanno eletto come loro capitale. “Per chi minaccia l’America non ci possono essere rifugi sicuri”. Un passaggio del suo discorso che ha scatenato le ire di Mosca, con cui i rapporti sono già tesissimi a causa della crisi in Ucraina e delle nuove sanzioni decise da Bruxelles e da Washington. “Gli attacchi aerei in Siria senza il consenso di Damasco e in assenza di decisioni del consiglio di sicurezza dell’Onu sarebbero un’aggressione e una grossolana violazione del diritto internazionale”, tuona il portavoce del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Il Cremlino resterà dunque vigile. Ma Obama è stato chiaro: di uno come Assad che massacra il proprio popolo “non ci possiamo fidare”. Mentre un ampio sostegno in termini di aiuti militari sarà dato ai gruppi di ribelli siriani più moderati e vicini all’Occidente, già ‘foraggiati’ in gran segreto negli ultimi mesi. E se i rapporti con Putin rischiano di toccare il fondo, Obama incassa un buon risultato sul fronte arabo, con ben dieci Paesi del Nordafrica e del Golfo Persico che – al termine di un incontro col segretario di Stato americano John Kerry tenutosi a Gedda – si sono detti pronti a far parte della grande coalizione contro lo stato islamico del ‘califfo’ al Baghdadi. Coalizione che ha anche lo scopo di tagliare i finanziamenti ai jihadisti, bloccare il flusso di combattenti stranieri in Iraq e in Siria (la vera minaccia per l’Occidente) e assicurare aiuti umanitari alle popolazioni più minacciate. Ognuno avrà il suo compito. Come l’Arabia Saudita e il Qatar, che finora hanno tenuto un atteggiamento ambiguo e da cui continuano a partire ingenti risorse per alcuni gruppi di estremisti. C’è poi il sì ad Obama di Egitto, Giordania, Emirati Arabi e Libano. La Turchia – dalle cui basi sarebbe più facile attaccare molte postazioni Isis in Siria – invece tentenna ancora. Kerry vedrà il premier Erdogan (che già nei giorni scorsi ha ricevuto il capo del Pentagono Chuck Hagel) e cercherà di convincerlo a mettere da parte le paure per gli ostaggi turchi in mano all’Isis e quelle legate a un rafforzamento dei gruppi curdi che da sempre Ankara considera dei terroristi. Intanto, dopo la Francia, anche il premier britannico David Cameron ha aperto alla possibilità di un coinvolgimento militare in Iraq e in Siria, affermando di “non escludere nulla”. Un passo avanti rispetto alle precedenti parole del suo ministro degli Esteri, Philip Hammond, che aveva escluso categoricamente l’opzione militare. Così come fatto dal capo della diplomazia tedesca Frank-Walter Steinmeier. Mentre l’Italia, come riferito dal ministro della Difesa Roberta Pinotti, è pronta a inviare aerei da rifornimento e addestratori, dopo aver già fornito armi ai combattenti curdi. ( Ugo Caltagirone/Ansa)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora