Sanzioni Ue-Usa contro la Russia. Putin, “reagiremo”

Pubblicato il 11 settembre 2014 da redazione

BRUXELLES. – Dopo tre giorni di esitazioni e verifiche la Ue dà il via libera all’escalation delle sanzioni economiche contro la Russia. Da domani sarà operativo il nuovo pacchetto. E da Washington Barack Obama in serata annuncia che gli Usa “si uniscono” alla Ue nella “risposta alle azioni illegali in Ucraina”. L’Europa ha toni meno imperiosi, tanto che poco dopo l’ok alla pubblicazione delle sanzioni sulla Gazzetta Ufficiale, il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy si affretta a dichiarare che “entro fine mese” potrebbe essere rivisto in funzione della situazione sul campo. Che però non sembra migliorare nonostante le rassicurazioni del presidente Poroshenko. Il corridoio di terra per unire la Crimea alla Russia sembra ormai stabilito. Ed i militari della Nato fanno sapere che non si vedono segnali di ritiro dei soldati russi dal territorio dell’Ucraina. Intanto basta l’annuncio del nuovo round di sanzioni Ue, che il rublo crolla al nuovo minimo storico: a 37,51 per un dollaro Usa, 48,41 per un euro. Mosca minaccia ritorsioni che potrebbero colpire i settori dell’auto e dell’abbigliamento. Il portavoce del ministero degli esteri avverte ‘a caldo’ che le misure europee “rappresentano una linea assolutamente non amichevole, che contraddice gli interessi della stessa Ue” e che la risposta “sarà commensurabile”. Serghiei Lavrov poi va oltre: “Con l’adozione di queste misure l’Ue ha di fatto compiuto la sua scelta contro il processo per una soluzione pacifica della crisi ucraina”, dichiara il capo della diplomazia russa. Per ora, non si fa cenno a tagli del gas, di cui si discuterà nel trilaterale Ue-Ucraina-Russia fissato a Berlino per il 20 settembre. Ma intanto la Polonia fa sapere che il flusso nel giro degli ultimi due giorni è tanto improvvisamente quanto misteriosamente calato del 45%. E anche la Slovacchia segnala ridotte forniture gas da Russia. Ufficialmente potrebbe trattarsi anche di ragioni tecniche. Ma il sospetto che siano “pilotate” è molto forte, perche’ entrambi i paesi fanno il reverse flow verso l’Ucraina. Le sanzioni americane colpiranno finanza, energia e difesa. Quelle europee, messe a punto prima della firma del cessate-il-fuoco, restringeranno l’accesso ai mercati finanziari europei non solo delle cinque banche controllate dallo stato già colpite a fine luglio, ma anche di tre produttori di armi e dei tre giganti del petrolio Transneft, Rosneft e Gazprom-neft. Sarà vietata la concessione di prestiti e gli acquisti di azioni e obbligazioni con scadenze superiori ai 30 giorni. Alla fine di luglio il limite era a 90 giorni. Non si mette a rischio la liquidità over-night e non viene colpita la circolazione dei titoli già esistenti sul mercato secondario, ma la reazione di Mosca dà la misura di quanto possano incidere. Inoltre è stato deciso di vietare le esportazioni dei servizi per la produzione petrolifera (come trivellazioni o prove dei pozzi) in alto mare e nell’artico, ma anche quella di shale gas. Stop anche all’export di beni ‘dual use’ sia per le aziende del settore quanto per quelle civili e blocco anche per le tecnologie militari. Inoltre sarà allungata la lista delle persone sanzionate con il congelamento dei beni ed il divieto di viaggio: altri 24 nomi, tra cui un paio di oligarchi della cerchia di Putin e la nuova leadership del Donbass ed il governo della Crimea, ma non ci saranno ministri del Cremlino. Assieme al bastone, la carota: così la Ue, che cerca di continuare a mostrarsi unita, precisa di essere pronta a rivedere il pacchetto entro fine mese se le cose miglioreranno davvero in Ucraina. La valutazione sarà fatta dal Servizio Diplomatico europeo, interpellando tutte le fonti. E non sarà facile. Secondo Poroshenko il piano di pace fa passi avanti, tanto che il presidente annuncia un ritiro di truppe russe. Prontamente smentito dai militari della Nato: “Sarebbe un primo passo, ma non ne abbiamo informazione”. Anzi, aggiungono: “Ci sono ancora circa mille soldati russi nel territorio dell’Ucraina orientale” e “ventimila sono ammassati alla frontiera”. (di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

18:49Gerusalemme: Alfano, appello a moderazione nella regione

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Facciamo un appello alla moderazione a tutti gli attori della regione e confidiamo sia evitata una escalation violenza da cui nessuno trarrebbe beneficio". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano rispondendo in Aula alla Camera al question time sulla decisione Usa di trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Su Gerusalemme "il negoziato e la non violenza sono l'unica strada", ha ribadito Alfano: "La questione di Gerusalemme capitale deve essere discussa nell'ambito del negoziato sui due Stati". In questo contesto, "non sono messi in discussione i legami di amicizia con Israele", ha sottolineato il ministro, ricordando l'organizzazione della conferenza sull'antisemitismo prevista per gennaio a Roma durante la presidenza Osce.

18:48Comuni: con bando periferie 4 mld per 120 progetti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Con la firma, lunedì prossimo, 18 dicembre a Palazzo Chigi, delle convenzioni per tutti i progetti candidati nel primo "bando periferie", si avvia in concreto una delle più grandi operazioni di rigenerazione urbana e sociale. Sono 120 i progetti finanziati da questo bando, 445 i comuni interessati per un ammontare complessivo di risorse che supera i 4 miliardi di euro tra investimenti pubblici, privati e risorse dei comuni. "Questi finanziamenti devono diventare strutturali e ci aspettiamo di vedere passi concreti in questo senso già nelle prossime settimane", ha detto il segretario generale dell'Anci, Veronica Nicotra, incontrando oggi in Anci i 120 responsabili dei progetti finanziati da "bando periferie". I progetti riguardano la realizzazione di nuovi spazi pubblici, la rigenerazione di aree degradate, interventi di riqualificazione e realizzazione di aree verdi, l'inclusione sociale, la ristrutturazione di edifici scolastici abbandonati o degradati e molto altro.

Archivio Ultima ora