Nino Mollinetti: esperienza a Los Teques

Pubblicato il 14 settembre 2014 da redazione

LOS TEQUES. – Un pomeriggio come tanti. Il signor Nino Mollinetti, all’interno della sua sartoria, è impegnato nel lavoro di una vita: taglia, cuce, e trasforma tele in vestiti eleganti. Abiti di tutti i colori riposano uno accanto all’altro, insieme a camicie, pantaloni, giacche, cravatte, a comporre un insieme di tutto ciò che potrebbe desiderare un uomo elegante ed esigente.

Mollinetti è un uomo allegro e amabile. Con il metro intorno al collo come usano i veri sarti, lascia per un momento il suo lavoro per dedicare a noi un po’ del suo tempo. La conversazione inizia ricordando la fondazione della Casa d’Italia di Los Teques e si estende nel tempo, in tutto quel lungo periodo che ha trascorso in Venezuela.

– La Casa d’Italia è stata fondata nel 1965. L’abbiamo creata con molto sacrificio, i soci donavano mensilmente una quota per creare insieme un fondo di risparmio. Abbiamo preso questa decisione per avere un luogo dove riunirci. Fino a quel momento eravamo un gruppo di immigranti che si ritrovava solamente a messa. Non sono mancate le discussioni perché anche se ci sentivamo come un’unica famiglia avevamo idee diverse su alcuni aspetti, «noi italiani siamo molto attaccabrighe – ci dice con un sorriso – ma grazie a Dio abbiamo portato avanti il progetto della Casa Italia».

Il sig. Mollinetti ricorda i suoi primi anni a Los Teques, una città con una forte componente contadina, dove l’aria era piú fresca e salubre e i contadini portavano i loro prodotti in groppa agli asini.

– Perché ha deciso emigrare?

– Non solo l’Italia ma anche il resto d’Europa erano distrutte dalla guerra. In quegli anni si parlava del Venezuela come del paese in cui era facile lavorare e guadagnare bene. Poi la realtà è sempre un po’ diversa – aggiunge tra risate.

Mollinetti è uno dei tanti italiani che ha varcato l’oceano in cerca di un paese dove poter costruire un futuro migliore. Il loro percorso non è mai stato facile e dietro la vita e anche i successi di ciascuno ci sono sempre grandi sacrifici.

Nino Mollinetti con i suoi 84 anni racconta:

– Ho tre figli (due maschi e una femmina) e non voglio che vadano in un altro paese perché emigrare significa lasciare il luogo dove sei nato ed è molto duro. Noi l’abbiamo fatto per necessità, non c’erano alternative migliori.

Nino è arrivato in Venezuela quando aveva soltanto 24 anni. Era già sarto e in Venezuela ha trovato lavoro presso un’impresa americana di confezioni nella quale è stato assunto come capo del dipartimento della confezione di pantaloni.

– In quell’epoca c’erano 3 milioni e mezzo di persone in Venezuela, e quindi il consumo era ridotto. L’impresa nella quale lavoravo ha dovuto chiudere e ho ancora vivido il ricordo delle lavoratrici che, quando l’hanno saputo, piangevano inconsolabili perché da quella fabbrica traevano la loro sopravvivenza.

Per Mollinetti quel momento è stato invece un punto di partenza perché ha preso il coraggio di avviare un’attività in proprio. All’inizio era in società con altri. La concorrenza era molta, c’erano fabbriche con più tecnologie e quindi maggiori possibilità di mercato. La società è durata circa 5 anni:

– Questo negozio non ha dato grandi risultati all’inizio, mentre ero in società, perché lo amministrava un’altra persona. Le cose sono cambiate quando l’ho preso io perché bisogna conoscere quello che si fa.

Prima di salutarci il signor Mollinetti fa per noi delle considerazioni dettate dalla saggezza di una vita trascorsa tra momenti belli e altri più difficili.

– La vita è come una corsa di biciclette. Passa in fretta. Quando abbiamo 20-24 anni pare che il mondo ti appartiene ma i 50 arrivano in un momento e ti accorgi che hai fatto molto meno di quello che avresti voluto. Non bisogna dimenticare che la vita richiede un impegno continuo.

Un’ultima domanda:

– Considerando i tanti anni che ha trascorso in Venezuela considera questo paese la sua seconda casa?

– Il Venezuela non è la mia seconda casa, ma la prima – risponde il signor Nino Mollinetti senza vacillare.

( Yessica Navarro/Voce)

Ultima ora

21:49Gerusalemme: razzi da Gaza, Israele risponde al fuoco

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - Razzi sono stati lanciati da Gaza verso Israele ma per ora non si conosce il luogo dell'impatto, né eventuali conseguenze. Lo ha riferito il portavoce militare aggiungendo che, in risposta al lancio, l'esercito ha sparato tre colpi di artiglieria verso la zona della Striscia da cui si presume siano parti i razzi. Non si hanno altre notizie al momento. Oltre l'artiglieria - ha in seguito aggiunto il portavoce - è intervenuta anche l'aviazione israeliana che ha colpito postazioni di Hamas nel sud della Striscia. Israele - ha spiegato - considera Hamas responsabile "per ogni attacco da Gaza".

21:48New York: ‘Vendetta per raid Israele a Gaza’

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - L'attentatore di Manhattan parlando con gli investigatori avrebbe legato il suo gesto alle azioni di Israele contro la popolazione di Gaza: lo riporta la Cnn citando fonti investigative.

21:46Trump firma direttiva, ‘torniamo sulla Luna, poi Marte’

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Donald Trump firma oggi una direttiva per far tornare gli americani sulla luna ed eventualmente su Marte. Lo rende noto la Casa Bianca. Il presidente è pronto a firmare la "Space Policy Directive 1" che ordina alla Nasa di "guidare un programma di esplorazione spaziale innovativo per far tornare gli astronauti americani sulla Luna ed eventualmente farli andare su Marte", ha riferito il portavoce Hogan Gidley. Una mossa, ha spiegato, basata sulle raccomandazioni del National Space Council. "Cambierà la nostra politica sui viaggi umani nello spazio per aiutare l'America a diventare la forza trainante dell'industria spaziale, ottenere una nuova conoscenza del cosmo e sollecitare una tecnologia incredibile", ha sottolineato Gidley.

21:41Egitto: firmati accordi con Russia per centrale atomica

(ANSA) - IL CAIRO, 11 DIC - Egitto e Russia hanno firmato accordi per la costruzione della prima centrale nucleare egiziana, quella progettata a Dabaa, sul Mediterraneo a ovest di Alessandria. "Firmati accordi tra l'Egitto e la Russia", ha annunciato in sovrimpressione la tv di Stato egiziana mostrando, come riferito da un telecronista, "i ministri dell'Elettricità" dei due paesi firmare documenti con, alle spalle, il presidente russo Vladimir Putin e quello egiziano Abdel Fattah Al Sisi. Che gli accordi alla firma oggi riguardassero la centrale di Dabaa era stato ampiamente anticipato dai media prevedendo ora che i suoi quattro reattori di costruzione russa dovrebbero entrare in funzione fra il 2022 e il 2026. "Dopo l'accordo di Dabaa l'Egitto otterrà la tecnologia più moderna e più sicura", ha detto Putin in un discorso tenuto dopo la firma e trasmesso in diretta tv dall'emittente di notizie Nile News.

21:41Maltempo: traghetti nord Sardegna fermi sino a domani

(ANSA) - OLBIA, 11 DIC - Collegamenti marittimi semiparalizzati nel nord Sardegna. A causa del forte vento di libeccio che soffia da questa mattina, le navi che sarebbero dovute arrivare da Genova e Civitavecchia sono rimaste ferme in porto. Il traghetto Bithia della Tirrenia stasera non ha lasciato lo scalo laziale, come previsto, ma partirà alle 8 di domani mattina per arrivare a Olbia solo alle 14. Problemi anche per la nave Tommy della Moby che non potrà rispettare la partenza da Olbia per Civitavecchia alle 22.30 ma mollerà gli ormeggi alle 4 di stanotte attendendo un miglioramento delle condizioni meteo-marine. Stesso problema per il traghetto Janas della Tirrenia in partenza da Genova per Porto Torres, che invece di partire questa sera lascerà il molo ligure domani mattina per arrivare alle 17. Tutto regolare, invece, per il traghetto Moby Aki che stasera affronterà la traversata Olbia-Livorno. "I forti ritardi nei collegamenti marittimi fra la Sardegna e la Penisola - spiega la Capitaneria di porto di Olbia - sono dovuti alle condizioni proibitive in mare aperto dove le onde sono alte sino a quattro metri e il vento è forza sette con raffiche di 33 nodi, cioè oltre 60 km orari". Il forte vento di libeccio ha creato disagi anche a terra, dove i vigili del fuoco di Sassari e Olbia hanno effettuato oltre trenta interventi per tralicci e alberi divelti. Secondo le previsioni ci sarà una attenuazione del fenomeno a partire da domani pomeriggio.(ANSA).

21:32Tav: assalto cantiere, gip convalida arresto antagonisti

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Sono stati convalidati gli arresti degli antagonisti fermati dalla Digos in Val Susa per l'assalto al cantiere della Tav nel giorno dell'Immacolata. Il gip ha disposto per Umberto Raviola e Alice Scavone, esponenti del centro sociale torinese Askatasuna di 27 e 25 anni, l'obbligo di dimora a Torino, con presentazione alla p.g. due volte la settimana; per Cesare Pisano, 25enne del centro sociale Newrotz di Pisa, è scattato l'obbligo di dimora nella provincia di Pisa, con presentazione bisettimanale. Per i tre antagonisti No Tav è scattato pur il foglio di via con divieto di rientro per tre anni nei Comuni di Chiomonte, Susa, Giaglione, Chianacco, Bussoleno e anche Torino per il solo Cerulli). Con un successivo sopralluogo della Digos nella zona del cantiere in cui i tre sono stati fermati gli investigatori hanno sequestrato una roncola, uno zaino con due bottiglie di liquido infiammabile, due torce, rotoli di carta e una batteria per il lancio multiplo di artifici pirotecnici.

21:27Aspiranti toghe ‘in minigonna’: indaga anche Procura Bari

(ANSA) - BARI, 11 DIC - La Procura di Bari ha aperto un'indagine conoscitiva sulla vicenda relativa al giudice del Consiglio di Stato Francesco Bellomo, di origini baresi, che avrebbe obbligato le allieve della sua scuola privata di formazione per magistrati "Diritto e Scienza" a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e trucco marcato, pretendendo anche che non fossero sposate. Questo è quanto denuncia il padre di una studentessa: denuncia, presentata a Piacenza, che ha dato avvio fino ad oggi a un procedimento disciplinare nei confronti del consigliere e ad accertamenti sull'intera vicenda anche sul piano penale, come scritto da alcuni quotidiani. La scuola ha tre sedi in Italia, a Milano, Roma e Bari. Oggi i magistrati di via Nazariantz hanno aperto un fascicolo "modello 45", cioè senza ipotesi di reato né indagati, proprio per accertare eventuali condotte illecite commesse anche nel capoluogo pugliese.

Archivio Ultima ora