Renzi, Mille giorni ultima chance. Pronto a decreto legge su Lavoro

Pubblicato il 16 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Mille giorni per “rimettere in pista” l’Italia, ultima “chance” per un paese che per 20 anni ha perso troppo tempo. Matteo Renzi indica alle Camere l’orizzonte del 2018 per fare “tutte insieme” le riforme. Ma la durata della legislatura non è incondizionata per il premier ma legata alla capacità del Parlamento di mandare in porto i provvedimenti. Un chiaro avvertimento alle tante resistenze, talvolta trincee, che già si levano contro quelle che il premier indica come le due urgenze: la riforma del lavoro, da fare subito altrimenti il governo procederà per decreto, e la legge elettorale. Dopo mesi di assenza, il premier torna davanti alle Camere dopo il cambio di passo del governo, non “una dilazione” ma “il cartello di recupero” perchè “l’Italia ha arrestato la caduta ma questo non basta”. Per realizzare il suo programma, il premier dice di “essere disposto a perdere consenso” ma mai “a vivacchiare”. Per questo, pur escludendo più volte l’intenzione di tornare alle urne, Renzi ammette di rispettare i tanti, soprattutto tra le fila dei fedelissimi, che, davanti agli ostacoli, gli consigliano di andare al voto. “Dal punto di vista utilitaristico magari mi converrebbe e certo non abbiamo paura delle elezioni anticipate ma vogliamo mettere l’Italia davanti”, sostiene il premier sfidando a Palazzo Madama gli attacchi grillini. A patto, però, chiarisce, che “ogni valutazione sul passaggio elettorale deve essere preceduta dalla valutazione sulla capacita’ di questo Parlamento di fare le riforme nei prossimi tre anni”. Renzi, quindi, prova ad andare fino in fondo. Con un cronoprogramma che tenga insieme la legge elettorale, “da approvare subito” entro l’anno, le riforme istituzionali e quelle economico-sociali. “Altro che benaltristi” torna all’attacco di opinionisti, e “professionisti della tartina” che metterebbero le riforme economiche in testa all’agenda di governo. Il premier tira dritto e sembra poco disposto a concedere margini di manovra ai frenatori dentro e fuori il Parlamento. Non a caso lancia la sfida sulla riforma che, a partire dal Pd, sta creando divisioni e scontri: la nuova legislazione sul Lavoro. “Non c’è cosa più iniqua e meno di sinistra – attacca – che dividere i cittadini tra quelli di serie A e quelli di serie B, dobbiamo superare un mondo del lavoro basato sull’apartheid”. O la commissione al Senato concluderà entro ottobre l’esame del ddl delega o “altrimenti siamo pronti anche a intervenire con misure di urgenza”, un decreto che il premier sarebbe pronto ad approvare per fare la sua riforma degli ammortizzatori sociali e dei contratti, tutele dell’art.18 incluso. Se ancora non fosse chiaro, Renzi non teme gli scontri e usa l’emiciclo di Montecitorio per lanciare un messaggio anche ai giudici. “Non consentiamo ad un avviso di garanzia di cambiare la politica aziendale di questo Paese”, è il garantismo espresso dal premier che si schiera al fianco dell’Eni e riceve gli applausi di Forza Italia. C’è un fronte che però il premier preferisce non aprire nella sede istituzionale del Parlamento: l’affondo contro le “lezioni” impartite dai tecnocrati Ue. Certo, chiarisce che “l’Italia chiederà conto dei 300 mld di investimenti promessi da Juncker” e chiede di votare le riforme “non perchè c’è un soggetto tecnocratico e alieno che ci dice cosa fare” ma perché”servono all’Italia. Ma preferisce la direzione del Pd per mandare a dire a Bruxelles che la battaglia per la crescita è solo agli inizi: “Dobbiamo ingaggiare non un corpo a corpo ma una sana discussione” perchè “la parola crescita entri nel vocabolario europeo”. (Cristina Ferrulli/Ansa)

Ultima ora

12:45Aereo turismo precipita tra Piemonte e Valle d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 26 GIU - Un aereo da turismo è precipitato nella zona del Mont Mars, tra Valle d'Aosta e Piemonte. A bordo - secondo quanto comunicato dalla Centrale Unica del soccorso della Valle d'Aosta - c'erano due persone. Sul posto stanno operando elicotteri della protezione civile valdostana e dei vigili del fuoco del Piemonte. (ANSA).

12:45Comunali: Speranza, fine renzismo unica strada per ripartire

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Siamo dinanzi alla più clamorosa sconfitta degli ultimi anni alle elezioni amministrative per il centrosinistra". Lo scrive su Facebook il coordinatore di Articolo 1 Roberto Speranza. "È inutile - prosegue Speranza - far finta di non vedere. La destra avanza anche perché in sintonia con le paure di questo tempo. Ma sono state le politiche sbagliate dell'ultima stagione a far restare a casa una larga parte degli elettori di sinistra e di centrosinistra, demotivati e spesso umiliati da scelte incomprensibili su lavoro, scuola, ambiente e fisco. Occorre essere chiari e netti: l'unica strada per ripartire è archiviare definitivamente le politiche errate del renzismo e rimettere al centro i nostri valori fondamentali a partire dalla giustizia sociale e dalla lotta contro le diseguaglianze". "Non ci rassegniamo alla vittoria della destra. Tocca a tutti noi ricostruire. A partire dalla manifestazione del primo luglio a Roma", conclude Speranza.

12:33Salvini, ora modello Comunali a livello nazionale

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - "Non vedo l'ora di esportare il modello di queste amministrative a livello nazionale": lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini. "Abbiamo fatto 30 - ha sostenuto -, facciamo 31. Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese. Con idee chiare, senza tentennamenti fra stare o no con Renzi". "Non capisco - ha spiegato - come il segretario del primo partito italiano possa aver festeggiato, il caldo fa brutti scherzi. E non capisco neanche come Gentiloni non sia salito al Quirinale a rassegnare le dimissioni, questa è la terza sfiducia". "Renzi sarà probabilmente il conduttore di 'Chi l'ha visto' l'anno prossimo", ha aggiunto, mentre "con Silvio Berlusconi, "ci vedremo, ci sentiremo, ragioneremo", ma "la leadership è l'ultima delle mie preoccupazioni". "Invitiamo il Pd a portare la legge elettorale subito al Senato, con tre righe che premino le coalizioni, penso che si possa portare a casa in una settimana".

12:28Torino: presidente Ui, spostare il G7 sarebbe un errore

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - "È un atteggiamento sbagliato spostare il G7. Torino è e deve essere città dell'accoglienza". Lo ha affermato il presidente degli industriali di Torino Dario Gallina a proposito dell'ipotesi di trovare un'altra sede per gli appuntamenti di fine settembre come proposto da alcuni dopo le tensioni delle ultime settimane nel capoluogo piemontese, dai fatti di piazza San Carlo agli scontri con i centri sociali. "C'è tutto il tempo per assicurare la riuscita dell'evento come è già avvenuto in passato. La polemica politica non deve andare a scapito della collettività", ha detto Gallina aprendo l'assemblea annuale dell'Unione Industriale.(ANSA).

12:16Comunali: sinistra perde Sesto San Giovanni dopo 70 anni

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Per la prima volta dal dopoguerra Sesto San Giovanni, l'ormai definitivamente ex Stalingrado d'Italia, sarà amministrata da un sindaco del centrodestra. Dopo 70 anni, la sinistra perde quindi una delle sue roccaforti nel nord Italia al termine di un ballottaggio senza storia: Roberto Di Stefano ha vinto con il 58,6% contro la sindaca uscente Monica Chittò del Pd che si è fermata al 41,4%, mentre nel 2012 al ballottaggio era stata eletta con il 70%. Appoggiato da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e dalla lista civica Sesto nel Cuore, Di Stefano ha potuto contare sul sostegno di Gianpaolo Caponi, candidato di tre liste civiche vicine al centrodestra arrivato terzo con il 24% al primo turno. Non è bastato a Chittò il sostegno di tutto il centrosinistra, con la presenza in campagna elettorale di big come Giuliano Pisapia o Walter Veltroni: soprattutto il Pd ha subito una dura sconfitta passando da 10 a 4 consiglieri e la bassa affluenza (45.6%) ha punito sopratutto il centrosinistra.

12:10Gb: cyberattacco, Guardian ha sospetti su Mosca

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Il cyberattacco condotto venerdì scorso contro il network di email del Parlamento britannico sarebbe riconducibile più a "uno Stato" che non a gruppi di cani sciolti e "probabilmente" al "governo russo". E' quanto afferma oggi il britannico Guardian pur non rivelando alcun elemento concreto al riguardo e ammettendo anzi che sarà difficile poter provare un tale ipotetico collegamento anche in futuro. Il giornale, citando i servizi segreti del Regno Unito, afferma che ci sono altri tre Paesi che possono aver ordinato l'attacco: Cina, Iran e Corea del Nord. Allo stesso tempo cresce la paura di possibili ricatti ai danni dei deputati che hanno visto violate le loro email, anche se il numero di account colpiti è limitato a soli 90 su un totale di 9mila.

11:39Tennis: ranking Wta, Kerber ancora al comando

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - La danese Caroline Wozniacki e la russa Svetlana Kuznetsova salgono rispettivamente al sesto e all'ottavo posto, mentre la slovacca Dominika Cibulkova scivola di tre gradini al nono: sono i cambiamenti nella top 10 del ranking Wta aggiornato oggi, che vede invece confermarsi in vetta la tedesca Angelique Kerber, seguita dalla romena Simona Halep e dalla ceca Karolina Pliskova; in quarta e quinta posizione, la statunitense Serena Williams e l'ucraina Elina Svitolina. Da segnalare, poi, l'ascesa al 12/o posto (+4) della ceca Petra Kvitova, che a Birmingham ha ottenuto il suo primo successo dopo l'aggressione e il ferimento in casa subiti sei mesi fa. In casa azzurra, Roberta Vinci si conferma la meglio piazzata, 33/a, così come Francesca Schiavone è sempre 73/a. Retrocede di due posizioni, invece, Sara Errani, ora 74/a, mentre è di nuovo nella top 100 Camila Giorgi, 84/a.

Archivio Ultima ora