La Roma festeggia il ritorno in Champions, 5 gol al Cska

Pubblicato il 17 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Sembrava quasi di essere al ‘Minerao’, invece era l’Olimpico. Se non è finita anche stavolta 7-1, poco c’è mancato, con Totti e compagni nei panni della Germania e il Cska in quelli, scomodissimi, dei brasiliani. Il ritorno della Roma nell’Europa che conta dopo tre anni e mezzo, e nel trentennale della sconfitta più dolorosa della sua storia, quando contro il Liverpool fu campione nello stadio di casa solo per i 55 secondi trascorsi dal rigore di Di Bartolomei a quello di Neal, non poteva essere più fragoroso. Contro un Cska Mosca inesistente sul campo, ‘groggy’ come un pugile in balia dell’avversario e arcigno e pericoloso solo per via delle grinte di certi suoi tifosi (due dei quali sono stati però feriti in zona ponte Duca d’Aosta), non c’è mai stata partita ed è finita con una cinquina. La squadra giallorossa ha segnato 4 gol in 31 minuti (impresa finora mai riuscitale sulla ribalta continentale) e ha chiuso subito il conto, facilitata anche dalla scarsa vena che il portiere russo Akinfeev aveva già evidenziato nel Mondiale brasiliano e che ha caratterizzato la sua prova anche questa sera (esemplare il goffo tentativo di intervento sul tiro di Maicon che alla Roma ha fruttato il 3-0). Akinfeev avrebbe potuto peggiorare le cose quando si è fatto passare sotto le gambe un tiro di Pjanic nella ripresa, ma per sua fortuna la difesa dell’ex Armata Rossa è riuscita a rimediare spedendo in corner. Con un Nainggolan formato super, un Maicon che ha ripetuto la bella prestazione contro l’Empoli e un Keita maestro del centrocampo, dove è riuscito a non far sentire l’assenza dello squalificato De Rossi, spettatore in tribuna al pari dei ct Fabio Capello (Russia) e Claudio Ranieri (Grecia), la squadra di casa ha immediatamente stritolato l’avversaria venuta da Mosca, dotata di una difesa che ha cominciato a sbagliare fin dai primi minuti, come quando, al 6′, ha sbagliato la tattica del fuorigioco consentendo a Iturbe di involarsi sul passaggio di Gervinho e di battere a rete per l’1-0. Quattro minuti dopo il n.7 (costretto a uscire al 25′ per problemi all’inguine) ha ripagato il favore fornendo al compagno ivoriano il cross per il 2-0, segnato dopo che il 27 dei giallorossi ha elegantemente evitato il neo-nazionale brasiliano Mario Fernandes, ex Gremio. Gervinho si è ripetuto al 31′, andando via dopo uno splendido passaggio di Totti e questa volta ‘bevendosi’ Nababkin. Nella ripresa, dopo l’autogol ‘alla Niccolai’, con un colpo di testa, di Ignashevich per evitare una conclusione di Florenzi, c’è stata una traversa di Doumbia, proprio lui che, su errore della difesa romanista, nel primo tempo aveva avuto una grossa occasione ma era goffamente inciampato davanti a De Sanctis. C’è stata poi l’uscita dal campo di Gervinho, per la meritata standing-ovation, rovinata però dalle intemperanze dei tifosi moscoviti, molti dei quali con giubbetto e testa rasata, che hanno scagliato fumogeni verso la curva nord e caricato gli steward costringendo le forze dell’ordine a un intervento di ‘contenimento’. Nel frattempo, la Roma aveva cominciato a tirare i remi in barca e a pensare anche alla sfida di campionato (che rimane l’obiettivo principale) di domenica contro il Cagliari di Zeman, di ritorno nella capitale alla guida proprio di quella squadra che ne provocò l’esonero e l’allontanamento da Trigoria. Garcia quindi ha tolto anche Manolas, che già da qualche minuto aveva cominciato a toccarsi un polpaccio, mentre poco dopo il Cska ha segnato il gol della bandiera con il nigeriano Musa, che su passaggio del subentrato Panchenko si è liberato di Maicon e ha realizzato col sinistro. Poi c’è stata anche un’altra traversa, con Milanov. Nota negativa per Garcia, che ora si ritrova con i difensori contati, è stata l’uscita di Astori a 3′ dalla fine, per infortunio: a quel punto il team di casa è rimasto in dieci, ma si consola con il successo sui russi e con quello del Bayern sul Manchester City. A questo punto per la Roma, in prospettiva passaggio del turno, diventa già decisivo il prossimo turno, quello in casa dei campioni d’Inghilterra che non potranno permettersi un altro passo falso. (di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

14:53Ciclismo: Navardauskas risale in bici,è ideoneo all’attività

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ramunas Navardauskas è stato riaggregato al team Bahrain-Merida, che sta svolgendo la preparazione a Hvar (Croazia). Dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico, per un'aritmia cardiaca, il lituano è stato ritenuto ideoneo dal dott. Carlo Guardascione, medico della squadra. "Dopo il trattamento di ablazione a Monaco di Baviera a settembre, Navardauskas ha ottenuto l'idoneità fisica per l'attività agonistica il 2 dicembre, a Torino. Durante i test non si sono verificate aritmie o problemi cardiaci, quindi non dovrà seguire alcuna terapia specifica. È al 100% e capace di allenarsi con i compagni". Il corridore ha già raggiunto il ritiro croato, dove è apparso smanioso di tornare in bici. "Sono grato per il supporto del mio team e del personale medico perché, senza di loro, la situazione sarebbe stata molto diversa - ha detto il corridore -. Sono tornato in sella e sono contento". Secondo Gorazd Stangelj, ds del Bahrain-Merida, Navardauskas potrebbe partecipare al Tour Down Under, un Australia.

14:52Calcio: Milan, atteso confronto con Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Nelle prossime ore atteso un confronto fra la dirigenza del Milan e Gianluigi Donnarumma, il portiere che secondo il Corriere della Sera, attraverso il proprio entourage, ha inviato alla società un documento in cui sostiene di essere stato oggetto di pressioni psicologiche, firmando in estate senza la necessaria serenità il rinnovo di contratto fino al 2021, da oltre 5 milioni di euro di ingaggio. I dirigenti hanno intenzione di affrontare il tema con il giocatore cercando di capire se qualcosa non funziona ma partendo dal presupposto che Donnarumma è inamovibile, gode della massima fiducia, ha un contratto che va rispettato, è parte dell'asse portante su cui Rino Gattuso sta costruendo il suo Milan, e non è sul mercato, verranno prese in considerazioni solo eventuali offerte clamorose. Secondo quanto filtra, negli ambienti rossoneri la mossa legale dell'agente del portiere, Mino Raiola, è vista come un tentativo di creare instabilità. L'annullamento del contratto è solo uno degli scenari possibili.

14:46Figc: Gravina, noi con Tommasi? Non lo so

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Tommasi candidato alla presidenza della Federcalcio? Damiano è una persona straordinaria, ma non so se la Lega Pro può sostenere una candidatura di questo tipo". Il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina commenta così l'ipotesi della candidatura di Damiano Tommasi, numero uno dell'Associazione calciatori, alla presidenza della Federcalcio in occasione delle elezioni in programma il prossimo 29 gennaio. "Votano le società e non io - ha spiegato Gravina a margine del premio Andrea Fortunato - Il 18 dicembre avremo un'assemblea a Firenze e sfioreremo questo problema, ci incontreremo e ne parleremo. Noi siamo alla ricerca della soluzione con il più ampio consenso possibile: è quello che chiede il Coni, quello che chiede chi ama il calcio italiano ed è quello che chiediamo noi come dirigenti. Il problema è capire quanto riesce ad aggregare una componente (l'Aic, ndr) che per un passaggio storico e culturale ancora non viene vissuta trasversalmente da tutto il mondo del calcio".

14:38Morto in culla a 2 mesi, prime risposte da autopsia

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - Sarà eseguita domani, al Policlinico di Monserrato (Cagliari), l'autopsia sul corpicino del neonato di due mesi morto nella sua culla a Sant'Antioco, nel Sulcis Iglesiente. L'esame è stato disposto dal sostituto procuratore di Cagliari Gaetano Porcu, che ha chiesto al medico legale Nicola Lenigno di scoprire le cause del misterioso decesso. Ieri sera i genitori si erano accorti che il bimbo aveva smesso di respirare: hanno subito chiamato il 118, ma i soccorritori una volta giunti sul posto hanno potuto solo constatarne il decesso. La magistratura non formula ancora ipotesi, ma la Procura del capoluogo sardo ha chiesto al proprio esperto di scoprire le condizioni di salute del piccolo al momento prima della morte e le eventuali cause. Già esclusa la morte violenta o imputabile a terzi, l'ipotesi più accreditata resta quella di una disgrazia, la classica morte in culla, ma solo l'autopsia potrà dare risposte certe. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Sant'Antioco che hanno già notificato una informativa al magistrato. (ANSA).

14:33Doping: atleti russi a Olimpiadi da indipendenti, ok Mosca

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - Il presidente Vladimir Putin appoggia la decisione presa dall'Assemblea olimpica del Comitato Olimpico russo (ROC) di permettere agli atleti russi la partecipazione ai Giochi olimpici invernali del 2018 in Corea del Sud con le insegne neutrali. Così il portavoce presidenziale russo Dmitri Peskov. Il Roc ha diffuso oggi un comunicato in cui chiede di rispettare "la scelta di ogni singolo atleta" e di essere pronto a "fornire il supporto agli atleti che andranno ai Giochi, quelli che rifiuteranno e quelli che non saranno invitati".

14:29Boldrini,manterrò profilo istituzionale sino voto l.bilancio

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Ho mantenuto un profilo istituzionale e lo manterrò sino alla fine del'approvazione della legge di bilancio, perché è giusto così. Ma è giusto parlare dei temi". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, al tradizionale scambio di auguri natalizi con la stampa parlamentare, a proposito del suo futuro impegno politico. "Ci sono degli elementi positivi, dei segnali di ripresa - ha quindi detto parlando dell'economia - Siamo felici che questo sia accaduto. Ma questa ripresa va tradotta anche nella vita delle persone, delle famiglie. Deve rientrare nella vita degli italiani. In modo che comincino a scendere la rabbia e il rancore che sono figli diretti del sentimento di esclusione diffuso nella nostra società".

14:29Sequestrata e violentata per 24 ore, arrestati aguzzini

(ANSA) - ASTI, 12 DIC - Legata ad una brandina con il cavo di un telefono, in uno scantinato, picchiata e violentata per 24 ore da due tunisini. E' l'incubo vissuto da una trentenne, liberata dalla polizia, ad Asti, dopo che il padre venerdì ne aveva denunciato la scomparsa. "Mi hanno rapito, aiutatemi", i messaggi Whatsapp che la donna, un passato da tossicodipendente, ha mandato ad un'amica col cellulare che era riuscita a nascondere ai suoi aguzzini e che hanno permesso alla squadra mobile di rintracciarla. Sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni le accuse a vario titolo nei confronti dei due tunisini, pregiudicati con precedenti per spaccio di droga che probabilmente la vittima aveva frequentato nel suo passato da tossicodipendente. Indagato in concorso un terzo tunisino.(ANSA).

Archivio Ultima ora