Scontro sul lavoro. Renzi, i sindacati hanno creato solo precari

Pubblicato il 19 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Il fronte lavoro diventa incandescente, con uno scontro frontale tra la leader della Cgil, Susanna Camusso – che evoca “il modello Thatcher” come vera fonte di ispirazione di Matteo Renzi – e il premier che contrattacca senza mezzi termini: i tanti co.co.pro. e co.co.co sono “condannati a un precariato a cui il sindacato ha contribuito”. Non si placano intanto le fibrillazioni all’interno del Pd, a partire dall’ex segretario dei dem Pier Luigi Bersani che annuncia “molti emendamenti” al Jobs act e mette in guardia: se l’obiettivo è “frantumare i diritti” allora “sarà battaglia”. Ancora più chiaro è il presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, sempre dei democratici, secondo cui “l’attuale tutela dell’articolo 18 deve restare “anche per i nuovi assunti”. Le accuse all’esecutivo arrivano una dopo l’altra e in serata il premier interviene, via YouTube, lanciando precise accuse: “A quei sindacati che vogliono contestarci” io “chiedo: dove eravate in questi anni quando si è prodotta la più grande ingiustizia, tra chi il lavoro ce l’ha e chi no” perché “si è pensato a difendere solo le battaglie ideologiche e non i problemi concreti della gente”. E precisa: “non vogliamo il mercato del lavoro di Margareth Thatcher”. Lo scopo, al contrario, aggiunge, è creare un sistema del lavoro “giusto”. Ma il premier rischia di dover fare i conti, oltre che con il fronte sindacale, anche con un ‘fuoco amico’ all’interno del partito. Malessere, però, che non manca nemmeno fra le file sindacali, dove la Fiom spariglia le carte in tavola, anticipando la manifestazione, già fissata per il 25, al 18 ottobre. Una nuova data con cui anche Cgil, Cisl e Uil dovranno fare i conti, nel caso si concretizzasse la loro manifestazione unitaria (una riunione tra i tre leader dovrebbe tenersi all’inizio della prossima settimana). Di certo, come era stato già promesso dalle organizzazioni dei lavoratori, sarà un autunno caldo. Anche le sigle del pubblico impiego, ben 14 in tutto dalla scuola alla sanità, hanno infatti deciso di scendere in piazza, con un appuntamento fissato per l’8 novembre contro il blocco della contrattazione. Il puzzle è quindi complesso, con un calendario folto di iniziative di protesta, su cui pende la minaccia dello sciopero generale, tanto che Camusso lo considera “una delle forme di mobilitazione possibile”, visto che c’è “chi vorrebbe cancellare l’art.18 sta cancellando la libertà dei lavoratori”. Per la Fiom però non c’è più tempo e bisogna agire, perché il rischio é il “ritorno all’800”. Il loro numero uno, Maurizio Landini, rompe così ogni indugio e sembra anche svanire il feeling con il premier: “sull’art. 18 Renzi deve dimostrare quanto è ‘figo’ all’Europa”, mentre bolla il contratto a tutele progressive a “una presa per il c…”. Nella maggioranza, però, le divisioni restano nette e a cercare di smorzare i toni ci pensa Graziano Delrio: “Le discussioni – dice – aiutano a migliorarsi, l’importante è che non ci siano ultimatum o posizioni ideologiche”. Al fianco di Renzi, anche Angelino Alfano: “aiutiamo il premier a superare i conservatorismi del Pd”, mentre nel partito Fassina si schiera con i contrari: questo testo “per me è inaccettabile”. La scintilla da cui è partita la serie di reazioni a catena è il Jobs act, o meglio la la delega lavoro, attesa in settimana nell’Aula del Senato. Incassato il primo sì della commissione Lavoro di palazzo Madama l’iter parlamentare continua e il percorso non sembra in discesa. Tempi e sostanza sono d’altra parte due questioni che vanno di pari passo. Sul punto il responsabile economia del Pd, Filippo Taddei, chiarisce come il governo non miri a un decreto bensì all’approvazione della legge delega da parte del Senato entro l’8 ottobre. Un altro giorno da appuntare, soprattutto per i sindacati confederali che dovrebbero decidere una mobilitazione tutti insieme, con manifestazione ed eventualmente anche un pacchetto di ore di sciopero. Per ora fanno fede le giornate già indicate dalle singole sigle, la Cgil si è espressa per la prima decade di ottobre (forse l’11) e la Cisl per il 18, che si potrebbe dire curiosamente, coinciderebbe con l’iniziativa della Fiom. D’altra parte lo scontro tra Governo e Cgil vede pronunciarsi anche gli altri sindacati, con Raffaele Bonanni, a capo della Cisl, che lamenta: “come al solito Renzi, per opportunismo politico, mette tutti i sindacati sullo stesso piano”, mentre il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, invita Renzi a “scendere dalla cattedra”. (di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

22:37Pirati strada: donna 75 anni travolta e uccisa nel Bolognese

(ANSA) - ZOLA PREDOSA (BOLOGNA), 16 DIC - Una signora di 75 anni è stata travolta e uccisa in via Risorgimento a Zola Predosa, comune della cintura di Bologna, da un'auto il cui conducente è fuggito senza prestare soccorso. Sono intervenuti i carabinieri e il 118, ma per la donna non c'è stato nulla da fare. Il sindaco di Zola Predosa, Stefano Fiorini, ha postato su facebook un "Avviso ai cittadini": alle 16.50, scrive, "è stata investita da un auto una signora in prossimità delle strisce pedonali di via Risorgimento davanti alla Farmacia Legnani. Chiunque abbia informazioni in merito a questo fatto è pregato di segnalarlo alla nostra stazione dei Carabinieri che sta ricostruendo quando avvenuto ricercando l'investitore che è fuggito senza prestare alcun soccorso alla vittima". (ANSA).

22:20Calcio: Totino, Mihajlovic “quando il Napoli gioca così…”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Se il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c'è nulla da dire. Dopo 30 minuti erano in vantaggio di tre gol ma della mia squadra mi è piaciuta la voglia di lottare". Così l'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta all'Olimpico. "Rispetto all'anno scorso, la squadra non ha mollato ha sempre cercato di giocare, abbiamo avuto l'occasione per fare il secondo gol, poteva starci un rigore per noi. Poi loro hanno vinto meritatamente e purtroppo con noi si scatenano sempre: hanno fatto 4 tiri in porta e tre gol". "Per noi adesso è passato un ciclo di gare difficile, ora arriveranno partite più alla nostra portata e vogliamo conquistare più punti possibili, speriamo ora che Belotti non si fermi più.

22:19Calcio: Sarri “il Napoli non era stanco, forse mentalmente”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Non eravamo stanchi, forse eravamo stanchi dal punto di vista mentale perché la stagione è lunghissima. Ho rivisto la gara con la Fiorentina e la ripresa è stata di livello. Lì non abbiamo concretizzato, oggi abbiamo segnato subito e la partita è stata in discesa. I ragazzi sono stati bravi, prendendo in positivo la sconfitta dell'Inter". L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, commenta soddisfatto il ritorno alla vittoria e al primato in classifica. Ai microfoni di Premium Sport, il tecnico toscano ha parlato anche di Marek Hamsik, diventato miglior marcatore del Napoli come Maradona: "E' un giocatore di un livello straordinario e quando fa alcune gare al di sotto delle sue qualità bisogna aspettarlo perché si ha la certezza che prima o poi farà bene. Ha fatto gol ma erano già alcune partite che era in crescita".

22:17Calcio: Napoli, Hamsik “gol importante, vincere lo è di più”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Fa molto piacere dal punto di vista individuale ma era più importante tornare a vincere dopo tre giornate senza vittoria. Ora siamo di nuovo in cima e questa era la cosa più importante. Finalmente poi è arrivato questo gol e sono contento". Il centrocampista del Napoli Marek Hamsik commenta così la vittoria a Torino e la sua 115/a rete con la maglia azzurra, che gli fa eguagliare il record di Maradona. "Abbiamo sbloccato subito la gara e questo ci ha aiutato a liberare la mente - ha detto ancora ai microfoni di Premium Sport - Poi abbiamo potuto fare il nostro calcio. E' importante aver ritrovato il primato, la sconfitta dell'Inter ci ha dato ancora più forza: avevamo voglia di tornare in testa".

22:17Calcio: Inter, Icardi “è andata male,tanti saranno contenti”

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - "Anche se oggi è andata male, io dico a tutti i miei compagni bravi. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo. Oggi abbiamo provato quello che dà una sconfitta e tanti saranno contenti, altri tanti un po' dispiaciuti come noi... ma comunque si continua ad andare avanti come abbiamo fatto finora". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, sprona i compagni su Instagram dopo la prima sconfitta stagionale dell'Inter, battuta dall'Udinese a San Siro per 3-1. Un ko che secondo Icardi, come ha detto anche Spalletti nei giorni scorsi, qualcuno era dispiaciuto non fosse ancora arrivato.

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Archivio Ultima ora