Alcol vegano, a New York festival del bevitore coscienzioso

NEW YORK. – New York paradiso per i vegetariani? Non poteva mancare un festival dedicato agli alcolici vegani. Ed ecco allora ‘The Better Booze Festival’, il primo festival di alcolici completamente vegani. La chiamata a raccolta e’ fissata per sabato quando il Center 548 a Chelsea sarà preso d’assalto da un esercito di vegetariani, e ovviamente curiosi, che finalmente potranno assaporare una varietà di cocktail senza preoccuparsi di dover controllare se sono stati usati prodotti animali. The Better Booze Festival è infatti un palcoscenico per alcolici i cui ingredienti escludono al cento per cento prodotti animali e derivati. Il festival dell’alcol vegano e’ organizzato da Us Veg Corp, gli stessi organizzatori del ‘Vegetarian Food Festival’, ormai diventato un appuntamento annuale ogni primavera. E’ nato da una semplice esigenza, quella di sapere cosa si beve esattamente. In particolar modo un problema per chi segue in modo religioso i principi del veganismo, una filosofia che rifiuta di ogni forma di sfruttamento degli animali. “Sono rimasta sorpresa – ha spiegato Nira Paliwoda, co-fondatrice del festival con Sarah Gross – di apprendere che alcuni alcolici contengono ingredienti che non sono considerati vegani e soprattutto che le aziende produttrici non sono obbligate a mostrare gli ingredienti sull’etichetta. Un elemento che complica le cose nella scelta di una determinata bevanda alcolica”. “Una bevanda – aggiunge la Gross – e’ considerata vegana se non e’ stata toccata (o contaminata) sia nella raffinazione che nel processo di filtrazione, da alcun prodotto animale, vuoi che siano proteine del latte, chiare d’uova, colla di pesce o ancora qualsiasi altro ingrediente di tipo animale che i produttori utilizzano”. Negli Stati Uniti, appunto, non e’ in vigore una legislazione che obbliga ad indicare se gli ingredienti sopra elencati non sono stati parte del processo di produzione. “Per i vegani – continua la Gross – non resta che consultare un database come ‘Barnivore’ per sapere se un alcolico e’ a loro misura”. I visitatori del festival di alcolici vegani avranno la possibilita’ di deliziare i loro palati con birra, vino, cocktail del tutto vegani. Di rigore, naturalmente, l’accoppiamento con pietanze anch’esse al 100% vegetariane. Dopo questo trampolino di lancio, in una città come New York di recente eletta a misura di vegetariano, gli organizzatori sperano che sempre più persone abbiano coscienza di ciò che bevono, invece di preoccuparsi solo di ciò che mangiano, e che sempre più aziende produttrici di alcolici scelgono di passare a linee cosiddette ‘animal-free’. (di Gina Di Meo/ANSA)

 

Condividi: