In calo i prezzi del greggio venezuelano

CARACAS – L’eccesso di greggio nel mercato mondiale in combinazione con la riduzione della domanda per effetto della ‘quasi-depressione’ economica che colpisce oggi i paesi industrializzati, ha provocato il calo dei prezzi del petrolio. Le quotazioni del greggio a New York hanno registrato una perdita dello 0,38%. E così il costo del petrolio è passato a 92,72 dollari il barile.

Dal canto suo, il petrolio venezolano, questa settimana, ha subito un’importante flessione che lo ha portato a 88,39 dollari il barile.

Se si paragona la media dei prezzi degli ultimi sette giorni con quella della scorsa settimana, la perdita è stata di circa 1,8 dollari il barile. Infatti, il greggio venezuelano costava circa 90,19 dollari il barile. Anche la canasta dell’Opep (composta dalla media dei prezzi di alcuni tipi di greggio) ha subito una flessione pari a 1,39 dollari il barile. Ed è passata a 96,73 dollari.

Fonti del governo hanno minimizzato i pericoli che potrebbe rappresentare un’ulteriore contrazione dei prezzi del petrolio. Ed hanno sottolineato che il “preventivo” della spesa per l’anno in corso è stato calcolato ad un prezzo medio del barile pari a 60 dollari. Il paese, quindi, comunque ottiene un eccedente pari a oltre 35 dollari il barile.

Condividi: