Sondaggisti: “Per Renzi il consenso resta sempre alto”

Pubblicato il 24 settembre 2014 da redazione

MILANO – La fiducia degli italiani nel premier Matteo Renzi resiste. E “resta alta l’apertura di credito” accordata al presidente del Consiglio, nonostante le critiche, come quella del direttore del ‘Corriere della Sera’ Ferruccio De Bortoli nel suo editoriale. Ne sono convinti diversi sondaggisti, concordi sul fatto che “l’opinione pubblica vasta legge poco i giornali o segue altri canali” e che “la popolarità di un leader dipende da altri e diversi fattori”.

Un editoriale “arriva alla classe dirigente, che ne farà le sue analisi e considerazione”, ma per il momento “nessun calo di consensi”. La gente “continua a credere nella promessa di cambiamento”.

– Sicuramente gli spostamenti nella popolarità dei leader politici non dipendono mai da un solo fattore – premette Nando Pagnoncelli, presidente di Ipsos -. In questo momento sono diversi gli elementi che possono influenzare il consenso sul premier: un attacco sulla stampa come quello di De Bortoli, l’acceso dibattito sulla modifica dell’articolo 18 e molti altri. Ma in questo periodo, nonostante i mezzi di informazione abbiano adottato uno stile un po’ più critico nei confronti del premier, non abbiamo riscontrato un calo vistoso di popolarità.

Osserva ancora Pagnoncelli:

– E’ anche vero che stiamo vivendo una stagione nella quale il presidente del Consiglio incarna la speranza di cambiamento del Paese e, sebbene i risultati possano essere un po’ più bassi rispetto a giugno scorso quando, sull’onda del risultato elettorale delle Europee c’era stata un’impennata di consensi, ad oggi ci risulta ancora una forte popolarità. Ciò non significa che nelle prossime settimane tutto rimarrà uguale ma – aggiunge – difficilmente sarà un unico elemento a farla scendere. Renzi ha incassato un’apertura di credito dagli italiani, per questo molte delle persone che interpelliamo regolarmente esprimono, nella peggiore delle ipotesi, una sospensione di giudizio, altri continuano ad essere fiduciosi nel cambiamento del Paese.

Dello stesso avviso Maurizio Pessato, presidente di Swg, convinto che “i giornali non abbiano un potere tale da influenzare il consenso popolare perché rimangono strumenti di élite, nel senso che l’opinione pubblica, in termini di massa, segue altri canali”.

– E’ ovvio che il quotidiano nazionale ha la sua autorevolezza – commenta – ma parla più al ceto dirigente che non all’opinione pubblica nel suo complesso. Poi è chiaro che se sposa una causa, reitera una posizione, alla lunga tutti gli strumenti di comunicazione di massa possono avere un’influenza, maggiore o minore. Ma per il momento, nell’immediato, nessun calo nei consensi.

Un editoriale, seppure su un autorevole quotidiano, “intacca il consenso molto poco” sostiene Renato Mannheimer, perché “una cosa è il consenso popolare, un’altra è l’opinione delle classi dirigenti. E l’editoriale di De Bortoli – prosegue – lo ha sicuramente letto tutta l’élite italiana, che ci avrà riflettuto e fatto le sue considerazioni. Ma la grande massa delle persone non legge il giornale, guarda le notizie in tv e i giovani quasi solo su internet.

Quanto ai contenuti e alle critiche fatte dal direttore del ‘Corriere’, Mannheimer riferisce che “in un recente sondaggio anche l’opinione pubblica vasta, quella che non legge per intenderci, pur continuando a sostenere Renzi, nel 70% dei casi ha detto che il premier parla tanto ma fa poco”.

– L’osservazione che apre l’editoriale di De Bortoli, dunque, è condivisa dagli italiani che, nonostante questo, lo supportano. Certo la fiducia è diminuita ma resta alta – conclude – sia perché la comunicazione del premier ‘arriva’ sia perché non ci sono grandi alternative.

Non si sbilancia Antonio Noto, direttore dell’istituto d’indagine Ipr Marketing.

– E’ difficile prevedere quale sarà l’effetto della presa di posizione del ‘Corriere della sera’. Da un punto di vista ideologico – afferma – questo intervento segna uno spartiacque tra un periodo di attendismo da parte dei media, durante il quale il governo ha goduto di una sorta di immunità e l’apertura alle critiche. Se questo lanciato da De Bortoli è un segnale che avrà seguito – conclude Noto – è probabile che si rifletta anche sull’opinione pubblica.

Ultima ora

11:39Maltempo: altra frana nel Lecchese, è la terza in due giorni

(ANSA) - LECCO, 13 DIC - Altra frana sulle strade del Lecchese, la terza in meno di due giorni. Nella notte si è verificata la caduta di massi e detriti sulla strada provinciale 65, che unisce Perledo a Esino Lario, interrotta al traffico. Sul posto i vigili del fuoco e i tecnici della Provincia di Lecco. In mattinata la rimozione del materiale caduto sulla sede stradale, quindi il sopralluogo per verificare il rischio di altri smottamenti. Dopo le precipitazioni dei giorni scorsi la zona dell'Alto Lario e della Valsassina è monitorata per il rischio di nuovi smottamenti. (ANSA).

11:34Bangladesh: Unicef, vaccinazioni per 255.000 bambini

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il governo del Bangladesh - supportato da Unicef, Oms e dall'Alleanza Globale per le Vaccinazioni (Gavi) - ha lanciato una campagna di vaccinazione contro la difterite e altre malattie prevenibili per i circa 255.000 bambini Rohingya di età compresa fra le 6 settimane e i 6 anni che vivono in 12 campi per rifugiati e insediamenti temporanei vicino al confine col Myanmar. In particolare, si tratta dei sotto-distretti di Ukhiya e Teknaf a Cox's Bazar, rende noto un comunicato dell'Unicef.

11:33Ciclismo: Tour Down under, Porte guiderà l’assalto della Bmc

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - La Bmc schiererà un vero e proprio squadrone, per tentare l'assalto al Tour Down under di ciclismo: al via della prima gara del World tour ci saranno, infatti, i vincitori delle quattro ultime edizioni, vale a dire Richie Porte, Simon Gerrans e Rohan Dennis. A completare la formazione, il campione australiano Miles Scotson, il neozelandese Patrick Bevin, il duo svizzero Tom Bohli e Danilo Wyss. Richie Porte sarà il capitano del team. Dennis ha vinto il Down Under nel 2015 e punta al bis dell'anno prossimo. Il Tour Down under si disputerà dal 14 al 21 gennaio dell'anno prossimo, con partenza da Adelaide. Nel 2018 la gara australiana celebrerà le 20 edizioni, essendo nata nel 1999.

11:31Doping: Uci chiede spiegazioni a Froome (2)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ha sconvolto il mondo del ciclismo la notizia della positività di Froome nelle analisi effettuate il 7 settembre, in occasione della 18ma tappa della Vuelta, il Giro di Spagna che poi il corridore britannico ha vinto. La federazione internazionale (Uci) ha già sollecitato ulteriori approfondimenti ed ha chiesto alla squadre del corridore britannico di fornire spiegazioni sull'accaduto. In ogni caso per il momento non verrà preso alcun provvedimento sanzionatorio, vista la natura della sostanza, l'antiasmatico appunto, trovato nel sangue del corridore. Il Team Sky in una nota ha ricordato che Froome "nel corso dell'ultima settimana della Vuelta ha sofferto di attacchi acuti di asma e in accordo con i medici della squadra ha aumentato il dosaggio" del farmaco nelle dosi consentite.

11:25Torino: blitz della Digos, sgomberato centro sociale Fenix

(ANSA) - TORINO, 13 DIC - Blitz della Digos di Torino al Fenix, edificio occupato dagli squatter dall'estate scorsa nel centro del capoluogo. All'alba di questa mattina, gli agenti hanno fatto irruzione nello stabile. Il Fenix, di proprietà del comune di Torino, era stato adibito a biblioteca e a punto informativo del gruppo di anarchici. Domani sera, come tutti i giovedì, era prevista un'assemblea aperta. Lo sgombero del Fenix, in corso San Maurizio angolo via Rossini, è stato espletato senza ripercussioni per l'ordine e la sicurezza pubblica. Sono in corso le operazioni di messa in sicurezza dello stabile a cura dell'amministrazione comunale proprietaria dell'edificio.(ANSA).

11:25Doping: Froome si difende,curavo asma con dosi lecite

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Tutti sanno che soffro di asma, ma so quali sono le regole e sono stato attento a non superare le dosi consentite": questa la difesa del campione britannico Chris Froome, trovato positivo al salbutamolo a un controllo effettuato durante la Vuelta a settembre. "È noto che ho l'asma e so esattamente quali sono le regole. Uso un inalatore per gestire i miei sintomi (sempre entro i limiti consentiti) e so per certo che verrò testato ogni giorno indossando la maglia del leader della corsa".

11:09Badminton: torna lo Yonex International

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ritorna al PalaBadminton di Milano lo Yonex Italian International 2017. Quattro giorni di gara - da domani a domenica 17 dicembre - che vedranno la partecipazione del grande badminton internazionale. La kermesse, giunta alla sua 17/a edizione, offrirà agli azzurri l'opportunità di brillare nuovamente dopo le 5 medaglie (un oro, due argenti e due bronzi) conquistate in Botswana e Zambia e il decimo posto ai Campionati Europei Under 17 di Praga. Quattordici gli azzurri convocati dallo staff tecnico guidato dal dt Arturo Ruiz. La manifestazione aprirà anche ufficialmente i festeggiamenti per i quarant'anni di badminton in Italia che si protrarranno per tutto il 2018 e che vedranno l'inizio con un convegno che si svolgerà sabato 16 dicembre alle ore 12. Interverranno tra gli altri il presidente federale Carlo Beninati, il presidente emerito Alberto Miglietta e il presidente onorario Rodolfo La Rosa.

Archivio Ultima ora