Ciclismo Mondiali: Wiggins scalza Martin, è oro nella crono

ROMA. – Il corridore britannico Bradley Wiggins è il nuovo campione del mondo nella cronometro individuale. Con una gara perfetta il ciclista della Sky ha detronizzato il tre volte campione del mondo Toni Martin, il tedesco quasi imbattibile nelle corse contro il tempo, ed ha riscattato una stagione non brillantissima, caratterizzata più dalle querelle a distanza con il suo compagno di squadra e rivale Chris Froome, che dai risultati in gara. Nella crono di 47,10 km che ha portato sulle strade spagnole di Ponferrada i migliori specialisti di questa disciplina, Wiggins ha staccato il rivale tedesco di 26 secondi. Il terzo posto, quindi medaglia di bronzo, è andato all’olandese Tom Dumoulin, staccato di 40 secondi. Il primo degli italiani Danilo Malori, è giunto sesto con 1’11” di ritardo, ed ha migliorato di due posizioni l’ottavo posto del’ultima edizione. L’altro italiano in gara Dario de Cataldo è giunto 30mo, a 3’25” dal vincitore. Wiggins, vincitore del Tour de France del 2012, ha pedalato a 50,1 km all’ora, una media niente male se si considera che il neocampione del mondo ha 34 anni. Per il corridore britannico, già vincitore dell’oro olimpico a Londra 2012 proprio nella crono individuale (cui si aggiungono altri tre ori olimpici nell’ inseguimento, uno ad Atene 2004 e due a Pechino 2008) la vittoria di oggi rappresenta il coronamento di una carriera. Finora infatti nella cronometro ai campionati Mondiali aveva dovuto accontentarsi di due secondi posti, nel 2011 e nel 2013, proprio alle spalle di re Martin. Il 29enne campione tedesco, benchè secondo nella classifica finale, oggi non e’ apparso in gran forma, la sua pedalata è sembrata appesantita invece che agile e veloce come di solito, ma si è difeso con un leone, andando alla caccia di quel quarto successo, peraltro consecutivo, che gli avrebbe consentito di eguagliare lo svizzero Fabian Cancellara, unico finora capace di vincere quattro titoli iridati.

Condividi: