L’Isis spiana la Chiesa Verde, simbolo della cristianità

Pubblicato il 25 settembre 2014 da redazione

ROMA. – Era ormai stata abbandonata da molti secoli, ma era un simbolo più che millenario delle antichissime radici del cristianesimo in Medio Oriente. La Chiesa Verde di Tikrit è stata distrutta dai jihadisti dell’Isis che hanno piazzato l’esplosivo all’interno per poi far brillare le cariche. Un crimine contro la memoria e contro la cultura animato da quello stesso odio che nel recente passato ha ispirato l’annientamento dei colossali Buddha di Bamiyan da parte dei talebani afghani o dei mausolei sciiti iracheni ad opera dei qaedisti, oltre che di numerose chiese e templi. Simboli da estirpare, agli occhi degli estremisti, esattamente come la Chiesa Verde: che nella sua imponenza continuava a rappresentare, pur trovandosi in una città diventata completamente musulmana, una vestigia del passato splendore del cristianesimo d’Oriente nell’attuale Iraq. Costruita a poche decine di metri dal fiume Tigri dai fedeli della Chiesa Assira nel settimo secolo, fu descritta dagli storici del tempo come il luogo sacro cristiano più grande e importante della Mesopotamia. Devastata nel 1089 per ordine d’un governatore musulmano della città, venne ricostruita nel giro di pochi decenni nella versione color ocra (diversa da quella delle originarie maioliche verdi) in cui appare anche in foto recenti. Per secoli è stata la cattedrale della Chiesa Assira, una chiesa orientale nata dalle comunità cristiane che fin dal secondo secolo si erano radicate in Mesopotamia e che nel terzo secolo si erano trovate soggette all’impero iraniano sassanide e dunque fuori dall’universo politico, culturale e teologico dell’impero romano. In questo relativo isolamento dai confratelli occidentali, i cristiani assiri si diedero una propria organizzazione ecclesiale e si lanciarono nella diffusione del Verbo di Gesù fino in India, in Tibet, in Cina e in Mongolia secoli prima dell’avventura missionaria dei gesuiti europei in Asia. E la loro influenza continuò anche dopo la conquista araba. Nel 1318, la Chiesa Assira contava 200 diocesi e 30 sedi metropolitane. A segnare la fine di tanta potenza fu la catastrofica invasione del vicino oriente da parte dei mongoli di Tamerlano (Timur). Dal XIV secolo, i cristiani assiri abbandonarono anche Tikrit e la Chiesa Verde e non vi sono ritornati nemmeno in tempi più moderni, quando la consistente minoranza cristiana irachena, erede della tradizione assira, si è concentrata altrove: Baghdad, Mosul, la piana di Ninive. La Chiesa Verde era stata però sempre rispettata ed anzi l’ex rais iracheno Saddam Hussein, originario proprio di Tikrit, l’aveva inglobata nel lussuoso palazzo presidenziale costruito nella sua città natale. Difficile tuttavia che i fondamentalisti agli ordini del califfo nero al Baghadi – dopo aver sradicato con la forza e il terrore, negli scorsi mesi, ogni presenza cristiana da Mosul, dall’area di Ninive e dalle zone circostanti – la risparmiassero a loro volta.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora