Dall’ISIS al Medio Oriente, a problematiche meno mediatiche

Pubblicato il 30 settembre 2014 da redazione

NEW YORK. – L’agenda della Ministro degli Esteri Federica Mogherini a New York, è stata ancora una volta intensissima. Si sono accavallati e intercalati incontri multilaterali con quelli unilaterali, dialoghi formali e chiacchierate informali anche se non meno importanti. Sicura, preparata, ha dalla sua anche il perfetto dominio di inglese e francese, lingue che la aiutano a comunicare con i suoi omonimi ministri e anche con Capi di Stato e di Governo.
Nell’aprire la conferenza stampa organizzata all’interno degli uffici della Missione Italiana, la Mogherini ha voluto accennare a quei tanti contributi che l’Italia sta dando e in molti casi continua a dare a tematiche meno mediatiche ma certamente importanti per intere popolazioni.
In primis ha accennato all’impegno per l’approvazione di una moratoria sulla pena di morte,una battaglia che ha visto sempre l’Italia in prima linea nella partecipazione all’evento volto a coalizzare consensi per evitare i matrimoni precoci e forzati, e che rientra nel quadro più ampio della tutela delle donne e delle ragazze.
Mogherini ha fatto riferimento anche al lavoro che è stato svolto nel settore del food security e della nutrizione, temi cruciali per l’Italia in previsione dell’Expo 2015 che si terrà a Milano e ha anticipato la partecipazione del Segretario Generale delle Nazioni Unite BanKi-moon, della Presidente del Cile Michelle Bachelet e del sindaco di New York Bill De Blasio alla Giornata Mondiale dell’Alimentazione che si terrà in Italia il prossimo 12 ottobre.
Detto ciò la Ministro degli Esteri italiana si è spostata verso temi più caldi come quello del Medio Oriente, dell’Ucraina, della situazione in Iraq e delle forze terroriste dell’ISIS, considerate ormai una minaccia reale per l’Europa e per gli Stati Uniti.
– Questa settimana è stata caratterizzata soprattutto dal lavoro bilaterale e multilaterale sulle principali aree di crisi – ha detto la Mogherini – ed è iniziata con la riunione del Consiglio di Sicurezza per analizzare la situazione in Iraq e la presenza delle forze dell’ISIS-.
Per quanto riguarda l’Ucraina ha detto di aver partecipato alla riunione svolta in sede Osce, per arrivare all’implementazione di un accordo che metta fine alla crisi che da mesi insanguina e divide questo paese. Parlando del Medio Oriente ha sottolineato l’intenso lavoro diplomatico che si sta portando avanti per far ripartire un dialogo che dovrebbe finalmente portare alla costituzione di due stati.
Ha anche accennato al forte impegno dell’Italia in Libia al fine di trasformare quello che attualmente è uno scontro in un confronto, tra i diversi attori politici. – Un passaggio fondamentale per l’Italia – ha sottolineato la Ministro – non soltanto per garantire la stabilità nella regione ma anche per avere un interlocutore con cui gestire in modo razionale e nel pieno rispetto dei diritti umani, il passaggio nel territorio dei flussi migratori, dei tanti richiedenti asilo che a causa di crisi arrivano sulle nostre coste passando attraverso il corridoio libico-.
L’incontro con la Ministro si è concluso con il tema più spinoso, quello della crisi irachena e della presenza sempre più minacciosa delle forze che compongono l’ISIS.
– Abbiamo parlato con il Ministro degli Esteri iracheno che ci ha ringraziato perché l’Italia è stata la prima a chiedere un impegno internazionale e forte di contrasto all’ISIS sul territorio dell’Iraq. – Ha detto e nel confermare l’impegno dell’Italia a inviare, insieme agli altri paesi, aiuti umanitari, armi, munizioni, e supporto logistico per combattere l’ISIS ha sottolineato: – Il nostro impegno non è prioritariamente militare ma tende a fornire aiuti umanitari, a bloccare i finanziamenti al terrorismo, a operare sui foreign fighters (estremisti islamici che hanno vissuto in altri paesi e spesso appartengono alla seconda generazione di immigrati ndr). L’intenzione è quella di sostenere le popolazioni e tutti i paesi della regione. Roma, è il simbolo della cristianità, e l’Italia si fa promotrice anche di un importante messaggio culturale che condivide con il Presidente Obama. Questo non è un conflitto di religioni, né di civiltà, non è l’occidente che si schiera contro l’Islam ma è un sostegno ai paesi musulmani che devono difendere le proprie popolazioni dal terrorismo -. (Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

21:07Calcio: Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana

(ANSA) - SALERNO, 12 DIC - Stefano Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana: rileva sulla panchina granata Alberto Bollini esonerato nella giornata di ieri. Ne dà notizia il sito ufficiale della società granata. Colantuono che ha raggiunto Salerno nel pomeriggio ha voluto rivolgere, attraverso il sito ufficiale della società "un doveroso ringraziamento alla proprietà nelle persone di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma "per averlo scelto. Non ho esitato un momento ad accettare - ha detto - e sono onorato di poter allenare in una piazza così calda e importante come Salerno. Sono molto felice - ha concluso - per questa nuova avventura e non vedo l'ora di iniziare". La prima seduta d'allenamento che dirigerà il nuovo allenatore granata è prevista per domattina alle ore 10:30 al campo "Volpe".

Archivio Ultima ora