Nobel per la Letteratura a Modiano, scrittore della memoria e dell’identità

Pubblicato il 09 ottobre 2014 da redazione

ROMA. – La memoria, i fantasmi del passato, il bisogno di tornare a quel tempo perduto dove affonda le radici la nostra identità. Lo scrittore e sceneggiatore Patrick Modiano, vincitore del Premio Nobel per la Letteratura 2014, scava tra ricordi e oblio, con uno stile semplice e incisivo. Va alla ricerca di ‘Un Pedigree’ (Einaudi) inafferrabile e mai scontato, come si chiama il suo romanzo più autobiografico, dove la storia della sua famiglia si incrocia con Parigi occupata dai nazisti. “Mi sembra irreale essere finito insieme ad autori come Camus, che ammiravo quando ero bambino e adolescente” ha detto Modiano commentando a caldo l’assegnazione del premio dell’Accademia Reale Svedese. “Sono sorpreso, non me lo aspettavo proprio. Sono molto colpito” ha detto nella sede di Gallimard, il suo editore francese. Figlio di un ebreo francese di origini italiane e di un attrice belga, Modiano ha debuttato nella narrativa nel 1968 con ‘La place de l’Etoile’ pubblicato da Gallimard. “Sono nato il 30 luglio 1945, a Boulogne-Billancourt, allée Marguerite 11, da un’ebreo e da una fiamminga che si erano conosciuti a Parigi durante l’occupazione” scrive Modiano, 69 anni, nell’incipit di ‘Un Pedigree’. La ricostruzione della figura del padre, compromesso con il regime di Vichy, e la capitale francese durante l’occupazione, ma non solo, sono il fulcro della sua ispirazione e di molte sue opere in cui si trova una vena esistenzialista e personaggi enigmatici, misteriosi. Anche nel penultimo romanzo, ‘L’erba delle notti’ che in Italia uscirà nei Supercoralli Einaudi nel dicembre 2014, nella traduzione di Emanuelle Caillat, viene rievocato il passato attraverso la figura di Jean che ormai adulto cerca di ricostruire attraverso un taccuino, appunti e lettere, situazioni e personaggi di molti anni prima, ma soprattutto continua a cercare Dannie, una misteriosa ragazza che a metà degli anni Sessanta lui frequentava quando, non ancora maggiorenne, viveva a Montparnasse. E sempre per Einaudi, suo editore italiano, arriverà nelle nostre librerie nel 2015 l’ultimo libro di Modiano, ‘Pour que tu ne te perdes pas dans le quartier’, del 2014. Molto amato in Francia dove ha vinto nel 1978 il premio Goncourt con ‘Rue des boutiques obscures’, e vincitore in Italia del premio Bottari Lattes Grinzane Cavour nel 2012 con il romanzo ispirato alla storia vera di una ragazza ebrea di 15 anni ‘Dora Bruder’ (Guanda), vittima dell’Olocausto, Modiano è autore di oltre trenta romanzi e anche di sceneggiature e libri per bambini, tradotti in numerose lingue. Tra le sue opere diventate film ‘Villa Triste’, portato sul grande schermo da Patrice Leconte, dove a dominare sono la nostalgia e il sogno, e la sceneggiatura del film di Louise Malle ‘Cognome e nome: Lacombe Lucienne’. Modiano è stato anche nella giuria del Festival di Cannes nel 2000, presieduta da Luc Besson. Allievo di Raymond Queneau che ha avuto una grande influenza sulla sua formazione e la sua crescita come scrittore, Modiano si è ispirato nei suoi libri, in cui si ritrova anche una vena esistenzialista, oltre che a materiale autobiografico, a interviste, articoli di giornale e annotazioni personali conservate nel corso degli anni. In Italia sono usciti per Einaudi anche ‘Bijou (2005), ‘Nel caffè della gioventù perduta’ (2010) e ‘L’orizzonte’ (2012). E per Donzelli è arrivato in libreria nel 2014, ‘Caterina Certezza’, una storia per bambini con illustrazioni di Jean-Jacques Sempè. Scritta nel 1988, è la storia di una bambina che come il suo papà, che vive insieme a lei a Parigi, porta gli occhiali. E che come la sua mamma, che vive a New York, vorrebbe tanto diventare una ballerina. Ma quando danza Caterina è costretta a togliersi gli occhiali e scopre così il vantaggio di poter vivere in due mondi diversi: quello reale, che vede quando porta le lenti, e l’altro, quello fatto di sfumature in cui vive quando non le porta. Due mondi che nella scrittura di Modiano si rincorrono e si separano continuamente. (Mauretta Capuano/Ansa)

Ultima ora

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

22:37Pirati strada: donna 75 anni travolta e uccisa nel Bolognese

(ANSA) - ZOLA PREDOSA (BOLOGNA), 16 DIC - Una signora di 75 anni è stata travolta e uccisa in via Risorgimento a Zola Predosa, comune della cintura di Bologna, da un'auto il cui conducente è fuggito senza prestare soccorso. Sono intervenuti i carabinieri e il 118, ma per la donna non c'è stato nulla da fare. Il sindaco di Zola Predosa, Stefano Fiorini, ha postato su facebook un "Avviso ai cittadini": alle 16.50, scrive, "è stata investita da un auto una signora in prossimità delle strisce pedonali di via Risorgimento davanti alla Farmacia Legnani. Chiunque abbia informazioni in merito a questo fatto è pregato di segnalarlo alla nostra stazione dei Carabinieri che sta ricostruendo quando avvenuto ricercando l'investitore che è fuggito senza prestare alcun soccorso alla vittima". (ANSA).

22:20Calcio: Totino, Mihajlovic “quando il Napoli gioca così…”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Se il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c'è nulla da dire. Dopo 30 minuti erano in vantaggio di tre gol ma della mia squadra mi è piaciuta la voglia di lottare". Così l'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta all'Olimpico. "Rispetto all'anno scorso, la squadra non ha mollato ha sempre cercato di giocare, abbiamo avuto l'occasione per fare il secondo gol, poteva starci un rigore per noi. Poi loro hanno vinto meritatamente e purtroppo con noi si scatenano sempre: hanno fatto 4 tiri in porta e tre gol". "Per noi adesso è passato un ciclo di gare difficile, ora arriveranno partite più alla nostra portata e vogliamo conquistare più punti possibili, speriamo ora che Belotti non si fermi più.

22:19Calcio: Sarri “il Napoli non era stanco, forse mentalmente”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Non eravamo stanchi, forse eravamo stanchi dal punto di vista mentale perché la stagione è lunghissima. Ho rivisto la gara con la Fiorentina e la ripresa è stata di livello. Lì non abbiamo concretizzato, oggi abbiamo segnato subito e la partita è stata in discesa. I ragazzi sono stati bravi, prendendo in positivo la sconfitta dell'Inter". L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, commenta soddisfatto il ritorno alla vittoria e al primato in classifica. Ai microfoni di Premium Sport, il tecnico toscano ha parlato anche di Marek Hamsik, diventato miglior marcatore del Napoli come Maradona: "E' un giocatore di un livello straordinario e quando fa alcune gare al di sotto delle sue qualità bisogna aspettarlo perché si ha la certezza che prima o poi farà bene. Ha fatto gol ma erano già alcune partite che era in crescita".

22:17Calcio: Napoli, Hamsik “gol importante, vincere lo è di più”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Fa molto piacere dal punto di vista individuale ma era più importante tornare a vincere dopo tre giornate senza vittoria. Ora siamo di nuovo in cima e questa era la cosa più importante. Finalmente poi è arrivato questo gol e sono contento". Il centrocampista del Napoli Marek Hamsik commenta così la vittoria a Torino e la sua 115/a rete con la maglia azzurra, che gli fa eguagliare il record di Maradona. "Abbiamo sbloccato subito la gara e questo ci ha aiutato a liberare la mente - ha detto ancora ai microfoni di Premium Sport - Poi abbiamo potuto fare il nostro calcio. E' importante aver ritrovato il primato, la sconfitta dell'Inter ci ha dato ancora più forza: avevamo voglia di tornare in testa".

22:17Calcio: Inter, Icardi “è andata male,tanti saranno contenti”

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - "Anche se oggi è andata male, io dico a tutti i miei compagni bravi. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo. Oggi abbiamo provato quello che dà una sconfitta e tanti saranno contenti, altri tanti un po' dispiaciuti come noi... ma comunque si continua ad andare avanti come abbiamo fatto finora". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, sprona i compagni su Instagram dopo la prima sconfitta stagionale dell'Inter, battuta dall'Udinese a San Siro per 3-1. Un ko che secondo Icardi, come ha detto anche Spalletti nei giorni scorsi, qualcuno era dispiaciuto non fosse ancora arrivato.

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Archivio Ultima ora