CIADI: Venezuela, 1,6 miliardi a Exxon Mobil

Pubblicato il 09 ottobre 2014 da redazione

CARACAS. – Il tribunale arbitrale giudiziario del Centro Internazionale per la risoluzione delle controversie relative agli investimenti (CIADI), istituzione della Banca Mondiale con sede in Washington, ha deciso “all’unanimità” che il Venezuela deve risarcire la Exxon Mobil di 1,6 miliardi di dollari.

Come indicato nel lodo arbitrale divulgato sul sito web del CIADI, a titolo di “compensazione per la riduzione della produzione e delle esportazioni imposti al progetto Cerro Negro nel 2006 e nel 2007” il Venezuela dovrà pagare poco più di 9 milioni di dollari. Inoltre come “indennizzo per l’esproprio degli investimenti realizzati nel progetto Cerro Negro” dovrà invece versare la somma di 1.411 milioni di dollari, mentre per l’”indennizzo per l’esproprio degli investimenti nel Progetto La Ceiba” l’importo da erogare sarà poco più di 179 milioni.

Il Venezuela è il paese che ha più cause pendenti dinanzi al CIADI. Infatti oltre al caso Exxon Mobil, ce ne sono altri 26 ancora da risolvere.

Ultima ora

13:10Pakistan: bambina nasce in volo, la chiamano ‘Paradiso’

(ANSA) - ISLAMABAD, 13 DIC - Una giovane madre pachistana ha messo al mondo ieri sera, su un aereo della compagnia Pakistan International Airlines (PIA), in volo fra la città saudita di Medina e quella pachistana di Multan una neonata a cui, date le circostanze, è stato assegnato il nome di 'Jannat' (Paradiso). Un portavoce della PIA non ha esitato ad evocare un miracolo per commentare il lieto evento. "I miracoli - ha detto ringraziando l'equipaggio che si è adoperato per collaborare con il parto - non succedono tutti i giorni. Ma noi oggi ne abbiamo avuto uno piccolo con la nascita di una bellissima bambina!". "Lei ha aperto gli occhi nel cielo azzurro - ha concluso - ed anche per questo il papà Imran e la mamma Kausar, che lavorano in Arabia saudita e tornavano a casa per vacanze, sono stati d'accordo nell'assegnarle il nome di 'Jannat' (Paradiso).

13:09Calcio: Milan, ‘Donnarumma patrimonio sportivo ed economico’

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non è il tempo del mercato". Nella consueta rassegna stampa pubblicata sul sito del Milan, si conclude così il commento sull'intricato caso di Gianluigi Donnarumma e sull'ipotesi di cessione tornata d'attualità in questi giorni. "Gigio è un patrimonio del Club, sia sportivo (è reduce da ottime parate contro Torino e Bologna) che economico - si legge sul sito della società rossonera -. Tutto questo è valorizzato da un contratto fino al 2021 e rafforzato da un dialogo sempre aperto e positivo fra il giocatore e il suo allenatore, fra il giocatore e il direttore sportivo rossonero Mirabelli. Stabilito questo come ha già avuto modo di affermare proprio Rino Gattuso ieri, il Milan è concentrato adesso solo sul campo. È lì che la squadra rossonera deve continuare a lavorare per tornare grande. Non è questo il tempo del mercato - è la conclusione -, ma solo ed esclusivamente del campo".

13:07Brexit: Barnier, non accetteremo alcun passo indietro da Gb

(ANSA) - STRASBURGO, 13 DIC - "Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta" siglata venerdì scorso da Regno Unito e Unione europea. Lo ha detto il negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, durante un dibattito in plenaria al Parlamento europeo. I punti della 'fase uno' del negoziato, ha detto, "devono essere rapidamente tradotti in un accordo di ritiro giuridicamente stringente. Questa è una delle condizioni per il buon andamento del negoziato". Barnier ha anche sottolineato che questa "è una tappa importante ma ce ne saranno molte altre".

13:05Cina: Xi Jinping a cerimonia per 80 anni massacro Nanchino

(ANSA) - PECHINO, 13 DIC - La Cina ha ricordato oggi l'80/mo anniversario del "massacro di Nanchino" in una solenne cerimonia alla quale ha assistito per la prima volta in tre anni il presidente Xi Jinping: un minuto di silenzio, osservato in tutta la città, ha reso omaggio alle migliaia di vittime causate dalla occupazione dell'esercito imperiale nipponico nel 1937. "Solo se possiamo ricordare la storia possiamo costruire un futuro migliore", ha detto nel suo intervento Yu Zhengsheng, a capo del Comitato nazionale della Conferenza politica consultiva del popolo cinese. Parole suonate come invito a fare tesoro del passato per guardare ai rapporti futuri tra i due Paesi, "vicini che non possono spostarsi e con molte comunicazioni civili". La vicenda, a distanza di 80 anni, continua a pesare sulle relazioni

13:04Cadavere nelle campagne di Chivasso, forse morto assiderato

(ANSA) - TORINO, 13 DEC - Questa mattina a Chivasso, in via Mezzano, ai margini di una campo, è stato rinvenuto il cadavere di uomo. Il corpo, che non presenta segni esterni di violenza né lesioni, è stato notato da un passante. L'uomo potrebbe essere morto per assideramento. Al polso portava un braccialetto sanitario. Indagini in corso da parte dei carabinieri della compagnia di Chivasso.(ANSA).

13:03Gerusalemme: Mosca, posizione Erdogan non è la nostra

(ANSA) - MOSCA, 13 DIC - La Russia non condivide le parole del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che oggi ha definito Israele "uno Stato terrorista" e ha invitato a riconoscere "Gerusalemme come capitale dello stato occupato di Palestina": lo ha precisato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov. "Siamo al corrente della posizione del leader turco e non corrisponde alla nostra", ha affermato Peskov, aggiungendo che "la posizione della Russia su Gerusalemme e sulla soluzione della questione mediorientale è ben nota".

12:59Maltempo: il Po scende di un metro a Boretto nel Reggiano

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Il livello idrometrico del Po è sceso di un metro a Boretto nelle 12 ore successive alla piena causata dal maltempo con un lento ritorno alla normalità nell'intero bacino idrografico e l'inizio della conta dei danni. E' quanto emerge da un'analisi di Coldiretti che evidenzia milioni di euro di danni con centinaia di ettari di campagna finiti sott'acqua, vigneti e coltivazioni di cereali e foraggio sommersi, stalle e edifici rurali danneggiati, animali morti o dispersi, piante divelte e black-out elettrici, frane e smottamenti. La situazione più difficile - riferisce la Coldiretti - in Emilia-Romagna dove è esondato l'Enza con l'allagamenti dei campi del Reggiano nei Comuni di Boretto e Brescello in località Lentigione, ma l'emergenza si estende anche a Parma e Modena mentre in tutta la regione si sono verificati black-out elettrici e telefonici. Danni - continua Coldiretti - sono stati provocati dal gelo alle coltivazioni invernali mentre vigneti e alberi sono stati spezzati dal peso del ghiaccio. (ANSA).

Archivio Ultima ora