Conte, anche con azeri fuoco dentro. Pirlo torna al centro del progetto

Pubblicato il 09 ottobre 2014 da redazione

PALERMO. – Non esistono partite facili. Il refrain che Antonio Conte amava ripetere quando vinceva scudetti a raffica con la Juve fatica a diventar buono anche per l’Azerbaigian, seconda partita di qualificazione a Euro 2016 in programma domani, a ridosso della trasferta di Malta. Eppure il ct azzurro non molla la presa, chiede di ”giocarsela dal 1′ al 95′ perché queste partite all’apparenza ‘facili’ sono vita, servono a vincere il girone”. E per questo prima della sfida ai modesti azeri non rinuncia a un abbraccio portafortuna della figlia, Vittoria appunto. Il fermo immagine a bordo campo dell’allenamento – il ct con la tuta Italia e in braccio il suo personale e amatissimo ‘amuleto’ (”era con me dal primo giorno a Bari”, disse all’esordio) – sostituisce la foto di un mese fa, quella dell”azzurro’ Lotito. E riporta al centro la voglia irrefrenabile di vittoria del commissario tecnico che sta male anche solo se pareggia. ”Con le prime due partite abbiamo acceso una fiammella: ora dobbiamo continuare ad alimentare questa passione”, sottolinea, al fianco il ritrovato Pirlo che ironizza (”come l’ho trovato? Diverso, più rilassato…”). La passione e’ quella della gente, domani tutto esaurito anche a Palermo dopo Bari, ma soprattutto dei suoi azzurri di poca fama e tante fame. Di Pellè dopo Immobile e Zaza, per intendersi. ”Avevo detto dopo Oslo che voglio il fuoco dentro da chi viene qui: in questo senso sono sereno, ho subito ritrovato la voglia giusta, la capacità di capire cosa vogliamo fare in campo. Tutti sanno che dovranno giocarsela dal 1′ al 95”’. Tra i ‘ritrovati’ c’è Andrea Pirlo: domani fa 113 volte azzurre, una più di Zoff: prima del Brasile aveva detto che si sarebbe ritirato, a Mondiale in corso aveva fatto la prima conversione (”ci potrei ripensare”), a uova rotte si era detto disponibile in caso servisse. Ora il regista torna al centro del progetto azzurro, sono bastati i 70′ di Juve-Roma dopo un inizio stagione da infortunato: ”Solo a Conte avrei potuto dire sì: con lui ci divertiremo e vinceremo”. Ne sono convinti gli advisor in corsa per il nuovo marketing della federcalcio: dei cinque iniziali sono rimasti Rcs, Infront e Swissone, a breve la decisione. L’ultimo quadriennio ha fruttato alla federazione 120 milioni di entrate. A dare una spinta ai ricavi, dovrà pensare la ”nuova voglia” azzurra, avvertita da Pirlo: oltre alla sua classe, il regista offrirà all’Italia la consapevolezza di cosa voglia dire giocarsela fino in fondo, sempre, comunque: ovvero di essere un giocatore di Conte. Anche se di fronte c’è l’Azerbaigian. ”Non voglio sentir parlare di un girone facile nel quale si qualificano in due e c’e’ pure una possibilità per la terza”, avverte Conte, riepilogando la nuova formula della qualificazione a Euro 2016: ”Io a quella qualificazione voglio arrivarci prima possibile, e da primo”. Rispettare il pronostico domani contro gli azeri allenati da Vogts e lunedì a Malta vorrebbe dire arrivare al match di novembre a Milano contro la Croazia a punteggio pieno. ”Ma attenzione: le partite facili sono tali solo alla fine, quando le hai vinte…”. Perciò ancora palla a Immobile-Zaza coppia d’attacco, con Florenzi e Marchisio ai lati di Pirlo centro del gioco. Nel 3-5-2, la vicinanza dell’impegno con Malta impone un mini-turn over degli esterni: domani dovrebbe toccare a Darmian-Pasqual. Poco conta che il ct degli azeri Berti Vogts parli di una nazionale acerba e per emozionarsi debba tornare indietro con la memoria a quell’ItaliaGermania4-3 (”l’arbitro ci sfavorì..”, dice a sorpresa neanche fosse uno Juve-Roma qualunque); e ancor meno che i ragazzi del Caucaso siano solo al 95esimo posto del ranking Fifa. Ad Antonio Conte interessa una sola classifica, quella della sua Italia. (dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora