Gol e autogol, solo Chiellini in vittoria Italia

Pubblicato il 10 ottobre 2014 da redazione

PALERMO. – Due gol e in mezzo un’autogol: c’e’ solo Chiellini nel tabellino del 2-1 dell’Italia sull’ Azerbaigian, e a guardar bene c’è solo lui nella serata, punto. La nazionale di Conte fa un passo indietro nel gioco, rispetto all’esordio del nuovo ct: come fosse una grande con spirito di provinciale, si diverte a mettere in difficoltà le grandi (Olanda) o a vincere le partite dure (Norvegia), poi si adegua quando la mediocrità dell’avversario è il mood della serata. Più lenta delle prime due uscite, meno aggressiva, poco precisa, e soprattutto senza gli spunti di classe che sarebbero serviti in una serata del genere. Resta la vittoria finale, preziosa: per come e’ maturata e perchè nel frattempo la Croazia e’ andata a vincere a Sofia togliendo punti alla Bulgaria, una delle concorrenti al primo posto: ironia della sorte, con un autogol dei padroni di casa. Quello di Chiellini nella parte finale della partita di Palermo, dopo che l’Italia aveva sbloccato proprio col difensore tra le fatiche di una serata no, invece non e’ stato decisivo. Merito sempre del difensore, ancora in gol e ancora di testa: il 2-1 finale sa molto di caparbietà juventina. Concreti, anche quando si e’ brutti. E dire che i presupposti per rendere davvero facile la partita con una squadra modesta c’erano tutti. Palermo offriva il colpo d’occhio di una festa da tutto esaurito, in una notte calda di mezza estate. Conte comincia dalle sue certezze: sceglie Darmian-De Sciglio come esterni del suo solito 3-5-2, Pirlo regista centrale e’ attorniato dagli incursori Florenzi -Marchisio. A fare movimento davanti Immobile-Zaza. Berti Vogts fa di necessità virtù, e soppesata l’evidente differenza tecnica schiera un 4-3-3 zemaniano solo sulla carta: Zaza e’ raddoppiato a uomo dal centrocampista Armigulyev, la difesa e’ bloccatissima su una linea a quattro, i tre davanti – Dadashov qualche metro indietro al centro – hanno il compito di bloccare sul nascere la manovra dei difensori azzurri più che impensierirli. Il gol che dà sollievo a Conte dopo un tempo di sgridate ai suoi arriva solo al 44′ su angolo, e non e’ un caso: la roccaforte azera tiene. Strano a dirsi, alla manovra azzurra manca il dinamismo di un Giaccherini, anzi proprio Giaccherini. Pirlo e’ compassato e onora la sua presenza numero 113 con rari sprazzi; i terzini spingono poco; Zaza mostra l’altra faccia del centravanti di provincia. Inevitabile che l’Italia fatichi a trovare sbocchi, e infatti le occasioni non arrivano quasi mai su manovra, e mai con la rapidità pretesa da Conte. Al 5′ Immobile, il più attivo del duo, ruba palla e in area mette dietro dove Marchisio in corsa spara alto. Otto minuti dopo Zaza e’ pericoloso suo malgrado, il tacco accidentale devia un tiro di Bonucci e Agayev deve mettere in angolo. Al secondo tiro dalla bandierina Bonucci ha la schiacciata bassa sulla testa, ma la smorza. Sono passati già 26 minuti, con poche emozioni. Dopo una bella girata in area di Immobile, murato da Guseynov, è Ranocchia ad andare più vicino di tutti al gol: minuto 37′, punizione di Pirlo e girata di testa un soffio sopra la traversa. E’ l’anticipo del gol, a un minuto dallo scadere, ma su angolo del regista schiacciato a rete da Chiellini. In mezzo, c’era stata la richiesta di un rigore di Bonucci per un mani involontario di Guseynov, e un’ammonizione giusta a Pirlo. Scossa dal gol, l’Italia riparte nel secondo tempo con altra voglia. Lo fa capire Zaza, con una ‘bicicletta’ in area dopo due minuti che sfiora il palo e meriterebbe il gol per coraggio e coordinazione. Il centravanti del Sassuolo non gioca più solo spalle alla porta, Immobile parte largo per tagliare al centro ed ecco che gli spazi si aprono. Provano a sfruttarli prima Florenzi con un destro al volo dal limite, ribattuto all’11’, poi ancora il romanista in combinazione con Zaza (13′). Il quale ci prende gusto: ritenta una rovesciata in area, poi al 23′ si mangia il gol del raddoppio da due passi, mettendo fuori un cross di rasoterra di Darmian. Vivaci le proteste degli azeri, perchè a terra era rimasto Nazarov, autore un paio di minuti prima dell’unico tiro che aveva impegnato Buffon. Esce Pirlo al 26′, ed e’ ovazione per lui, al suo posto Aquilani. Sarà un caso, ma subito dopo l’Italia rischia su un pasticcio di Ranocchia che rimedia in angolo: ma e’ da lì che nasce il patatrac, Chiellini per anticipare Aliyev ruba il tempo sulla linea a Buffon e accompagna in rete l’incredibile 1-1. Conte urla ai suoi avanti, mette Giovinco per Florenzi subito e una manciata di minuti dopo Candreva per Darmian. Dal piede del primo nasce la palla del riscatto personale di Chiellini: ancor più incredibile, ma e’ di nuovo di testa che il difensore segna, per il 2-1 definitivo. C’e’ tempo per un gran destro di Giovinco nel recupero, ma anche la traversa stasera dice che la serata e’ solo di Chiellini. Una vittoria piccola, che però fa tanto comodo all’Italia di Conte. (dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

14:44Nave Caronte urta molo a Messina, un marinaio ferito

(ANSA) - MESSINA, 23 MAR - "La nave traghetto 'Telepass' della Caronte & Tourist, stamattina mentre stava facendo la spola tra la Calabria e la costa messinese ha avuto un black out e ha urtato la banchina del molo a Messina. L'impatto comunque non è stato violento". Ferito un marinaio. A dirlo l'amministratore delegato di Caronte & Tourist Vincenzo Franza spiegando l'incidente avuto stamani da parte di una delle sue navi a Messina. "Quando si ha un black out - prosegue - si spegne tutto il tempo e si riavvia subito il motore, ma la nave era troppo prossima all'ormeggio anche se praticamente ferma e l'impatto è stato inevitabile. L'equipaggio ha dato fondo ad una delle ancore, la procedura prevista in questi casi, ma non si è potuto evitare l'impatto. Poi si sono poi riaccesi i motori e la nave è stata riposizionata e i passeggeri sono stati fatti scendere".

14:39Attacco Londra: Papa, dolore per vite perse

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 MAR - Il Papa, "profondamente addolorato per la perdita di vite e per i feriti causati dall'attentato nel centro di Londra", "esprime la propria orante solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia". "Raccomandando i morti alla misericordia di Dio onnipotente", Papa Francesco "invoca divina fortezza e pace sulle famiglie colpite e assicura alla nazione la sua preghiera in questa occasione". Lo afferma in un telegramma inviato al cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster.

14:38Bruciore agli occhi e nausea, venti studenti all’ospedale

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 23 MAR - Una scuola media di Riccione è stata evacuata questa mattina dai vigili del fuoco. Intorno alle 10.30 alcuni studenti hanno iniziato a sentirsi male, accusando bruciore agli occhi, eruzioni cutanee e nausea. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco specializzati in questo tipo di emergenze, i tecnici di Arpae e i mezzi del 118. Una ventina di studenti è stata portata in pronto soccorso, ma nessuno è in gravi condizioni. Sono in corso accertamenti. (ANSA).

14:24Attacco Londra: Galantino, la risposta non è alzare muri

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Fatti di questo tipo ci riportano nella paura: l'importante è evitare semplificazioni e non convincerci che questi problemi si risolvano alzando i muri". Lo ha detto il segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino, commentando i fatti di Londra a margine di una conferenza stampa. "Questi delinquenti - ha aggiunto a proposito dei terroristi - mostrano di non aver voglia di venire qui con i barconi".

14:18Di Maio, niente alleanze, M5s chiederà fiducia sul programma

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Consiglio a tutti quelli che mi chiedono di alleanze di eliminare questo termine dal futuro politico dell'Italia. Se vinceremo chiederemo una fiducia che si basa su un programma, chi vorrà darcela potrà partecipare alla creazione di un'Italia differente ma senza aspettarsi tornaconti". Così Luigi Di Maio, nel corso della presentazione delle proposte sull'Ue del M5S, risponde ad una domanda sull'ipotesi di alleanze se il Movimento andrà al Governo.

14:11Renzi, non subalterni a giustizialismo manettaro del M5s

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Da parte della politica c'è stato un atteggiamento culturalmente subalterno al grillismo per cui se c'è un avviso di garanzia devi dimetterti. Il mio governo - e ne sono orgoglioso - è andato in Aula, su Bubbico che ora è in Mdp, a dire che non si chiedono le dimissioni di chi è indagato: è un fatto di civiltà giuridica. Non accetto la cultura grillina, garantista a giorni alterni se è indagata la Raggi, o l'ondata giustizialista tipica di un atteggiamento manettaro. Quelli che volevano i lodi per sfangare i processi erano gli altri". Lo dice Matteo Renzi a Corriere Live.

14:06Calcio: Crotone, il presidente Vrenna lascia il club

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Raffaele Vrenna si dimette dalla carica di presidente dell'Fc Crotone e lascia la società, dopo averne rilevato la proprietà nel 1992 e, in soli sette anni, averla condotta in Serie B partendo dalla prima categoria fino ad arrivare alla storica promozione in A. "Per una diversa visione sulla gestione e sulle strategie di sviluppo aziendali - scrive Vrenna sul sito della società - lascio l'Fc Crotone. Lo faccio dopo 25 anni con molta tristezza. Con questa squadra ho vissuto stagioni incredibili e compiuto un'impresa che rimarrà nella storia del calcio non soltanto crotonese, tanto che la nostra promozione in A è stata accostata alla conquista della Premier League da parte del Leicester. Chi conosce Crotone sa che è una piccola città, ma con un grande cuore e una grande tifoseria. Desidero ringraziare tutte le persone che hanno lavorato con me in questi anni contribuendo ai successi ottenuti". La società, adesso, dovrebbe passare al fratello di Raffaele Vrenna, Gianni, socio insieme a Raffaele Marino.

Archivio Ultima ora