Gol e autogol, solo Chiellini in vittoria Italia

Pubblicato il 10 ottobre 2014 da redazione

PALERMO. – Due gol e in mezzo un’autogol: c’e’ solo Chiellini nel tabellino del 2-1 dell’Italia sull’ Azerbaigian, e a guardar bene c’è solo lui nella serata, punto. La nazionale di Conte fa un passo indietro nel gioco, rispetto all’esordio del nuovo ct: come fosse una grande con spirito di provinciale, si diverte a mettere in difficoltà le grandi (Olanda) o a vincere le partite dure (Norvegia), poi si adegua quando la mediocrità dell’avversario è il mood della serata. Più lenta delle prime due uscite, meno aggressiva, poco precisa, e soprattutto senza gli spunti di classe che sarebbero serviti in una serata del genere. Resta la vittoria finale, preziosa: per come e’ maturata e perchè nel frattempo la Croazia e’ andata a vincere a Sofia togliendo punti alla Bulgaria, una delle concorrenti al primo posto: ironia della sorte, con un autogol dei padroni di casa. Quello di Chiellini nella parte finale della partita di Palermo, dopo che l’Italia aveva sbloccato proprio col difensore tra le fatiche di una serata no, invece non e’ stato decisivo. Merito sempre del difensore, ancora in gol e ancora di testa: il 2-1 finale sa molto di caparbietà juventina. Concreti, anche quando si e’ brutti. E dire che i presupposti per rendere davvero facile la partita con una squadra modesta c’erano tutti. Palermo offriva il colpo d’occhio di una festa da tutto esaurito, in una notte calda di mezza estate. Conte comincia dalle sue certezze: sceglie Darmian-De Sciglio come esterni del suo solito 3-5-2, Pirlo regista centrale e’ attorniato dagli incursori Florenzi -Marchisio. A fare movimento davanti Immobile-Zaza. Berti Vogts fa di necessità virtù, e soppesata l’evidente differenza tecnica schiera un 4-3-3 zemaniano solo sulla carta: Zaza e’ raddoppiato a uomo dal centrocampista Armigulyev, la difesa e’ bloccatissima su una linea a quattro, i tre davanti – Dadashov qualche metro indietro al centro – hanno il compito di bloccare sul nascere la manovra dei difensori azzurri più che impensierirli. Il gol che dà sollievo a Conte dopo un tempo di sgridate ai suoi arriva solo al 44′ su angolo, e non e’ un caso: la roccaforte azera tiene. Strano a dirsi, alla manovra azzurra manca il dinamismo di un Giaccherini, anzi proprio Giaccherini. Pirlo e’ compassato e onora la sua presenza numero 113 con rari sprazzi; i terzini spingono poco; Zaza mostra l’altra faccia del centravanti di provincia. Inevitabile che l’Italia fatichi a trovare sbocchi, e infatti le occasioni non arrivano quasi mai su manovra, e mai con la rapidità pretesa da Conte. Al 5′ Immobile, il più attivo del duo, ruba palla e in area mette dietro dove Marchisio in corsa spara alto. Otto minuti dopo Zaza e’ pericoloso suo malgrado, il tacco accidentale devia un tiro di Bonucci e Agayev deve mettere in angolo. Al secondo tiro dalla bandierina Bonucci ha la schiacciata bassa sulla testa, ma la smorza. Sono passati già 26 minuti, con poche emozioni. Dopo una bella girata in area di Immobile, murato da Guseynov, è Ranocchia ad andare più vicino di tutti al gol: minuto 37′, punizione di Pirlo e girata di testa un soffio sopra la traversa. E’ l’anticipo del gol, a un minuto dallo scadere, ma su angolo del regista schiacciato a rete da Chiellini. In mezzo, c’era stata la richiesta di un rigore di Bonucci per un mani involontario di Guseynov, e un’ammonizione giusta a Pirlo. Scossa dal gol, l’Italia riparte nel secondo tempo con altra voglia. Lo fa capire Zaza, con una ‘bicicletta’ in area dopo due minuti che sfiora il palo e meriterebbe il gol per coraggio e coordinazione. Il centravanti del Sassuolo non gioca più solo spalle alla porta, Immobile parte largo per tagliare al centro ed ecco che gli spazi si aprono. Provano a sfruttarli prima Florenzi con un destro al volo dal limite, ribattuto all’11’, poi ancora il romanista in combinazione con Zaza (13′). Il quale ci prende gusto: ritenta una rovesciata in area, poi al 23′ si mangia il gol del raddoppio da due passi, mettendo fuori un cross di rasoterra di Darmian. Vivaci le proteste degli azeri, perchè a terra era rimasto Nazarov, autore un paio di minuti prima dell’unico tiro che aveva impegnato Buffon. Esce Pirlo al 26′, ed e’ ovazione per lui, al suo posto Aquilani. Sarà un caso, ma subito dopo l’Italia rischia su un pasticcio di Ranocchia che rimedia in angolo: ma e’ da lì che nasce il patatrac, Chiellini per anticipare Aliyev ruba il tempo sulla linea a Buffon e accompagna in rete l’incredibile 1-1. Conte urla ai suoi avanti, mette Giovinco per Florenzi subito e una manciata di minuti dopo Candreva per Darmian. Dal piede del primo nasce la palla del riscatto personale di Chiellini: ancor più incredibile, ma e’ di nuovo di testa che il difensore segna, per il 2-1 definitivo. C’e’ tempo per un gran destro di Giovinco nel recupero, ma anche la traversa stasera dice che la serata e’ solo di Chiellini. Una vittoria piccola, che però fa tanto comodo all’Italia di Conte. (dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

21:39Cina: stretta sul golf, chiusi 111 campi ‘illegali’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - La Cina ha dichiarato guerra ai campi da golf "illegali", chiudendone 111 su 683 per violazioni che variano dall'utilizzo improprio di terreni agricoli o aree protette e fino all'eccessivo sfruttamento delle falde per l'irrigazione, senza dimenticare il peso che le strutture hanno come strumento di corruzione per i membri del Partito comunista. L'agenzia Nuova Cina, nell'annunciare il giro di vite deciso dalla National Development and Reform Commission (l'agenzia di programmazione economica), ha precisato che su altri 65 campi sono state imposte diverse restrizioni. La Cina ha formalmente lanciato lo stop ai nuovi green nel 2004 quando nel Paese ce ne erano meno di 200 che, al contrario, sono più che triplicati. Il golf è finito nel mirino della campagna anti-corruzione del presidente Xi Jinping al punto che il Partito comunista ha "invitato" nel 2015 i 88 milioni di iscritti a non calpestare il green, paragonando lo sport a cattive abitudini non conformi ai principi di condotta e morali del Pcc.

Archivio Ultima ora