Approvata Legge Stabilità, manovra da 36 miliardi

Pubblicato il 15 ottobre 2014 da redazione

ROMA. – Una manovra da 36 miliardi di euro, espansiva e studiata con l’obiettivo preciso di abbassare le tasse, arrivate ad un livello che, secondo la definizione di Matteo Renzi, è ormai “pazzesco”. La legge di stabilità 2015 parte da qui, dalla posizione di “persone normali”: dalla volontà di far ripartire l’economia italiana, abbattuta da 3 anni di mancata crescita, di rilanciare l’occupazione e di risollevare famiglie e imprese con un taglio, drastico, della pressione fiscale. Gli 80 euro del dl Irpef sono stati solo un antipasto. Nel 2015 arriverà “la più grande riduzione di tasse mai fatta da un governo nella storia della Repubblica”, ha assicurato il premier, annunciando 18 miliardi di tagli complessivi, destinati a famiglie e imprese. Se quest’anno ci si è concentrati più che altro sulle famiglie per rilanciare i consumi, l’anno prossimo è anche sul lato investimenti, la seconda essenziale gamba della crescita, che si porrà tutta l’attenzione possibile. Al centro ci saranno le aziende e quindi l’Irap. La strada scelta è quella della decontribuzione della componente lavoro, con un impatto di cassa di 5 miliardi, che di traduce però in un ulteriore sconto a regime negli anni successivi che porta il totale dell’ operazione a 6,5 miliardi. Le imprese potranno inoltre contare su agevolazioni per le assunzioni a tempo indeterminato per quasi 2 miliardi di euro e su un nuovo credito d’imposta per ricerca e sviluppo. I lavoratori si vedranno confermato il bonus da 80 euro con minori entrate per lo Stato di 9,5 miliardi e le famiglie potranno contare su 500 milioni di euro di detrazioni. Quasi un milione di partire Iva sotto i 15.000 euro, “anzichè spendere centinaia di euro di commercialista o decine di euro per altre spese”, potranno inoltre utilizzare un regime forfettario, con un alleggerimento di 800 milioni di euro. Una fetta da quasi 7 miliardi servirà per rifinanziare le cosiddette spese indifferibili (missioni di pace, 5 per mille, autostraporto ecc…) e 3 miliardi saranno necessari, come previsto, per evitare il taglio delle detrazioni lasciato in eredità dal governo Letta. L’operazione Tfr si farà, o almeno così lasciano intendere i 100 milioni di garanzia pubblica previsti tra le “uscite” della manovra, così come saranno stabilizzati i precari della scuola. Un’altra voce monstre è però quella che il governo si è lasciato nelle cosiddette “riserve”: 3,4 miliardi su cui Renzi e il ministro Padoan non si sono sbilanciati ma che potrebbero essere usati “anche per il consolidamento” del rientro dell’indebitamento. Anche perche’ da Bruxelles hanno fatto sapere che ricalcoleranno, in base alle nuove stime, lo ”sforzo” che l’Italia dovra’ fare per il 2015. In pratica per il percorso di risanamento dei conti pubblici, che l’Italia sta cercando di “ritrattare”, abbassando il più possibile gli obiettivi da raggiungere in termini di saldo strutturale di bilancio. Roma rispetterà il parametro del 3%, ha ribadito ancora una volta il premier, ma sul resto chiederà di avvalersi delle “circostanze eccezionali: riforme strutturali e situazione economica”, tali da derogare al fiscal compact. Fin qui la manovra in “uscita”. Per le entrate il governo punta, come già segnalato nell’aggiornamento del Def, su 11 miliardi di deficit e su una fetta ancora più consistente di spending review. I tagli non saranno quelli ipotizzati da Cottarelli, ma addirittura superiori, puntualizza quasi piccato Renzi: 2,5 miliardi sono quelli già contabilizzati nel dl Irpef, 6,1 arriveranno dai risparmi dello Stato (compresi i ministeri), 4 dalle Regioni, 1,2 dai Comuni (che potranno però contare su un sostanzialmente equivalente allentamento del patto di stabilità) e 1 dalle Province. La carta nella manica del governo potrebbe essere però quella della lotta all’evasione fiscale. La previsione è di ricavarne 3,8 miliardi. La reverse charge Iva frutterà 900 milioni, ma a cambiare sarà innanzitutto il metodo, con controlli incrociati delle banche dati. Un capitolo a parte, poi, sarà rappresentato da una maggiore tassazione sulle rendite finanziare: ”un capitolo del riequilibrio rispetto alle tasse sul lavoro”, spiega Renzi. Ma, in soldoni, le fondazioni pagheranno 450 milioni in più, altrettanto i fondi pensione e 300 milioni arriveranno dalle ”rivalutazione” dei cespiti. In tutto 1,2 miliardi che sommati ai tagli già fatti arrivano 3,6 miliardi. (di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora