Crolla il petrolio, è guerra Opec contro Usa

Pubblicato il 16 ottobre 2014 da redazione

ROMA. – La motivazione ufficiale data dagli eredi di John D. Rockfeller, fondatore della dinastia che ha costruito una fortuna immensa grazie alla Standard Oil, è che hanno deciso di aderire alla guerra contro i cambiamenti climatici puntando sulle energie rinnovabili e dicendo addio al petrolio. Risultato: circa 860 milioni d’investimenti in dollari che cambiano destinazione. Resta il fatto che il cambio di passo arriva nel momento giusto, con le quotazioni dell’oro nero che stanno rapidamente perdendo quota. Il prezzo del brent era inchiodato da tempo sopra i 100 dollari al barile e, nel giugno scorso, ha superato come media mensile i 111 dollari. Poi ha cominciato a perdere quota, in rapida progressione: -9% in agosto, -12,8% in settembre, -18,5% in ottobre con tendenza a diminuire ancora (sempre rispetto ai valori del giugno precedente). Così l’inversione di tendenza si sta trasformando in crollo dei prezzi. E conseguenze non trascurabili sono attese sulla industria manifatturiera europea, con effetti positivi perché significa taglio dei costi, più o meno significativi in quanto dipende dai consumi di energia. Una boccata di ossigeno che, di questi tempi, risulta quanto mai gradita anche se da sola non basterà per dare la spinta necessaria a ritrovare la strada dello sviluppo economico. La caduta dei prezzi ha motivazioni strutturali e un responsabile più responsabile di tutti. La ragione di base è che lo scenario internazionale, per un motivo o per l’altro, è di crisi generalizzata o perdita di slancio. L’industria manifatturiera della vecchia Europa procede a ritmo ridotto, perfino la marcia trionfale della Germania si è interrotta, la Cina continua a crescere ma con il freno a mano tirato. Inevitabile, di conseguenza, che la domanda di petrolio sia entrata in fase calante. Il tutto proprio quando i pozzi dell’area orientale della Libia sono tornati a pompare greggio portando da 400-500 mila barili a quasi un milione le quantità prodotte in soli quattro mesi, a partire da giugno. In passato sarebbe scattato il piano d’emergenza previsto dai principali Paesi produttori, con il taglio delle quantità di barili messi sul mercato. La trafila è semplice e di sicuro effetto: meno domanda significa caduta dei prezzi,che però si blocca se l’offerta viene diminuita. Il problema è che, questa volta, c’è chi non è stato al gioco: l’Arabia Saudita, che ha scelto di non diminuire la produzione. Anzi, l’ha perfino aumentata compensando i minori guadagni provocati dalla diminuzione delle quotazioni con più barili immessi sul mercato. E l’esempio è stato seguito sia dal Qatar sia dal Kuwait. A fine novembre la riunione dell’Opec servirà a capire se l’accordo tra i produttori lasciato intravedere un mese fa da Abdullah al-Badri, il segretario generale, è davvero possibile. Le sue dichiarazioni, peraltro, sono state subito seguite da una puntualizzazione di Suhail bin Mohammed al-Mazroui, ministro dell’Energia degli Emirati arabi uniti, secondo cui era troppo presto per anticipare quali decisioni avrebbe preso l’organizzazione. Resta il fatto che, per il momento, l’accordo non c’è e i prezzi del petrolio continuano a scendere. “C’è un conflitto evidente interno all’Opec – spiega l’economista Giulio Sapelli – con i sauditi che, insieme ai loro alleati, puntano a far scendere i prezzi del petrolio per mettere fuori gioco la produzione di shale oil americana e con gli iraniani schierati sul fronte opposto. Insomma una situazione in cui tutte le contraddizioni della politica estera americana emergono con evidenza”. Negli Stati Uniti lo shale oil, cioè le nuove tecniche che consentono di ricavare il greggio da rocce, raggiunge il break even quando il petrolio vale almeno 60-80 dollari al barile. Per i sauditi ostacolare l’utilizzo delle nuove tecnologie diventa vitale perché le potenzialità americane permettono, almeno sulla carta, di superare proprio la produzione dell’Arabia Saudita, finora leader incontrastato. Un sorpasso possibile, secondo alcune previsioni, tra non molti anni, nel 2020. Certo che i prezzi del greggio in caduta libera lasciano il segno, nel caso specifico non positivo, anche sui bilanci delle società petrolifere, compreso l’Eni. Se dovesse stabilizzarsi intorno a 90 dollari al barile, significherebbe su base annuale 2,5 miliardi di profitti in meno, da cui però andrebbero sottratti i vantaggi legati alla rivalutazione del dollaro sull’euro (perché l’Eni vende in dollari il greggio estratto) e i benefici per minori costi nelle attività del gruppo che hanno il petrolio come materia prima (cioè chimica di base e raffinazione). Il conto finale, dicono fonti vicine all’Eni, scenderebbe così significativamente. Il rischio invece, per l’economia europea, è che i vantaggi ottenuti dal crollo delle quotazioni del greggio svaniscano perché nello scenario attuale il nemico numero uno è la deflazione, che rischia perfino di essere accentuata dal calo dei prezzi petroliferi. (Fabio Tamburini/Ansa)

  • wavettore

    Tutto quello che succede in Arabia Saudita non potrebbe essere discusso nemmeno dal presidente Americano a causa di una sola persona, George H. Bush. Non c’e’ dubbio che viviamo in un Mondo Sionista ed essere Sionista non ha niente a che fare con le Religioni. Un re “Musulmano”, un Bush “Cristiano” ed un primo ministro Israeliano condividono da buoni amici lo stesso Credo: il Sionismo ed il loro Credo in un “popolo scelto”. Per l’Ego Supremo del Nuovo Ordine del Mondo ogni suddito e’ semplicemente uno strumento per il suo piacere. E da Lui a scendere che si forma quella sacrosanta Piramide. Infatti qualche tempo fa’ l’adorazione dei faraoni avveniva proprio dal costante terrore dei suoi sudditi qualora una tale Potenza fosse riversata contro uno di loro. Oggi’ e’ una vecchia nostalgia che porta il Sionista con i suoi droni ed il suo terrore a voler giocar da Dio.

    Esiste una sola mossa per opporsi ad un Mondo di schiavi.

    http://www.wavevolution.org

Ultima ora

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

Archivio Ultima ora