Iran, nessun perdono per Reyhaneh. Non vuole smentire il tentato stupro

Pubblicato il 16 ottobre 2014 da redazione

ROMA. – Appesa ad un filo più che mai la vita di Reyhaneh Jabbari, la giovane iraniana condannata all’impiccagione per aver ucciso un uomo che avrebbe tentato di violentarla. In un ultimo incontro con i familiari della vittima, le è stato infatti negato il perdono richiesto, necessario per commutare la pena in detenzione. A riferire dell’incontro la versione in persiano del sito “notonemoreexecution.org”. Era l’ultima possibilità per la giovane donna, per la quale l’esecuzione è stata rinviata più volte, in aprile ed a fine settembre. Il perdono è parte integrante del diritto iraniano, che prevede che il condannato paghi alla famiglia della vittima “un prezzo del sangue” (“diyeh”) se questa acconsente alla revoca della pena capitale. Ma il figlio della vittima ha negato il perdono perchè vuole che la ragazza smentisca il tentativo di violenza, restituendo così l’onore alla memoria del padre. Una smentita che però la ragazza non ha voluto dare. Il presidente dell’europarlamento Martin Schulz ha scritto nei giorni scorsi una lettera al presidente del parlamento iraniano Ali Larijani, esprimendo la “grave preoccupazione” dell’assemblea. Nella missiva emersa nelle ultime ore Schulz ha chiesto per la giovane “un trattamento umano nel rispetto del diritto internazionale”.  Secondo l’autorevole quotidiano moderato Hamshari, quello reso noto mercoledì è il secondo di due incontri tra i familiari della vittima e quelli di Reyhaneh, e stavolta era presente anche la stessa giovane. Ma il giudice interpellato dal quotidiano ha riferito che proseguono ancora i tentativi per ottenere il perdono. La vicenda della giovane è stata complicata, emerge ancora dal quotidiano, da una serie di falsità che sarebbero state pubblicate sul caso e da un clima antigovernativo alimentato da alcuni siti. All’incontro, ha confermato al sito di Radio Vaticana Taher Djafarizad, portavoce dell’organizzazione “Neda Day”, erano presenti due esponenti del governo iraniano, i genitori e l’avvocato di Reyhaneh, e il figlio maggiore della vittima. La madre di Reyhaneh ha supplicato l’uomo di perdonare la figlia, ma questa, ha sottolineato Djafarizad, “preferisce essere impiccata che dire una bugia”. Reyhaneh era stata arrestata nel luglio 2007, quando aveva 19 anni, per aver ucciso con una coltellata alla schiena l’ex funzionario dell’intelligence Morteza Sarbandi, che l’avrebbe condotta in un appartamento disabitato. Per la sua salvezza è partita una campagna su Facebook che ha raccolto 200 mila adesioni, si sono mobilitate organizzazioni come Amnesty International e vi è anche l’attenzione dell’Onu e della Ue, mentre il ministro degli Esteri Federica Mogherini ha di recente auspicato che la sentenza sia riesaminata nel rispetto delle procedure iraniane. Nel sostenere che “la repentina accelerazione” degli eventi “è sicuramente motivata” dalla volontà di Teheran di mettere l’opinione pubblica internazionale di fronte al fatto compiuto, il senatore del Pd Lodovico Sonego ha dichiarato in una nota che “è decisivo” proseguire la “mobilitazione internazionale” anche “in queste ore”. In un ultimo tentativo di convincere la famiglia dell’ucciso al perdono, i parenti di Reyhaneh – la cui madre è una nota attrice di teatro – avevano promesso di istituire una fondazione intitolata alla vittima e di radunare i personaggi dell’arte e dello spettacolo in un evento pubblico in sua memoria. La stessa ragazza aveva scritto una lettera alla famiglia di Sarbandi, chiedendo perdono per il dolore arrecato a ciascuno di loro. Ma la contropartita richiesta dai familiari, evidentemente, è per lei troppo alto.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora