Onu: Venezuela nel  Consiglio di Sicurezza

CARACAS. – María Gabriela Chavéz la più giovane e forse preferita tra le figlie di Hugo Chávez, siederà dal primo gennaio in Consiglio di Sicurezza. Infatti il Venezuela è stato eletto per il biennio 2015/16 nel massimo organo di governo del mondo e María Gabriela, anche se politicamente alle prime armi, avrà il suo posto d’onore in quanto vice-ambasciatrice al Palazzo di Vetro. Una vittoria peraltro già scontata, dal momento che il Venezuela era già da qualche mese il candidato unico dei 33 paesi dell’America Latina e dei Caraibi. Ed è stato così in un’elezione senza storia: Caracas ha ottenuto 181 voti – “Un trionfo dedicato a Hugo Chávez, nonostante una campagna maligna contro di noi”, ha salutato il successo venezuelano il ministro degli esteri Rafael Ramírez – e da gennaio i suoi rappresentanti siederanno per un biennio nel Consiglio a fianco delle altre “new entry”, Angola (190 voti su 193 paesi membri), Malesia (187), Nuova Zelanda (145) e Spagna (132), eletta al terzo ballottaggio contro la Turchia. Al cardiopalma, non avendo raggiunto il quorum dei due terzi dei votanti, è stato il ballottaggio tra Spagna e Turchia per uno dei due posti in palio (l’altro è andato a Wellington) per il “gruppo occidentale e altri”. I nuovi membri subentreranno a Argentina, Australia, Lussemburgo, Corea del Sud e Ruanda mentre restano per un altro anno Ciad, Cile, Giordania, Lituania e Nigeria. Fanno parte del Consiglio di Sicurezza 15 membri, dieci dei quali non permanenti mentre Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e Russia e Cina siedono in permanenza con diritto di veto nel massimo organo di governo politico dell’Onu.

 

Condividi: