7-1 incubo Champions, il Bayern schianta la Roma

Pubblicato il 21 ottobre 2014 da redazione

ROMA. – Roma schiantata. Doveva essere la notte dei sogni, si è trasformata in incubo: davanti al Bayern che tutto può, i giallorossi nulla fanno. E rivivono l’umiliazione dell’Old Trafford del 2007: 7-1 come allora con il Manchester, e cinque gol presi in appena mezzora: inerti contro una squadra messa in campo come un’orchestra nel golfo mistico, capace di suonare senza mai stonare. Così l’attesa sfida di Champions, quella che ha portato allo stadio più di 60mila spettatori, è un assolo dei bavaresi, con Pep Guardiola che non sbaglia una nota e Robben si erge a monumento. Il confronto è impietoso: i campioni di Germania, che proprio a Roma due anni fa avevano sollevato la coppa dei campioni, fanno tornare di colpo piccola la squadra di Garcia: sparisce il capitano dei record, per Francesco Totti 45′ di anonimato, non pervenuta anche la diga di centrocampo. Un film già visto, nella Champions di sette anni fa. Ma i cinque gol presi a metà gara sono da record, e sempre negativo: mai un’italiana era stata travolta così in Coppa. E mai aveva perso così ampiamente in casa. Anche per Garcia il confronto con il Bayern è ancora di quelli che fanno male: sulla panchina del Lille ne aveva presi sei. Una notte da dimenticare per la Roma, cominciata con il forfait di Maicon, rimasto fuori per un problema al ginocchio. Un presagio, chissà, per evitare di rivivere il triste 7-1 del suo Brasile con la Germania ai mondiali. Al suo posto nel reparto difensivo giallorosso il greco Torosidis, chiamato a completare il reparto assieme al connazionale Manolas, a Yanga-Mbiwa (preferito ad Astori) e all’inglese Cole. Nessuna sorpresa, invece, a centrocampo (De Rossi, Pjanic, Nainggolan) e in attacco, con il tridente e Totti pronto a innescare la velocità di Iturbe e Gervinho. Nel Bayern, nonostante le voci della vigilia che lo volevano fermo ai box per evitare l’accoglienza ostile dell’Olimpico, l’ex Benatia fa il titolare (e lo fa bene) nella difesa bavarese con Boateng e Alaba. In attacco Lewandowski con accanto da una parte Goetze e dall’altra Mueller. E Robben un jolly capace di scompigliare i deboli schemi giallorossi. Nemmeno dieci minuti per studiarsi infatti e il Bayern si porta in vantaggio: Robben fa tutto da solo, vince la facile resistenza di Cole, in balia di Lahm e dello stesso Robben, e con un sinistro a giro trova l’angolo imprendibile per De Sanctis. Passa un minuto e la Roma sfiora il pari: ma su Gervinho il miracolo lo fa Neuer. E quella che sembra essere la reazione della squadra di Garcia è invece l’unico lampo nella notte fonda dei giallorossi. Poi è solo Bayern. Passano appena due minuti e comincia la goleada: il raddoppio lo firma Goetze, che trasforma in oro il tacco di Mueller. 2-0 ed è solo l’inizio. Il terzo è di Lewandoski, Yanga-Mbiwa incapace di opporre resistenza, e per i tedeschi l’accesso alla porta è ancora un’autostrada. La Roma annientata si mette alla finestra: fanno tutto i bavaresi, assolutamente non sazi nonostante il risultato. Robben è scatenato e ancora al 30′ si ripropone con un’azione personale, scatta alle spalle di Cole e di nuovo di sinistro batte De Sanctis per la sua doppietta. C’è spazio anche per il quinto, e di minuti ne sono passati solo 35′: Manolas scivola in area e tocca con il braccio la palla. Il direttore di gara Eriksson indica il dischetto, va Mueller e segna. Nel secondo tempo Garcia mette Florenzi al posto di un inesistente Totti e Holebas per il pessimo Cole. Nonostante la manita a pesare sulle spalle Gervinho non si dà pace: ci prova una prima volta centrando il palo, e una seconda con Neuer che lo mura ancora. Alla terza finalmente trova il gol di testa (ma è fuorigioco) su assist di Nainggolan. Mostra il cuore con le mani. Ma non basta. Il Bayern affonda ancora: c’è spazio per Ribery e Shaqiri, appena entrati per il 7-1. Roma schiantata, l’Europa fa ancora male. (di Alessandra Rotili/ANSA)

Ultima ora

11:47Belpietro assolto per titolo ‘Bastardi islamici’

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Maurizio Belpietro, ora direttore de 'La Verità', è stato assolto dall'accusa di "offese a una confessione religiosa mediante vilipendio di persone", aggravate dalla finalità di odio razziale, per il titolo 'Bastardi islamici' che comparve su Libero, quotidiano all'epoca da lui diretto, il 13 novembre 2015 dopo la strage di Parigi. Lo ha deciso il Tribunale di Milano.

11:44Usa: ancora tanti voli cancellati a Atlanta dopo blackout

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I voli all'aeroporto di Atlanta dovrebbero riprendere stamane alle 6 locali (le 12 in Italia), dopo il blackout di ieri che ha lasciato a terra migliaia di persone. Lo riferisce la Bbc. Ma anche oggi sono previste centinaia di cancellazioni. Georgia Power, la società che fornisce l'elettricità allo scalo americano, ha spiegato che il black out sarebbe stato provocato da un incendio in un impianto sotterraneo, forse per un corto circuito. L'interruzione della corrente, durata molte ore, ha provocato la cancellazione di oltre mille voli, e centinaia di cancellazioni sono previste ancora oggi. Quello di Atlanta è uno degli scali più trafficati del mondo, con 2500 voli e una media di 275 mila passeggeri al giorno.

11:40Calcio: Oddo, Milan si mostri club forte e protegga Gattuso

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - OIl - Il Milan protegga Gattuso. Così Massimo Oddo, allenatore dell'Udinese, ai microfoni di 'Radio anch'io sport', tende una mano al suo collega del Milan ed ex compagno nella Nazionale che vinse il Mondiale 2006 a Berlino. Rispondendo a una domanda sulla situazione del Milan, il tecnico dell'Udinese ha detto: "non mi permetto di giudicare altri, peraltro Gattuso è un mio amico, poi non conosco le cose. Quando si cambia allenatore ci sono problematiche che non sono mai le stesse -ha aggiunto Oddo, subentrato a Delneri sulla panchina dell'Udinese - Bisogna solo essere realisti mettersi a testa bassa e lavorare. Io sono stato fortunato a trovare un gruppo che ha reagito subito e fare dei risultati, sono stato aiutato da questi. Gattuso ha cominciato un lavoro. Il Milan dimostri di essere una società forte e lo protegga".

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

Archivio Ultima ora