40 anni fa Ali-Foreman, “Il combattimento” che divenne leggenda

Pubblicato il 22 ottobre 2014 da redazione

ROMA. – Chi dice pugilato pensa subito ad Ali-Foreman. Anche quarant’anni dopo. Quello del 30 ottobre 1974 a Kinshasa rimane ‘Il combattimento’, come da titolo del libro che ne trasse il grande Norman Mailer, il più importante che la nobile arte abbia mai prodotto. E’ qualcosa che ha segnato una generazione di amanti dello sport, e rimarrà un ricordo incancellabile dell’epoca in cui sul ring salivano dei Re. Ne sono stati tratti libri, non solo quello del celebre scrittore americano frequentatore abituale degli incontri del ”Più Grande”, Ali, e poi film, storie a fumetti, perfino opere d’arte, a testimonianza di un qualcosa diventato leggenda. Così nell’anno in cui l’Olanda mostrava a tutti le meraviglie del calcio totale in un Mondiale perso in finale con la Germania, l’altra immagine incancellabile del 1974 rimane questa sfida del ring: quando il pugilato, grazie ai personaggi che aveva, era capace di fare concorrenza al calcio. ‘Rumble in the jungle’, rissa nella giungla, il superincontro trionfo della ‘negritudine’ che il dittatore megalomane dello Zaire Mobutu Sese volle ospitare garantendo ai due contendenti una borsa, stratosferica per quell’epoca, di 5 milioni di dollari a testa. “E’ stata la cosa più grande che abbia fatto nella mia vita, l’orgoglio del popolo nero”, disse (e ripete ancora oggi) il promoter Don King. Ma soprattutto è stata una magia irripetibile, per l’atmosfera che avvolse il match e per lo spessore dei due contendenti. L’uno contro l’altro in un incontro che avrebbe dovuto svolgersi 6 settimane prima ma venne rinviato per una ferita riportata in allenamento da Foreman: erano l’ex campione che non voleva più essere chiamato Cassius Clay e dai bookmaker veniva dato per sfavorito, e quel ‘Big George’ che – come Ali a Roma ’60 – aveva vinto nel 1968 l’oro olimpico e poi si era confermato un campione anche tra i professionisti, con meno stile rispetto al rivale ma grazie alla ‘dinamite’ dei suoi colpi. Era quindi il match tra l’uomo dal pugno d’acciaio, il massacratore del ring che aveva fatto letteralmente volare via uno come Joe Frazier, contro il fuoriclasse che danzava come una farfalla e pungeva come un’ape: insomma, due modi opposti di concepire la boxe. E probabilmente anche la vita, perchè Foreman, all’epoca ardente patriota, non avrebbe mai rifiutato di andare in Vietnam, come fece Ali, e per questo era ben visto da buona parte dell’opinione pubblica americana, desiderosa che ci fosse qualcuno che tappasse finalmente la bocca al ‘Labbro di Louisville’, quel fuoriclasse che non stava mai zitto e adorava declamare poesie non tutte frutto della sua immaginazione. Ma in Africa era diverso. Ali si sentiva tornato a casa, e stava in mezzo alla gente, parlava senza sosta incantando quei tifosi pazzi di lui che gli urlavano “Ali Boma ye”, ‘Ali uccidilo’, perchè secondo il popolo dello Zaire, e delle baracche vicine al fiume Congo, quel colosso di poche parole, ovvero Foreman, era diventato un traditore, il nero che si era venduto ai bianchi diventando quasi uno di loro. Così a Kinshasa era rimasto solo e poco amato: all’arrivo scendendo dalla scaletta dell’aereo si era fatto precedere da un pastore tedesco, proprio il tipo di animale che, quando il Congo era una colonia belga prima di diventare Zaire, era usato dagli occupanti come cane poliziotto per le spedizioni punitive. Poi, finalmente, il match: le prime sei riprese erano state un tormento per Ali, martellato dai colpi dell’avversario. Ma il ‘Più Grande’ aveva imparato ad alzare la soglia del dolore facendosi colpire ripetutamente, in allenamento, dallo sparring partner Larry Holmes. Ali aveva fatto sfogare il nemico; nell’ottava ripresa inventò il proprio capolavoro, sotto forma di una serie di colpi chiusa da un micidiale destro che costrinse alla resa il rivale. Così quella notte riconquistò il titolo dei massimi e sotto la pioggia di Kinshasa venne di nuovo proclamato Re, e uomo più forte della terra. “Dopo averlo tanto odiato, adesso io amo Ali – dirà Foreman molti anni dopo, quando la Fede aveva cambiato la sua vita -: è stato l’ uomo migliore che abbia mai avuto la boxe, mentre io sono stato solo uno che picchiava gli altri”. In realtà ‘Rumble in the Jungle’ è stata una delle maggiori imprese sportive di tutti i tempi: l’intelligenza e la furbizia ebbero la meglio sulla forza bruta. E l’arte della boxe fu nobile per sempre. (di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

12:21Pedopornografia: 53% bambini abusati ha 10 anni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il 53% dei bambini abusati e sfruttati per produrre sul web contenuti pedopornografici ha 10 anni o meno. A segnalare il dato "sconcertante, ma allo stesso tempo inferiore al 69% del 2015" è l'Unicef nel suo rapporto sulla "Condizione dell'infanzia nel mondo 2017: figli dell'era digitale". E' in aumento il numero di immagini di bambini dagli 11 ai 15 anni : dal 30% nel 2015 al 45% nel 2016. E 9 Url con contenuti pedopornografici su 10 identificati a livello mondiale sono localizzati in 5 paesi: Canada, Francia, Olanda, Russia e Usa.

12:20Arabia Saudita: riaprono i cinema, dopo 35 anni

(ANSA) - RIAD, 11 DIC - L'Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni. Lo hanno reso noto le autorità del regno. Secondo quanto è stato reso noto, oggi è stata approvata una risoluzione che spiana la strada alla concessione di licenze per i cinema commerciali. I cinema nel regno saudita vennero chiusi negli anni Ottanta, in seguito ad una svolta di carattere ultraconservatore che ora il principe ereditario Mohammed bin Salman sembra intenzionato ad invertire, con una serie di riforme che prevedono significative aperture sociali. Tra cui la revoca, dal prossimo anno, del divieto alle donne di guidare le automobili. Secondo fonti governative, i primi cinema saranno aperti prevedibilmente dal marzo del prossimo anno.

12:17Calcio: rissa dopo derby Manchester, colpito anche Mourinho

(ANSA) - LONDRA, 11 DIC - Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri, dopo la vittoria del City sullo United: a farne le spese Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare "maggiore rispetto" verso la 'sua' squadra. Il portoghese è stato subito affrontato dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto, degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoi' giocatori. Ne è nata una maxi-rissa. Secondo i media nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens, Mikel Arteta, assistente di Guardiola, ha subito le conseguenze peggiori: per lui una ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari.

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

Archivio Ultima ora