Venezuela risponde alle accuse dell’Onu

Pubblicato il 22 ottobre 2014 da redazione

CARACAS – Nei giorni scorsi, dopo un’attenta analisi del documento emanato dall’ufficio incaricato di studiare gli arresti arbitrari, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, attraverso il suo commissario Zeid Ra’ad Al Hussein, aveva intimato al Venezuela di liberare i leader Leopoldo López e Daniel Ceballos.

Pareva che la richiesta dell’importante funzionario delle Nazioni Unite fosse caduta nel vuoto ed invece non é stato cosí. Il ministero degli Esteri venezuelano, infatti, attraverso una lettera ufficiale inviata all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, ha accusato Zeid Ra’ad Al Hussein di eccedere dalle sue funzioni. Nella lettera si considerano insensate le dichiarazioni del Commissario dell’Onu che, si afferma, si é fatto eco di una campagnadi notizie false e diffamanti nei confronti del Paese. Inoltre, si sostiene che il commissario ha agito senza conoscere i limiti delle sue funzioni.

Il ministero degli Esteri ha ribadito che López e Ceballos sono in prigione e processati per aver istigato alla violenza e aver cercato di destabilizzare il Paese.

E mentre la polemica tra il Venezuela e l’Onu promette nuovi colpi di scena, il costo della vita continua inarrestabile nella sua folle corsa. Stando al Cendas-FMV il carrello della spesa a settembre ha raggiunto i 14.080 bolívares; una cifra equivalente a piú di  tre salari  minimi di un operaio. L’aumento di settembre, sempre secondo il Cendas-FMV, é stato di 598 mila bolívares,  cioé del 4,4 per cento.

Ultima ora

15:58Ostia, prefetto: bando su bagnini deserto

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Il primo maggio si apre la stagione balneare, finalmente trasparenza e legalità e il giusto merito a chi ha lavorato. Il progetto riguarda tutto il lungomare, questa è una spiaggia aperta e importante senza muri che può essere riconsegnata a romani e gestita in modo appropriato. Veniamo qui a vedere il mare". Lo ha detto il capogruppo del M5S in Campidoglio Paolo Ferrara che con la sindaca Virginia Raggi ha raggiunto il mare di Ostia. Il prefetto Vulpiani ha sottolineato che "abbiamo avuto un bando per bagnini che è andato deserto perché qualcuno ha voluto che non partecipassero a questo bando, in una città che è piena... Ma non ci facciamo intimidire, i bagnini li troveremo, li abbiamo trovati e stiamo già facendo un piano". Raggi ha aggiunto: "Vulpiani ha iniziato a farci vedere la relazione sul litorale. Stanno lavorando molto sugli stabilimenti e sulle spiagge libere, su cui nel corso del tempo evidentemente ci sono state gestioni poco chiare. Stiamo ripristinando la legalità".

15:57Pd: Emiliano, grande coalizione? Sì con M5s, no con Fi

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Un governo di larga coalizione potrebbe essere ipotizzato con M5s e non con Forza Italia. Lo ha detto Michele Emiliano a Repubblica.Tv. Interpellato sulla prospettiva di un Governo di grande coalizione, Emiliano ha osservato: "Berlusconi è un'alternativa secca al Pd, M5s no". Quindi, è stato chiesto, lei sarebbe disponibili a questo tipo di governo con i pentastellati? "Non c'è dubbio - ha risposto - perché in M5s ci sono milioni di elettori che vengono dalla sinistra".

15:53E’ morto l’ex sindaco di Bologna Giorgio Guazzaloca

(ANSA) - BOLOGNA, 26 APR - E' morto l'ex sindaco di Bologna Giorgio Guazzaloca. Da tempo malato, aveva 73 anni ed era ricoverato all'ospedale Sant'Orsola. Era stato alla guida del capoluogo emiliano per un mandato, dal 1999 al 2004. Guazzaloca è stato il primo e unico sindaco di Bologna non espressione della sinistra di tutto il dopoguerra. Fu eletto nel 1999 quando, alla guida di una lista civica e con il sostegno dei partiti di centrodestra, riuscì nella storica impresa di vincere al ballottaggio contro Silvia Bartolini, candidata per la sinistra. Cinque anni dopo venne sconfitto da Sergio Cofferati.

15:53Reporters sans Frontieres, tra i problemi Italia c’è Grillo

(ANSA) - ROMA, 26 APR - In Italia "il livello di violenze contro i reporter (intimidazioni verbali o fisiche, provocazioni e minacce) è molto preoccupante, mentre alcuni responsabili politici - come Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle - non esitano a comunicare pubblicamente l'identità dei giornalisti che danno loro fastidio". E' uno dei problemi indicati da Reporters sans Frontieres nella sua classifica annuale sulla libertà di stampa, che vede comunque l'Italia guadagnare 25 posizioni, dal 77esimo al 52esimo posto.

15:51Calcio: Maurizio Sarri vince il Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 26 APR - E' Maurizio Sarri il vincitore della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il tecnico del Napoli è stato scelto dalla giuria, riunitasi stamane presso la sede Nazionale delle Acli a Roma, presieduta dal numero uno della Federcalcio, Carlo Tavecchio, oltre che, in qualità di presidenti onorari, dall'ex presidente della Figc, Giancarlo Abete, e l'ex numero uno dell'Us Acli Marco Galdiolo. Nell'albo d'oro del prestigioso premio Sarri succede a Cesare Prandelli, Walter Mazzarri, Vincenzo Montella, Carlo Ancelotti, Massimiliano Allegri e Claudio Ranieri, quest'ultimo vincitore della passata edizione. La cerimonia di consegna si svolgerà al Salone d'Onore del Coni a Roma il 30 maggio alle ore 15 e sarà ripresa dalle telecamere della Rai e trasmessa lo stesso giorno alle ore 23 su Rai Sport HD.

15:46Calcio: Serie B, sei giocatori squalificati per una giornata

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Sei giocatori sono stati squalificati per un turno dal giudice sportivo di Serie B, Emilio Battaglia, in relazione alle gare della 38/a giornata (17/a di ritorno). Si tratta di Luigi Castaldo (Avellino), Jacopo Dall'Oglio (Brescia), Alessandro Longhi (Pisa), Biagio Meccariello (Ternana), Moses Odjer e Gabriele Perico (Salernitana), che erano tutti diffidati. Stop di un turno anche per il tecnico della Ternana Fabio Liverani e per il direttore sportivo dello Spezia Pietro Fusco. Per quanto riguarda le società, multa di 2.500 euro al Perugia per lancio di fumogeni da parte di suoi tifosi.

15:44Corte Strasburgo, ricorso Berlusconi a Grande Camera

(ANSA) - STRASBURGO, 26 APR - La Corte europea dei diritti dell'uomo vuole che a occuparsi del ricorso di Silvio Berlusconi contro la legge Severino sia la sua massima istanza, la Grande Camera, composta da 17 giudici. Lo rende noto la stessa Corte in un comunicato in cui dichiara che "le parti sono state informate e hanno un mese da oggi per presentare obiezioni debitamente motivate" contro questo orientamento. Solitamente all'esame della Grande Camera vengono sottoposte le questioni più importanti o complesse.

Archivio Ultima ora