Renzi strappa l’accordo della Ue sulla manovra

Pubblicato il 24 ottobre 2014 da redazione

BRUXELLES. – L’intesa con Bruxelles è fatta e “reggerà”. Matteo Renzi ha strappato il compromesso con l’Ue sulla legge di stabilità: l’Italia rivedrà la sua manovra adeguando la correzione del deficit strutturale allo 0,3%. Circa lo 0,2% in più di quanto aveva previsto, ma meno di quello 0,5% che sembrava essere il paletto europeo. Dopo fitti contatti a margine del vertice Ue – e quelli telefonici tra il ministro Padoan ed il commissario Katainen – la risposta alle richiesta della Ue è così imminente e forse partirà già domani, prevede via XX Settembre.  “La finanziaria, quella che riduce le tasse, è andata. Va bene anche all’Europa”, esulta il premier rientrando in Italia per la ‘Leopolda’ e mostrando i muscoli: “Hanno capito che non scherziamo”. Ma “l’Italia deve fare ciò che ha promesso”, aggiunge rilanciando il suo messaggio a ‘casa’. “Ora la vera sfida è il percorso di riforme. Saremo credibili se le faremo come promesso”. Renzi lascia il vertice Ue sferrando il suo attacco contro “l’euroburocrazia” e appena arrivato a Firenze aggiunge che “si tratta di fare dell’Europa un’istituzione più attenta a crescita e lavoro, che si occupi un po’ più delle famiglie, delle persone, e meno del rigore, dei vincoli”. Pronto a rimarcare che è inutile perdersi in “piccole discussioni sulle zero virgola”, mentre da Roma il capo dello Stato gli fa sponda: “E’ grave accapigliarsi sullo 0,1” e “dopo anni di austerity è giusto cambiare”, dice Napolitano. Per una svolta che il premier rivendica, ancora una volta, con forza: “Siamo un Paese che ha un’autorevolezza fuori discussione, che non viene a prendere lezioni o reprimende” da nessuno. “Rispettiamo tutti ma non ci faremo fermare da nessuno”, avverte. Dopo un vertice che ha visto scoppiare un’altra grana – quella dell’extra-budget docuta al nuovo sistema di calcolo del Pil, che a Paesi come la Gran Bretagna rischia di costare oltre 2 miliardi mentre all’Italia poco più di 300 milioni – Renzi parla di una discussione “come sempre molto tosta e accesa” sui problemi economici. Anche nel formato a 18 dell’eurosummit, cui ha partecipato anche il presidente della Bce Mario Draghi, che ha invitato i leader a ridare forza all’economia: “Tocca a voi”, ha detto, esortando ad accendere il motore degli investimenti. Perché Eurolandia “ha perso slancio”, la Bce sta facendo la sua parte ma “tutti insieme dobbiamo evitare la recessione”, ha ammonito il capo dell’Eurotower, invitando i 18 a “un calendario di impegni per le riforme da presentare entro dicembre”. Parole che hanno incassato il plauso della cancelliera Merkel, che da sempre trama per una sorta di ‘Reform pact’. La partita in Europa resta comunque tutta da giocare in vista del New deal che si apre con la Commissione Juncker, anche tra le pieghe di quel piano da 300 miliardi annunciato prima di Natale, dove si giocherà il match sulla flessibilità. “Sono molto portato” per le discussioni, scherza Renzi, precisando anche che “quando partono le procedure in Europa non partono con uno schiocco di dita” ma “richiedono mesi di discussioni e trattative”. All’orizzonte, data per scontata l’intesa sull’attuale legge di stabilità (su cui quei 3,2 miliardi in più per centrare lo 0,3% saranno attinti dal ‘tesoretto’ messo a riserva), potrebbero profilarsi però altre grane sul debito. Aver abbassato l’asticella della correzione del deficit significa infatti aver rallentato la riduzione del debito e i tempi di pareggio. Con il rischio di nuovi intoppi su cui l’Italia dovrà giocare – e riuscire a spuntare – altre mediazioni legate a quei fattori ‘rilevanti’, come il ciclo negativo, che sono tra gli strumenti di flessibilità che Roma vuol far valere. Il problema dell’Europa non sono gli extra-costi sul bilancio Ue ma “la tecnocrazia e la burocrazia”, tuona il premier, che smentisce di aver parlato oggi nel vertice di questi fattori come “arma letale” (l’aveva riferito Cameron), ma rilevando che “a volte ci sono riunioni, certi momenti in cui persino Adenauer e De Gasperi diventerebbero euroscettici…”. (dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

17:52Legge stabilità: M5S attacca Lotti

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "In questa legge di Stabilità il ministro Lotti ha provato a inserire alcune proposte che è stato incapace di mettere nero su bianco nell'ultimo anno in cui ha fatto il ministro part time. L'ultimo tentativo è stato quello di trasformare la sua legge salva-Malagò in un emendamento fatto firmare a un deputato di Scelta Civica": così il deputato del Movimento 5 Stelle Simone Valente su Facebook. "Per fortuna - nel rispetto dei regolamenti - la Camera ha ritenuto inammissibile quella norma - aggiunge Valente - perché nulla ha a che vedere con una legge come quella di Stabilità. Proveranno a inserirla nuovamente durante l'esame in Aula, noi ci opporremo in maniera durissima a una norma fatta solo per salvare il suo amico Malagò".

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

Archivio Ultima ora