… E scopri l’Italia tra gli italici del Venezuela

Pubblicato il 25 ottobre 2014 da redazione

CARACAS. – “Siamo italici perché abbiamo costruito tante piccole Italie nel mondo e ognuno diversa dall’altra.” Così si scrive in un post della pagina Facebook del progetto Italicos nato con l’idea di unire, promuovere  e comunicare la comunità italica nel mondo. Una pagina che nasce dalla sensibilità di alcuni italici venezuelani, in particolare di Alfredo D’Ambrosio, vice presidente della Camera di Commercio Italiana di Caracas e Beatriz Lopez, esperta in social network. (https://www.facebook.com/italicosenelmundo?fref=photo)

Ma il progetto ne affianca un altro, denominato Paseo italico, la passeggiata italica tra le regioni italiani in mostra, appunto, a Caracas.

Abbiamo avuto modo di partecipare al primo di questi eventi e pertanto di calarsi, per quanto possibile, in questo mondo italico Venezuelano.

Prima di partire ho chiesto a qualche amico quale idea avesse del Venezuela. La risposta è stata, pur non sapendo esattamente dove si trovasse, o almeno in quale parte dell’America Latina, che si tratta di un posto pericoloso. In effetti, alcune statistiche riportano Caracas come la terza città più violenta del mondo dopo San Pedro Sula in Honduras e Acapulco in Messico. Sono statistiche che variano secondo gli indicatori utilizzati, in ogni caso si calcolano circa cinquanta morti ammazzati ogni week end. Le zone più pericolose sono quelle dei barrios: Petare e Catia. Insieme contano quasi due milioni di abitanti. Petare è il più grande dell’America Latina. Le case sono addossate l’una sull’altra. Non si capisce, guardando dalla distanza, perché ovviamente sono zone off limits per turisti, come ci si possa muovere dentro. Non sembrano esserci strade, o comunque sono poche. Ogni tanto si scorgono delle scale. Ogni casa sembra costruita sull’altra come mattoncini di lego a salire, adagiati su belle colline. Si fa fatica a pensare come questi luoghi possano essere presidiati dalla polizia, in quanto inaccessibili. Per raggiungere un posto qualsiasi ci vuole molto tempo, gli eventuali criminali hanno tutto il tempo di dileguarsi nel dedalo del quartiere popolare.

Una parte di questo barrio è possibile vederlo dal Club italo di Caracas. Dista, in linea d’aria, meno di un chilometro, ma è separato da un muro alto due metri di filo spinato. Da un lato piscine, bar, ristoranti, campi da calcio, da bocce, negozi, dall’altro case in latta, legno e il rumore continuo di motori rombanti.

Lo stacco tra i due mondi è potente, inquietante. Poche centinaia di metri separano mondi ben più lontani. In quello decisamente borghese l’italicità la fa’ da padrone, anche perché a partecipare non sono solo oriundi o expat italiani, ma piuttosto italofili, persone, cioè, che non hanno discendenza italiana, ma ai quali piace stare in un ambiente italico. La quota d’iscrizione, una volta per tutte, è molto cara, non solo per il costo della vita locale, decisamente inferiore a quello italiano o americano. Per fare un esempio la paga media di un operaio o un dipendente aziendale è intorno ai 150 dollari al mese. Un pieno di benzina lo fai però con circa 5 centesimi di dollari.

Ma il mondo italico di Caracas si muove in maniera dinamica e con peculiarità proprie. La forte immigrazione dalla penisola italiana è stata tardiva rispetto agli altri paesi del Sud America, in particolare all’ Argentina e al Brasile. In Venezuela molti sono arrivati dopo la Seconda Guerra mondiale. Il paese prometteva terre da coltivare a prezzi stracciati se non praticamente regalati.

Gli italiani si sono integrati, sono diventati Venezuelani. Hanno contribuito tantissimo alla costruzione del paese che li ha ospitati, ma hanno mantenuto un contatto privilegiato con l’Italia, in particolar modo con la regione di provenienza. Hanno dato vita ad associazioni di campani, di calabresi, di veneti, di pugliesi, di siciliani vivendo contemporaneamente una situazione di pluriapparteneza: alla regione, all’Italia e al Venezuela. Molti si definiscono orgogliosamente italo-venezuelani. Noi li chiamiamo italici, perché quel trattino non rende merito. Sembra spezzare la loro appartenenza, come fossero divisi in due ed invece sono qualcosa di unico, di particolare, pieno della ricchezza di chi vive insieme due mondi compenetrati.

La Lombardia, la Calabria, l’Abruzzo e il Molise, la Toscana, l’Emilia Romagna, le Marche, la Basilicata, la Campania, la Puglia e la Sicilia diventano protagoniste, con i loro sapori, i loro grandi letterati, i loro grandi musicisti, i loro grandi artisti, per una notte alla settimana in Caracas. Un pezzo di Italia riemerge attraverso intellettuali, artisti, scrittori, attori, cuochi, imprenditori e si offre a chi la vuole afferrare, sentirne il richiamo. Non ci sono italiani stricto senso ma italici che raccontano l’Italia con i loro occhi, con le loro storie e per questo la rendono più attrattiva, meno scontata, piena di sentimento, desiderio di condividere con chi già la conosce e chi un po’ meno.

E’ questo quello che mi porto a casa in Italia, un pezzo di un’altra Italia, come dice la citazione introduttiva. Pensavo, partendo, di lasciarla là in mezzo al Mediterraneo, invece ne ho trovata un’altra in un paese, di cui già il nome (Venezuela deriva da Venezziola o Venezuola attribuito da Amerigo Vespucci, cioè piccola Venezia) risuona italico.

Se c’è una cosa che ho capito è che l’Italia la scopri nella sua essenza proprio fuori dai suoi confini. Scopri di sentirti più italiano. Scopri che l’Italia è amata proprio per quello che più si dà per scontato e di cui non ci si accorge più. Scopri che molti la sognano. Scopri che qualcuno se l’è inventata o reinventata in altri luoghi. Scopri che molti italici si sentono anche migliori degli italiani. Scopri che l’Italia è molto di più di quella penisola a forma di stivale. E’ solo che noi italiani ce ne dimentichiamo troppo facilmente.

(RICCARDO GIUMELLI/da: La Voce di New York)

 

Ultima ora

11:46Artigiano ucciso: moglie arrestata chiede revoca misura

(ANSA) - SESTRI LEVANTE (GENOVA), 16 DIC - L'avvocato di Gesonita Barbosa, la brasiliana 35enne in carcere con l'accusa di essere la mandante dell'omicidio del marito Antonio Oliveri, ha presentato al gip istanza di revoca della misura cautelare ed in subordine gli arresti domiciliari. "Agli atti non esistono prove concrete che colleghino la mia assistita all'omicidio del marito - spiega l'avvocato Nicoletta Peri -. Dopo aver consultato la signora Barbosa (che si dichiara completamente estranea al delitto. ndr) in carcere a Genova Pontedecimo abbiamo deciso di presentare la richiesta di scarcerazione proprio per l'inconsistenza di prove di colpevolezza. Inoltre continua una gogna mediatica per fare apparire la Barbosa quale omicida seriale". La richiesta di revoca degli arresti arriva mentre si indaga su una seconda morte avvenuta un anno fa, quella del vicino di casa della donna, Aldo Bacigalupo di 81 anni, deceduto ufficialmente per cause naturali. (ANSA).

11:44In fiamme auto ex assessore comunale di Catanzaro, indagini

(ANSA) - CATANZARO, 16 DIC - Un incendio, sulla cui natura sono in corso accertamenti, ha danneggiato nella notte l'auto dell'ex assessore comunale all'ambiente di Catanzaro, Giampaolo Mungo. La vettura, una Fiat 600, era parcheggiata nei pressi dell'abitazione nel quartiere Piterà del capoluogo. Le fiamme, che sono state spente dai vigili del fuoco del comando provinciale di Catanzaro, hanno completamente distrutto il vano motore dell'utilitaria. L'episodio è stato denunciato dallo stesso Mungo ai carabinieri della Compagnia di Catanzaro che hanno avviato le indagini. Nessuna ipotesi è al momento esclusa. Mungo, esponente del movimento Officine del Sud, si era dimesso dalla carica di assessore comunale lo scorso 24 novembre.

11:43Macron festeggia i 40 anni in castello Loira, polemiche

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il presidente francese François Macron, che compirà 40 anni il 21 dicembre, sta festeggiando il compleanno con amici e famiglia questo fine settimana al Castello di Chambord, il più imponente dei castelli della Loira, costruito da Francesco I di Francia nella prima metà del Cinquecento per poter organizzare grandi battute di caccia nel centro del paese. Secondo Le Monde online Macron e la moglie Brigitte sono giunti al castello ieri sera, insieme con i figli e i nipoti della première dame. Alloggiano nella Maison des réfractaires, una foresteria trasformata in albergo di lusso. L'Eliseo, confermando le informazioni, ha parlato di "weekend privato", di un costo "inferiore ai mille euro", interamente pagati dal presidente. Venerdì sera Macron ha incontrato un gruppo di cacciatori che in giornata aveva partecipato ad una battuta. Questa sera il presidente festeggerà il compleanno con qualche giorno di anticipo in uno dei saloni di questo capolavoro del Rinascimento francese.

11:40Moto: Sky Racing Team Vr46 corre a X-Factor

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Dalla pista al palcoscenico di X Factor. Come da tradizione, anche quest'anno i piloti dello Sky Racing Team VR46 hanno preso parte alla serata della finale del talent show musicale. Per l'occasione, Francesco Bagnaia, Luca Marini, Nicolò Bulega e Dennis Foggia hanno svelato in diretta su Sky Uno HD le livree della stagione 2018 di Moto2 e Moto3. Il Team, nato nel 2014 dal progetto condiviso tra Sky e la VR46 di Valentino Rossi per sostenere la crescita dei giovani talenti italiani del motociclismo, si proietta verso la stagione 2018 tra novità e conferme, con quattro piloti in due categorie: in Moto2 Luca Marini affiancherà Francesco Bagnaia su Kalex mentre, in Moto3, Dennis Foggia correrà con Nicolò Bulega su KTM. Bagnaia, Rookie dell'anno in Moto2 dividerà il box con il 20enne Luca Marini, talento coltivato nell'orbita della VR46 Riders Academy e protagonista di una crescita costante e significativa. Bulega, in Moto3 con l'obiettivo di essere sempre più competitivo

11:23‘Our Le Mans’: ecco il docufilm di Cetilar Villorba Corse

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sarà distribuito via web lunedì 18 dicembre Our Le Mans ("La nostra Le Mans"), il docufilm che racconta l'esordio del team Cetilar Villorba Corse alla 24 Ore di Le Mans 2017. Diretto da Nico Fulciniti di JOBDV/Studio, il film sarà visibile collegandosi alla pagina www.cetilarvillorbacorse.com/film all'interno del portale ufficiale del team tutto italiano diretto da Raimondo Amadio che con la Dallara P217 condotta da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi si è classificato nono assoluto e settimo di classe LMP2. Totalmente incentrata sul racconto/resoconto di questo straordinario debutto nella leggendaria ed estenuante gara automobilistica francese, la pellicola è il sequel del precedente "Road to Le Mans", presentato nell'aprile scorso e che raccontava l'evoluzione del progetto Cetilar Villorba Corse dalla nascita fino alla conferma della prima partecipazione avvenuta nel segno del motto distintivo "Italian Spirit of Le Mans" nel giugno scorso.

11:13Moto: varati calendari 2018 minimoto e Civ Junior

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Scatteranno nel fine settimana del 22 aprile il Campionato Italiano Minimoto e il CIV Junior 2018. A poco più quattro mesi dall'inizio dei tricolori dedicati ai giovanissimi della velocità nazionale, sono stati pubblicati i calendari di entrambe le competizioni a ruote basse. Sia nel Campionato Italiano Minimoto che nel CIV Junior si disputeranno due round per ogni weekend, per un totale di 5 tappe e 10 gare a Campionato. Campionato Italiano Minimoto: la prima partenza avverrà nel nuovo impianto di Cervesina (PV), poi si correrà una volta al mese (ad eccezione di agosto mese dedicato al campionato europeo) fino a settembre. Dopo il semaforo verde del 21 e 22 aprile, il secondo appuntamento si svolgerà il 12 e 13 maggio a Castrezzato (BS). Gli impianti di San Mauro Mare (FC) e Contigliano (RI) ospiteranno, rispettivamente il 9-10 giugno e il 14-15 luglio, gare che potranno essere determinanti. Gran finale il 15 e 16 settembre a Jesolo (VE).

11:05Basket: Nba, tonfo inatteso di Boston, corre Houston

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'inatteso tonfo casalingo di Boston e la dodicesima vittoria consecutiva di Houston sono i dati salienti della notte Nba, nella quale si sono giocate undici partite. I Celtics hanno dovuto cedere le armi agli Utah Jazz con il punteggio di 107-95. Sonante la vittoria dei Rockets sui San Antonio Spurs, 124-109 (Chris Paul a segno con 28 punti). Vittoria di misura 96-94 dei Memphis Grizzlies sugli Atlanta Hawks di Marco Belinelli, autore di una buona prestazione, segnando 14 punti in soli 21 minuti. Prestazione magnifica invece per Russell Westbrook, ormai tornato quello dei tempi migliori, che ha messo a segno una tripla doppia (27 punti, 17 rimbalzi e 15 assist) trascinando alla vittoria Oklahoma su Philadelphia per 119-117 in una partita allungata fino a 3 overtime. Da segnalare infine la sconfitta dei Clippers con i Washington Wizards per 100-91 e la vittoria di Denver su New Orleans per 117-111.

Archivio Ultima ora