Alfano, solidarietà ad operai e poliziotti feriti

Pubblicato il 30 ottobre 2014 da redazione

ROMA. – Esprime solidarietà ai poliziotti e ai lavoratori feriti, assicura che l’idea di “manganellare gli operai è lontana anni luce dal governo” e che manifestare, “anche in modo aspro, è sacro”, invita la politica a “non cavalcare le tensioni” per evitare che una scintilla “inneschi pericolose derive”: ma il ministro dell’Interno Angelino Alfano, in Parlamento a nome del governo, non chiede scusa per le manganellate di ieri ai lavoratori dell’Ast di Terni. E non individua sbavature nella gestione dell’ordine pubblico da parte delle forze di polizia né smentisce la versione della questura di Roma, contestata dai sindacati, secondo la quale i manifestanti volevano dirigersi verso la stazione Termini: “era una voce raccolta in piazza dai funzionari di polizia”. Una posizione che il ministro ha evidentemente condiviso con il resto dell’esecutivo e che serve da un lato ad abbassare i toni, come chiesto in primis dal Pd, e a stemperare gli animi della piazza. E dall’altro a far sentire la vicinanza del governo alle forze di polizia, che in un momento di forti tensioni si ritrovano sempre in prima linea. Perché, e di questo sono consapevoli sia il governo sia i sindacati, non c’è solo la Ast di Terni: le vertenze industriali da affrontare sono tante e difficili. I prossimi saranno dunque mesi complessi e il lavoro è un tema sociale esplosivo, troppo importante e troppo serio per ridurlo ad una questione di ordine pubblico, con le conseguenti strumentalizzazioni. Matteo Renzi lo ha detto chiaramente ai leader sindacali nell’incontro di questa mattina a palazzo Chigi, prima ancora che Alfano riferisse al Parlamento: le vertenze “vanno separate dal confronto politico”: su questo “non consentirò strumentalizzazioni”. Ai rappresentanti degli operai il premier ha anche garantito che “faremo le verifiche” su quel che è accaduto “e poi gli atti saranno conseguenti”. Dunque la possibilità che qualche testa salti, magari tra qualche giorno quando le acque si saranno calmate, non è del tutto da escludere. Ecco perché i leader sindacali, pur mantenendo toni accesi, non sono andati oltre la richiesta che simili episodi non si ripetano mai più. “Non chiediamo le dimissioni di nessuno” ha detto non a caso il segretario della Cgil Susanna Camusso che ha definito gli scontri di ieri un “segnale pericoloso di una situazione economica e sociale molto difficile”. Ma, ha aggiunto, “Renzi abbassi i manganelli e chieda scusa”. Anche il leader della Fiom Maurizio Landini, che ieri era in prima fila alla manifestazione, ha preferito sottolineare la solidarietà espressa da Alfano agli operai piuttosto che evidenziare la mancanza di scuse: “ai poliziotti doveva darla per forza, la novità è che l’abbia espressa anche agli operai”. L’importante è che “la pagina negativa vista ieri non si ripeta più”, ribadisce guardando già alle 8 ore di sciopero generale indette dal sindacato, con due grandi manifestazioni a Milano e Napoli il 14 e il 21 novembre. Le dimissioni le chiedono invece M5s e Sel che hanno presentato una mozione alla Camera: “le disposizioni impartite da Alfano risultano, evidentemente e fin dall’inizio del suo mandato, aver inaugurato un nuovo corso per le forze dell’ordine, utilizzate per picchiare i lavoratori”. Il ministro va però dritto per la sua strada e nella ricostruzione in Parlamento sostiene che, in considerazione della presenza di altre 5 manifestazioni tutte sul tema del lavoro, c’era la necessità di una “doverosa regolamentazione” dei cortei, per evitare “criticità” attorno ai ministeri dello Sviluppo economico e del lavoro. Ecco perché la richiesta degli operai di raggiungere il Mise “non è stata immediatamente accolta”. Tra l’altro, ribadisce, i funzionari in piazza avevano raccolto la voce che gli operai volessero andare a Termini. Versione che Landini smentisce di nuovo: “lo testimoniano i video, tutti in piazza sapevano che volevamo andare al Mise perché c’era incontro tra azienda e Governo”. Alfano è consapevole però che qualcosa non ha funzionato ed è per questo che ha avanzato una proposta che, nell’ottica del Viminale, dovrebbe evitare il ripetersi di questi episodi: l’istituzione di un “tavolo permanente” con i sindacati al ministero per gestire al meglio le manifestazioni. Dobbiamo “affrontare, secondo un metodo di condivisione, le modalità di governance di quelle manifestazioni che possono risultare più impegnative anche per l’ordine pubblico”. Un metodo, conclude, che è “un rafforzamento ulteriore di una modalità che può e deve funzionare sempre più e sempre meglio, quella di un coordinamento con le organizzazioni”.  (di Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

13:22Sci: altro podio per la Goggia, 3/a nel SuperG Val D’Isere

(ANSA) - VAL D'ISÈRE (FRANCIA), 17 DIC - L'azzurra Sofia Goggia e' davvero tornata alla sua maniera e cioe' a suon di podi: seconda nel SuperG di ieri in Val d'Isere e terza pure nel SuperG di oggi in 1.06.28. Ha cosi' rimediato un distacco minimo di tre centesimi dalla piazza d'onore occupata da Tina Weirather del Liechtenstein che infatti chiuso in 1.06.25. Ha vinto - un ritorno al successo dopo una attesa di due anni e mezzo per infortuni - l'austriaca Anna Veith in 1.05.77. Per l'Italia vi sono poi Federica Brignone buona 7/a in 1.06.86, e poi poco piu' indietro Nadia Fanchini in 1.07.45, Johanna Schanrf in 1.07.57 e Marta Bassino in 1.07.97. Non e' invece scesa in pista Lindsey Vonn, vincitrice ieri, lamentando dolori ad un ginocchio. E' invece caduta ad alta velocita' la francese Tessa Worley rimasta illesa anche grazie all'apertura dell'air bag.

13:13Neve su strade al valico di Colfiorito

(ANSA) - PERUGIA, 17 DIC - Intensa nevicata nella zona del valico di Colfiorito, sull'Appennino tra l'Umbria e le Marche. Interessa il vecchio e il nuovo tracciato della strada Val di Chienti. La polizia stradale riferisce che il transito è consentito solo ai veicoli con catene montate. Non sono stati comunque segnalati particolari problemi. Una lastra di ghiaccio si è invece formata nelle prime ore della mattina sul raccordo Perugia-Bettolle, nella zona di Tuoro sul Trasimeno non distante dal lago. Sulla carreggiata che porta in Toscana si è quindi innescato un incidente, coinvolgendo otto veicoli. Nessuno è rimasto comunque ferito. Per la neve e l'incidente sono state impegnate pattuglie della polstrada di Perugia e di città di Castello e una dei carabinieri.

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora