Champions: scocca l’ora della verità, qualificazioni in vista

ROMA. – Se Bayern, Real e Chelsea fanno corsa a parte, dominando in campionato e in Europa, tutte le altre protagoniste alternano imprese a ko e devono guadagnarsi il passaggio del turno non abbassando mai la guardia. La Champions celebra domani e mercoledi’ il quarto appuntamento che decretera’ alcune qualificazioni ma restano comunque molti punti interrogativi. Il momento e’ particolarmente delicato e molte squadre illustri (dal Barcellona al City, ad esempio) sono in fase declinante. Non era mai successo prima che 10 squadre sulle 32 partecipanti arrivassero all’appuntamento europeo dopo una sconfitta: Malmoe, Liverpool, Leverkusen, Dortmund, Roma, Cska, Barcellona, Sporting, Maribor e Shakhtar hanno subito il ko, segno che a novembre e’ sempre piu’ difficile gestire tre impegni a settimana. Nelle gare di domani rischia molto la Juve che, affrontando l’Olympiacos, non ha alternative alla vittoria anche perche’ l’Atletico che Simeone ha riportato a regime difficilmente restera’ a secco nella trasferta di Malmoe. Per la squadra di Allegri, che ha mostrato alcune pause in campionato, si tratta di un esame di maturita’. Un passo falso peserebbe per il resto della stagione. Il Liverpool, al quarto ko in Premier, rischia la goleada al Bernabeu con un Real che ha centrato l’11/a vittoria consecutiva. Ma comunque i Reds hanno altre due partite per conquistare il secondo posto visto che Basilea e Ludogorets, che si affrontano domani, sembrano alla sua portata. Nel gruppo C lo Zenit, dominatore in campionato, tenta l’operazione sorpasso in vetta ospitando il Leverkusen mentre il Monaco cerca almeno un punto in casa del deludente Benfica. Discorso praticamente chiuso nel gruppo D con Arsenal e Dortmund (a punteggio pieno ma in piena lotta per non retrocedere in Bundesliga) che timbreranno la qualificazione battendo in casa Anderlecht e Galatasaray. Per Prandelli comunque la panchina non e’ in pericolo se continua a restare in testa al campionato. Mercoledi’ il City si gioca la sua stagione europea: sara’ necessaria la vittoria col Cska per tornare in corsa visto che il pronostico non concede molte chance alla Roma nella trasferta di Monaco dopo il 7-1 dell’andata e il ko di sabato col Napoli. Per la squadra di Garcia la trasferta di mercoledì è comunque passaggio delicatissimo della stagione, a prescindere dal risultato e non solo per le ripercussioni sulle chance di passaggio del turnbo. Quanto ai citizens, attraversano una fase negativa e possono contare soprattutto sui gol di Aguera, che ha deciso anche il derby con l’United che avrebbe meritato il pari. Nel gruppo F il Psg se vince si qualifica matematicamente mentre per il Barcellona, che ha perso scioltezza ed e’ in fase involutiva, e’ necessario ripartire approfittando della trasferta con l’Ajax. Qualificazione a un passo per il Chelsea che continua a vincere pur senza convincere e mercoledi’ gioca in casa del Maribor. Ottavi in vista anche per lo Schalke se vince in casa del deludente Sporting. Due favorite anche nel gruppo H: Shakhtar e Porto posso gia’ accedere agli ottavi se fanno risultato in casa col Bate e in trasferta con il modestro Athletic. In Europa League il lanciato Napoli di Benitez puo’ vendicarsi del ko di Berna ospitando giovedi’ lo Young Boys. Inter, Fiorentina e Torino dominano i rispettivi gironi ma cercheranno di fare risultato soprattutto per dimenticare le pesanti ombre del campionato. Per il Torino l’impegno piu’ facile, con l’Hjk Helsinki, mentre St.Etienne e Paok saranno avversari duri per nerazzurri e viola. Tra le altre partite piu’ significative, Siviglia-Steaua e Everton-Lilla.

Condividi: