Pagelle Openpolis, leghisti gli sgobboni del Parlamento

ROMA. – Sono i leghisti gli sgobboni del Parlamento. Così risulta dallo studio della società di analisi politica Openpolis sulla produttività di deputati e senatori nel periodo tra marzo del 2013-ottobre 2014. Lo studio si basa sull’assegnazione a ogni singolo parlamentare di un indice di produttività, composto assegnando un punteggio per ogni singolo atto parlamentare compiuto da deputati e senatori (presenze in aula, emendamenti e proposte di legge presentati, con dei bonus per per ogni proposta approvata). La classifica per gruppi politici che viene fuori dallo screening vede la preminenza della Lega Nord, che arriva a quota 225 punti alla Camera e 172 al Senato. Segue Sel, con 76 punti alla Camera e 125 al Senato (dove fa parte del gruppo misto). Poco “efficiente”, invece il Pd, che è maglia nera alla Camera (indice di produttività pari a 48 punti) e a metà classifica al Senato (92 punti). Non benissimo nemmeno i nuovi arrivati del M5s, che totalizzano 62 punti alla Camera e 80 al Senato. Male anche Forza Italia: 53 punti alla Camera, 65 al Senato. Guardando ai singoli, i parlamentari più attivi, sempre secondo l’analisi di Openpolis, sono il leghista Matteo Bragantini alla Camera e la capogruppo di Sel Loredana De Petris al Senato. Ma il rapporto evidenzia anche i parlamentari che sono rimasti a quota zero, senza cioè “attività da registrare”: parlamentari che non hanno presentato nemmeno un emendamento e che non sono mai intervenuti nelle discussioni in aula e in commissione. Nella lista si trovano nomi “eccellenti”, come quelli di Denis Verdini, Niccolò Ghedini, Daniela Santanché, Gianfranco Rotondi e Paolo Bonaiuti. (di Mattia Bagnoli/ANSA)

Condividi: